Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 22:43

M5S, Lezzi: "Legge di stabilità: Cittadini? No, grazie"

M5S, Lezzi: "Legge di stabilità: Cittadini? No, grazie"

Lecce - La senatrice e Vice presidente della commissione bilancio al Senato (M5S), Barbara Lezzi, è intervenuta in merito al fatto che nei documenti attinenti la legge di stabilità, non si faccia il minimo cenno ia cittadini, le imprese, o ai professionisti.

"E' deprimente leggere i documenti attinenti alla legge di stabilità, nonché il "Rapporto sulla stabilità finanziaria" redatto dalla Banca d'Italia, "Le previsioni economiche di autunno" e il "Parere della Commissione europea sul documento programmatico di bilancio 2014".
Le conclusioni a cui sono arrivata sono amare.
In questi documenti non vengono mai citati i cittadini, le imprese, i professionisti, le difficoltà e la rabbia con cui ogni giorno si affrontano i mille problemi per poter sopravvivere.
Le misure adottate dal Governo sono dei macigni che si abbatteranno ancora una volta sulla vita delle persone.
Molti parlano di Europa a due velocità. Ci fosse un'Europa a due velocità! Almeno ci sarebbe qualche speranza.
Vi è una parte di Europa senza più stimoli, piegata su se stessa.
Senza considerare le differenze regionali e territoriali, in Grecia e in Spagna il tasso di disoccupazione supera il 26%. L'Italia ce la sta mettendo tutta per perseverare sulla cattiva strada facendo crescere il livello dei disoccupati oltre il 12%. In realtà, se si considera il fatto che molti senza lavoro, per sfiducia e disillusione, hanno smesso di cercarlo, il tasso di disoccupazione va ben oltre .
La legge di stabilità che ci accingiamo a discutere al Senato ha coperture fittizie dietro le quali si nascondono montagne di tasse dormienti che cadranno sulla testa degli italiani con il meccanismo della clausola di salvaguardia.
Giusto per capire di cosa si tratta, basta vedere quello che sta succedendo in questi giorni.
Il meccanismo è il seguente: il Governo promette un taglio (IMU), indica delle coperture fittizie o insufficienti ma, per garantire l'Europa, per il futuro, prevede, con la semplice emanazione di un decreto ministeriale, aumenti di tasse o acconti per la copertura.
Ci ritroviamo un Governo che per abolire la seconda rata dell'IMU, rinvia, per l'imbarazzo, di giorno in giorno, l'emanazione del decreto ministeriale con cui far scattare la clausola di salvaguardia. Per la copertura mancano 620 milioni di euro, probabilmente a pagarli saranno le imprese con gli aumenti degli acconti che verseranno il 2 dicembre e i cittadini che da gennaio dovranno scontare l'aumento delle accise sui carburanti.
La storia si ripete con la legge di stabilità, si promettono tagli con la spending review, che la stessa Europa non considera nel suo parere, a mio avviso per insufficienza di prove (in sostanza non si fida delle balle governative), ma, di fatto, vi è una clausola di salvaguardia che la rassicura e che prevede aumenti di tasse e riduzione di agevolazioni per l'importo di 20 miliardi nel triennio 2014-2017.
E se i venti miliardi regalati alle banche, per ripulire i loro bilanci, fossero stati impegnati per ridurre la pressione fiscale che schiaccia famiglie e imprese?
L'Europa è garantita, le banche passeranno uno spensierato capodanno comprando titoli del debito pubblico, il Governo ammesso dalla Commissione con l'insufficienza e i cittadini e le imprese umiliati".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner