Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 17 ottobre 2017 - Ore 10:01

TAP: Bellanova e Capone scrivono al Governo

TAP: Bellanova e Capone scrivono al Governo

Lecce - Teresa Bellanova e Salvatore Capone scrivono al Governo sul gasdotto Tap:

In sintesi è presto detto: prima la consultazione dei territori, poi la ratifica.

E’ l’obiettivo della lettera inviata ieri dai parlamentari Pd pugliesi al Governo, e specificamente al Presidente del Consiglio Letta, al Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, al Sottosegretario Sviluppo Economico Claudio De Vincenti e al Vice Ministro Affari Esteri Marta Dassù, questi ultimi referenti per il Governo.

Nella lettera i due parlamentari, che già in precedenza avevano interrogato il Governo e avviato un confronto con il Ministero dell’Ambiente, evidenzianoo come il progetto di realizzazione della Trans Adriatic Pipeline sia “da mesi all’attenzione delle comunità locali pugliesi che ne contestano la realizzazione e l’approdo con motivazioni, di merito e di metodo, recentemente formalizzate ed espresse in sede di controdeduzioni allo Studio di Impatto Ambientale e Sociale (Esia) depositato il 10 settembre scorso al Ministero dell’Ambiente, recante le modifiche apportate al Progetto e al Tracciato”, e ricordano che nel frattempo“anche la Regione Puglia, al fine di formulare un parere compiuto, ha avviato d’intesa con il Governo nazionale una fase di consultazione aperta che si concluderà entro il mese di dicembre, dettagliata dall’Assessore Guglielmo Minervini nella seduta odierna del Consiglio regionale”.

D’altra parte, si legge ancora, “per voce del Sottosegretario alla Sviluppo Economico prof. Claudio De Vincenti, e d’intesa con il Ministero dell’Ambiente, il Governo si sarebbe già dichiarato disponibile, su richiesta della stessa Regione Puglia, ad un proroga del termine utile (fissato al 10 novembre u.s.) al recepimento delle osservazioni al Progetto e, come si evince anche dallo stenografico della Seduta n. 127 del 17 ottobre u.s. al Senato, ha – ancora per voce del Sottosegretario Claudio De Vincenti -, affermato di voler avere un ruolo nella realizzazione e poi, nelle prossime settimane, nello svolgimento della consultazione pubblica in corso sul progetto, in particolare nella regione Puglia, e di voler vigilare con grande attenzione sulle caratteristiche del progetto e sul suo impatto ambientale”.

Mentre, sottolineano ancora i due parlamentari, “in sede di controdeduzioni presentate dal Comune di Melendugno e da altri soggetti in qualità di portatori di interesse,emergono con evidenza sia l’impropriatezza dell’approdo presso la Marina di San Foca, sia probabili lacune presenti nei documenti depositati dalla Società relativi alla fase di VIA, tali da evidenziare la necessità di un supplemento di riflessione e di approfondimento al fine di poter individuare alternative alla realizzazione dell’ultimo tratto offshore e onshore e di poter, senza ombra di dubbio, affermare la strategicità dell’opera per il Governo italiano.

In ogni caso l’imponenza stessa dell’infrastruttura, e il suo impatto su differenti porzioni del territorio italiano, spingerebbero a considerare necessaria una valutazione sulle ricadute complessive del gasdotto, oltre che sul tratto salentino e pugliese”.

Ecco dunque le ragioni della lettera e della richiesta di rinvio della ratifica oltre che del termine fissato per le osservazioni alla VIA, in considerazione “dello stato di grande allarme e preoccupazione diffuso tra le popolazioni”, e “del rischio che la realizzazione del gasdotto così come proposto possa compromettere irreversibilmente e pericolosamente vocazioni e attività economiche, insieme ad emergenze ambientali e naturali di particolare rilievo e pregio, vanificando peraltro progetti – di salvaguardia e tutela ambientale, oltre che di sviluppo economico - in questi anni realizzati anche con l’impiego di imponenti risorse pubbliche, i sottoscritti chiedono che il termine della ratifica sia rimandato in attesa degli esiti della consultazione regionale”.

Un rinvio necessario e opportuno, che Teresa Bellanova e Salvatore Capone ritengono peraltro coerente con “quanto già preannunciato al Governo, per consentire quel supplemento di indagini e valutazioni tanto più urgenti in relazione al carattere dell’opera di cui non sfuggono né l’importanza strategica rilevante né, d’altra parte, la tipologia fortemente impattante”.

“Siamo convinti della necessità”, commentano i due parlamentari, “che il Governo debba dettagliare più puntualmente, in aula, la tipologia dell’infrastruttura, così come l’autonomia dell’accordo rispetto alla localizzazione dell’approdo. In tutti i documenti, e nel testo della Ratifica dell’Accordo, all’esame della Camera nei prossimi giorni, la realizzazione della Trans Adriatic Pipeline viene evidenziata come strategica per il nostro Paese e per l’Europa, e dunque è quanto mai opportuno che non si consumi su questo un devastante conflitto con le popolazioni, né tantomeno si passi a carro armato sulle loro ragioni. Ci aspettiamo che in sede di VIA si risponda puntualmente alle controdeduzioni, così da fugare via ogni dubbio e ogni timore”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner