Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 06:31

Emergenza ulivi: Francesco Pacella risponde a Zaccagnini

Emergenza ulivi: Francesco Pacella risponde a Zaccagnini

Salento - “Ho letto le dichiarazioni del deputato del Gruppo Misto Adriano Zaccagnini, diffuse attraverso l’agenzia di informazione Agra Press, con cui lo stesso definisce ‘infondata l’emergenza ulivi nel Salento e probabilmente legata a logiche speculative’. Mi corre l’obbligo di dissentire e di definire tali affermazioni vergognose e scandalose, non degne di un componente del Parlamento italiano”, dichiara l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Lecce Francesco Pacella.

“Evidentemente l’onorevole Zaccagnini non conosce l’importanza che ha il comparto olivicolo del territorio pugliese e salentino in particolare e, oltretutto, dichiarazioni del genere risultano offensive per il mondo agricolo salentino. Dall’ultimo censimento dell’agricoltura si evince come vi sia stato un incremento degli impianti olivicoli, non certamente per favorire le biomasse, ma per produrre un bene primario della dieta mediterranea”.

E aggiunge: “La dimostrazione che le stesse affermazioni dell’onorevole siano espressione di bassa speculazione politica sta nel fatto che gli alberi disseccati, che potrebbero essere eventualmente abbattuti, andrebbero combusti in loco per evitare il diffondersi del batterio. Quindi, si evince che la legna ricavata non potrà alimentare nessun impianto a biomasse del territorio”.

“In più, le stesse parole risultano lesive della professionalità e rigorosità scientifica dei tanti esperti, da quelli dell’Osservatorio Fitopatologico di Bari, fino ai massimi esperti mondiali americani Purcell e Krugner, che hanno individuato la causa del disseccamento rapido degli ulivi e ne stanno ricercando la soluzione per limitare i danni e bloccarne la diffusione”.

Conclude l’assessore Pacella: “Invito tutti i parlamentari salentini, al di là di ogni appartenenza politica, a mobilitarsi in difesa e a tutela del territorio e degli agricoltori salentini, respingendo le accuse denigratorie e prive di fondatezza, frutto di scarsa conoscenza, cattiva fede e sterile voglia di apparire”.

“Invito l’onorevole a raggiungere il Salento e a prendere conoscenza personalmente della situazione emergenziale che operatori e territorio stanno fronteggiando. E lo rassicuro: non lo lasceremo ripartire senza aver prima degustato la bontà dell’oro giallo salentino, che ci auguriamo di poter continuare a produrre ed esportare nel mondo. Xylella fastidiosa permettendo”.




Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 10/11/2013
E' avvilente constatare che la Puglia con quasi il 50% della produzione dell'olio non abbia un apparato dii
controllo sugli ulivi cosi accreditato quanto quello di Firenze.E' vero noi sappiamo produrre ma non vendere, ma
questo dipende anche dai controlli che sono quasi assenti e della presenza della Regione che lascia
molto a desiderare.
Avatar
mario - 09/11/2013
La gente come Zaccagnini dovrebbe dimettersi per non continuare a fare ulteriori danni.
Pacella ha ragione da vendere,ed è giusto il suo invito a tutti i politici del salento.
La difesa degli ulivi salentini dovrebbe scuotere tutte le coscienze,la gente vuole solo questo
da chi la rappresenta, la politica serve a questo e non soltanto ad occupare poltrone.


Banner
Banner
Banner