Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 06:07

Lupiae servizi, lavoratori sul piede di guerra chiedono certezze

Lupiae servizi, lavoratori sul piede di guerra chiedono certezze

Lecce - Sono sempre più sul piede di guerra i lavoratori della Lupiae servizi che chiedonio un incontro urgente con il sindaco Perrone, dopo il vespaio di polemiche sollevatosi, in particolare, negli ultimi giorni, sulla società partecipata del Comune di Lecce, in merito alle pratiche di amministrazione, i lavoratori prendono la parola e dichiarano tutto il loro sdegno per quanto sta accadendo. Nelle scorse ore, i lavoratori hanno appeso alcuni striscioni di protesta davanti al Comune di Lecce chiedendo chiarezza alla luce del buco di bilancio di 220 mila euro. 

Sulla vicenda, è intervenuto anche il consigliere Luigi Melica che ha dichiarato:
La Lupiae non serve più. E’ questo che si legge tra le righe degli ultimi articoli apparsi sui media. Il Comune non ha risorse, è in rosso e deve addirittura tutelare gli stipendi dei propri dipendenti dalle “aggressioni” delle società creditrici. Ora si deve tagliare, ma seriamente, e la Lupiae entra nel mirino dell’Amministrazione. Il Sindaco è con il cerino in mano, spetta a lui, ora, dire la verità ai lavoratori della Lupiae. La sequenza degli eventi è impietosa: il Comune non ha risorse necessarie per finanziare le attività della propria partecipata la quale sovrabbonda di personale; di conseguenza diminuiscono le entrate della Lupiae e la società produce passività. Eppure, nella seduta consiliare del 14 Dicembre 2012 Sindaco e Giunta avevano spiegato che la Lupiae non doveva essere né liquidata, né ceduta ai privati, in quanto svolge “attività di interesse generale” e come tale non doveva rientrare nelle previsioni del decreto Monti. E’ quindi lampante come allora, Sindaco e Giunta, unitamente alla dirigenza comunale ed in particolare all’infallibile avvocatessa De Salvo (ricordo che nella riunione dei capigruppo, la dirigente, giurisprudenza alla mano, ci aveva detto che “anche il servizio di portierato è di interesse generale”) avevano spiegato come la Lupiae fosse essenziale per la città svolgendo un’attività vitale per i cittadini leccesi. Balle! Avrebbero fatto meglio a dire un anno fa come stavano realmente le cose. Il Comune non ha risorse per finanziare le attività della Lupiae e, quindi, non può più mantenere i dipendenti della partecipata.

Ora si taglia, nonostante le false illusioni ed i contratti di solidarietà. Il Comune è in rosso, ogni piano industriale riguardante la Lupiae è destinato a fallire e la colpa non né del management, né del precedente Presidente. E dire che, in qualità di rappresentante della minoranza, credendo alle parole di Giunta e Sindaco non avevo votato contro l’ultimo piano industriale, ma mi ero astenuto preferendo osservare l’evoluzione dei fatti. Ahimè, oggi posso dire a malincuore, pensando ai dipendenti della partecipata, che siamo stati presi in giro, ma prima di tutto lo sono stati loro con tante false illusioni. L'operazione verità che il Sindaco dovrebbe fare non riguarda solo le misure immediate e contingenti che si adotteranno per evitare la chiusura del terzo bilancio in rosso della partecipata. Sono certo che l'Assessore Monosi inventera' qualcosa per evitare la messa in liquidazione della società a causa del terzo bilancio in passivo. Ma il punto non è più solo questo. Come chiedono giustamente i lavoratori, non si tratta di permettere loro di trascorrere solo un sereno Natale, senza il timore di perdere il posto di lavoro, bensi' occorre dire con onesta' e trasparenza se, in futuro, il Comune garantirà alla Lupiae il mantenimento dei servizi e delle attività previsti dalla convenzione, se avra' le risorse necessarie, o se non potra' piu' permetterselo ed in questo caso si dovra' dire ai lavoratori come si garantira' il loro posto di lavoro senza ricorrere a tagli. Mi auguro che la Giunta sappia essere chiara su questi vitali profili. In poche parole mi aspetto un nuovo piano industriale dato che il precedente e'stato disatteso".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner