Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 12:00

Verifica impianti termici in città: cambiano le regole

Verifica impianti termici in città: cambiano le regole

Lecce - Per tutti i sistemi a metano e GPL, la cui potenza è compresa tra i 10 e i 100 KW, così come quelli di raffrescamento compresi tra i 12 e i 100 KW, sono sufficienti i rapporti redatti dal manutentore

“Non saranno più necessari i controlli e le ispezioni per la verifica del corretto funzionamento degli impianti termici rispetto all’efficienza e al contenimento dei consumi”. E’ quanto afferma l’assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce, Andrea Guido, a renderlo noto questa mattina.
L’entrata in vigore del D.P.R. n.74/2013 introduce infatti delle sostanziali novità in merito agli obblighi delle Amministrazioni Pubbliche relativamente al controllo degli impianti privati. Per tutti i sistemi a metano e GPL, la cui potenza è compresa tra i 10 e i 100 KW, così come quelli di raffrescamento compresi tra i 12 e i 100 KW, non è più necessario l’intervento dell’ente pubblico, ma sono sufficienti i rapporti redatti dal manutentore.

V.I.T., la società cooperativa appaltatrice del servizio di verifica degli impianti termici per conto del Comune di Lecce, non potrà più effettuare alcuna ispezione a priori. Il Decreto in questione, infatti, stabilisce - per gli impianti termici sotto i 100 KW - l’obbligo, in carico al tecnico che effettua la verifica, di compilare il rapporto di controllo di efficienza energetica il quale verrà inviato all’autorità competente per via informatica.

Le verifiche dell’Ente pubblico e dell’azienda appaltatrice del servizio scatteranno solo nei confronti degli impianti che saranno sprovvisti del rapporto di controllo o per quelli per cui siano emerse criticità.
“Sarà il rapporto redatto dal manutentore a certificare il funzionamento dell’impianto al di sotto dei 100 KW. Solo quello” - ha precisato l’assessore Andrea Guido – “Essendo, infatti, la maggior parte degli impianti presenti nelle abitazioni dei leccesi di potenza compresa tra i 10 e i 100 KW per la climatizzazione invernale e tra i 12 e 100 per la climatizzazione estiva, il controllo di efficienza energetica inviato dal manutentore varrà a tutti gli effetti come vera e propria ispezione. Terminati una volta per tutte, quindi, anche i controlli relativi ai sistemi di termoregolazione interna degli impianti nell’ambito delle verifiche gestite dalla Società Cooperativa V.I.T. di Maglie”.

“Quello che mi sta a cuore più di ogni altra cosa in questo momento – ha concluso l’assessore Guido – è la salute dei cittadini ma intendo anche tutelare il posto di lavoro dei 27 dipendenti della Vit. Ecco perché proporrò ai rappresentati della ditta di cominciare a pensare ad un’eventuale riorganizzazione del servizio; assieme al mio staff, di qui a breve, predisporrò inoltre una nuova campagna informativa destinata ai cittadini per rimarcare l’importanza dell’efficienza e del soddisfacimento dei requisiti di legge per tutti gli impianti ai fini del risparmio energetico”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner