Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 17:06

I Rettori del meridione incontrano la ministra Maria Chiara Carrozza

I Rettori del meridione incontrano la ministra Maria Chiara Carrozza

Lecce - Nel pomeriggio di oggi, giovedì 28 novembre 2013, i Rettori delle Università meridionali hanno incontrato la Ministra all’Istruzione Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza. Al proposito un commento del Rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara:

«La Ministra ha dimostrato grande disponibilità: nell’incontro, di due ore e mezzo, tutti noi Rettori abbiamo potuto illustrare la nostra posizione ed esprimere le nostre opinioni. Molti hanno fatto notare che è la prima volta che si dedica tanto tempo all’ascolto: un’apertura al dialogo che giudico molto positivamente. L’incontro segna inoltre l’inizio di un percorso condiviso, con l’apertura di tavoli tecnici misti MIUR/CRUI che lavoreranno sulle singole criticità, evidenziate nel nostro documento, per proporre soluzioni concrete.
Non si è trattato, come più volte ha ribadito la Ministra, di un incontro operativo, di negoziazione, tuttavia è stato chiarito che il Ministero non deve essere considerato controparte delle Università. La professoressa Carrozza ha quindi esplicitamente dichiarato d’essere dalla nostra parte e di condividere quanto abbiamo evidenziato.
Personalmente ho ribadito la necessità di superare generiche prese di posizione per passare a proposte operative. Ho sottolineato inoltre che gli studenti vanno tenuti nella massima considerazione, anche perché l’interessamento che stanno dimostrando su tematiche complesse, come per esempio la sostenibilità economico-finanziaria degli Atenei, rende loro merito. Ma soprattutto ho evidenziato un punto: le criticità possono essere risolte solo se si utilizzano le competenze giuste al posto giusto. I tavoli tecnici, insomma, siano tecnici davvero, utilizzino le persone che hanno competenze “tagliate” sul tipo di criticità che va risolta.
Condivido, quindi, il metodo utilizzato e il lavoro avviato, e mi piace sottolineare come la nostra idea per la costituzione di un gruppo di lavoro a livello locale abbia di fatto precorso – come logica - quella della Ministra. Le proposte che potrò raccogliere a Lecce saranno messe a valore a livello nazionale nel miglior modo possibile».

Di seguito il documento unitario elaborato dai Rettori delle Università meridionali e consegnato alla Ministra.

Nel ringraziare l’Onorevole Ministro per l’attenzione che ha ritenuto di riservare ai problemi posti dalle Università del Mezzogiorno, i Rettori presenti preliminarmente intendono confermare e sottolineare che si sentono parte del sistema universitario nazionale e, pertanto, ribadiscono la necessità che venga garantita coesione, unità ed equità dell’intero sistema.
Affinché siano assicurati omogenei standard qualitativi di alta formazione e ricerca e il diritto allo studio su tutto il territorio nazionale, i Rettori sottolineano l’esigenza di intervenire per rimuovere gli squilibri di natura strutturale dell’attuale sistema di finanziamento delle Università, in ossequio ai principi costituzionali di sussidiarietà e di uguaglianza. Al riguardo, si rileva che l’entità del finanziamento del sistema universitario è assolutamente insufficiente a garantire adeguati standard di qualità e il riconoscimento del merito dei ricercatori. Inoltre, l’attuale meccanismo di distribuzione delle risorse non tiene in debito conto il ben differenziato contesto socioeconomico di ubicazione dei singoli Atenei: nello specifico, l’elevato numero di studenti che, soprattutto nel Mezzogiorno, fruiscono legittimamente di esenzioni dalla tassazione, peraltro mediamente più bassa per la minore capacità contributiva delle famiglie.
Ciò suggerisce, nel brevissimo periodo:
l’introduzione di clausole di salvaguardia finanziaria che consentano di preservare gli equilibri di bilancio degli Atenei nel 2014;
il recupero delle disparità determinatesi in seguito all’emanazione del DM 713/2013;
il superamento della divergenza tra i criteri di attribuzione dei punti organico e delle risorse finanziarie.
Nel breve periodo si ritengono necessari i seguenti interventi :
la revisione dell’intero sistema di finanziamento delle Università, con particolare riguardo all’introduzione del costo standard unitario di formazione per studente, da determinarsi con riferimento anche ai differenti contesti economici, territoriali e infrastrutturali in cui opera ogni singolo Ateneo;
l’introduzione di efficaci sistemi di incentivazione che non si rifacciano ad una mera valutazione del passato e che, invece, attribuiscano le risorse sulla base di risultati che gli Atenei si impegnano a raggiungere, in modo verificabile.

Esiste, inoltre, l’esigenza di affrontare i problemi specifici derivanti dalla gestione dell’attività sanitaria delle ex-facoltà di Medicina, attraverso la costituzione di un tavolo tecnico con i Ministeri competenti, anche in ragione della incompiutezza del processo di riforma avviato con il Decreto legislativo 517/99.
I Rettori ritengono che tali problematiche vadano affrontate attraverso un confronto istituzionale, che coinvolga il Governo e il sistema universitario nazionale, per pervenire ad un Patto nazionale per l’istruzione e la ricerca, con l’obiettivo di definire il percorso verso l’adozione del nuovo sistema di finanziamento e gli impegni che ciascuno dovrà assumere, nella consapevolezza che il sistema universitario debba rappresentare un fondamentale volano per lo sviluppo socioeconomico e civile del Paese.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner