Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 04:50

Il Capogruppo Pdl alla Provincia Ciardo Replica al PD

Il Capogruppo Pdl alla Provincia Ciardo Replica al PD

Lecce - Intervento di Replica al PD da parte del Capogruppo PDL alla Provincia di Lecce Biagio Ciardo.

"Con strumentale insistenza il Presidente del Gruppo Consiliare del PD continua ad imputare all’Amministrazione Provinciale la responsabilità della mancata realizzazione del progetto sul campionamento in continuo dei microinquinanti presso gli impianti industriali della provincia.
Al collega Durante ricordo come più volte (da ultimo nella Commissione Consiliare del 12/06) l’Amministrazione Gabellone ha sollecitato le aziende ad installare al camino un sistema di campionamento delle diossine e degli altri microinquinanti; laddove lo consentiva la legge, alle stesse aziende è stato imposto questo percorso nell’ambito delle procedure autorizzative in corso (per esempio alla “Ruggeri Service” di Muro Leccese).
In altri casi, dove la legge non obbliga l’istallazione di questa strumentazione, la Provincia di Lecce ha stabilito di utilizzare i fondi del piano triennale per l’ambiente per l’acquisto di un campionatore mobile rilevatore delle diossine e degli altri microinquinanti organici (IPA, PCB, furani), da installare per un periodo limitato e in campagne specifiche di almeno un mese intero presso le aziende considerate maggiormente a rischio.
Secondo ARPA Puglia, però, che è il soggetto deputato all’effettuazione in concreto delle campagne di monitoraggio, il campionamento di così lunga durata avrebbe validità tutta da verificare, mentre la gestione e la manutenzione della sonda sarebbero assai difficoltose.
Intanto vi sono due aziende sul territorio (“Ruggeri Service S.p.A.” e “BioSud S.r.l.” che hanno già installato e attivato il campionatore in continuo al camino del proprio impianto, a seguito di prescrizione specificatamente contenuta nell’Autorizzazione Integrata Ambientale.
Per quanto riguarda lo studio delle probabili fonti di inquinamento del territorio, dell’effetto sommatoria degli impianti e di altre criticità ambientali, la Provincia ha poi sottoscritto un protocollo d’intesa per la fondazione e l’avvio della REPOL (Rete Prevenzione Oncologica Leccese), lo scorso 23 aprile, con ARPA Puglia, ASL Lecce, INAIL, CNR, Università del Salento ed Assessorato alla Sanità della Regione Puglia.
Tutto ciò detto mi sembra di poter affermare dati alla mano che la Provincia ha sempre svolto sino in fondo il suo compito e le sue funzioni istituzionali, sia nell’attività autorizzativa che in quella di controllo, non esitando mai a diniegare attività potenzialmente pericolose, come nel caso del “no” alla richiesta di co-incenerimento con il CDR avanzata dalla “COLACEM”, né ad inibire attività in difformità dalla legge che producano inquinamento o allarme per la salute pubblica".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner