Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 17 ottobre 2017 - Ore 06:13

Porto di Brindisi, Adriana Poli Bortone presenta una mozione in Provincia

Porto di Brindisi, Adriana Poli Bortone presenta una mozione in Provincia

Lecce - Adriana Poli Bortone, consigliere provinciale di Io Sud a Palazzo dei Celestini ha presentato stamani una mozione al presidente della provincia di Lecce Antonio Gabellone con l’impegno a rivolgere immediata istanza al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti per procedere, senza ulteriori indugi, al commissariamento dell’autorità portuale di Brindisi, con l’accortezza di scegliere fra quanti, del territorio, abbiano conoscenze e professionalità giuste per gestire una realtà così importante per l’economia salentina. Questa richiesta nasce dall’analisi della situazione al porto di Brindisi e dagli enormi danni che stanno derivando dalla cattiva gestione dell’attuale autorità portale, incapace, sia sotto il profilo della managerialità sia per la scarsa o nulla conoscenza del territorio, che ha, di fatto, penalizzato e svilito ogni tipo di attività. Pertanto, considerato che- il turismo nel Salento rappresenta uno degli assi portanti dell’economia, che il sistema dei trasporti è elemento essenziale per agevolare la circolazione degli uomini e delle merci; che il porto di Brindisi è patrimonio dell’intero Salento;

che oggi il trasferimento Brindisi–Grecia è garantito da un solo traghetto che agisce, di fatto, in regime di monopolio, ritenendosi libero di non garantire il minimo decorso per i passeggeri- si evince come sia indispensabile venire a capo di questa situazione. La cattiva gestione ha già procurato molteplici danni, tra cui un dirottamento dei flussi turistici per la Grecia da Brindisi a Bari e, soprattutto, ad Ancona. Per questo risulta urgente un intervento per chiedere il commissariamento dell’autorità portuale affidando la gestione ad un professionista che conosca bene il territorio e che lo abbia a cuore.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)


Commenti inseriti
Avatar
mario - 20/09/2013
Salento meta turistica, i trasporti! ! ! !
Bene, finalmente un politico che si occupa dei problemi reali del territorio.Brindisi dovrebbe essere quello che è sempre stato nel passato, il porto che collega occidente con l'oriente.La politica regionale e statale invece sta volutamente emarginando
questa realtà del salento con una cattiva gestione e con un accentramento a Bari del traffico sia marino che quello aereo.
I turisti arrivano a Brindisi e poi il caos, mancano i pulman che gli trasportino nel basso salento,meta preferita da tanti di loro
manca una metropolitana di superficie che unisce Lecce con i cento comuni del salento.Non è utopia, abbiamo la sud-est
che collega la gran parte di questi comuni con un tracciato della ferrovia veramente geniale.E' sufficiente aumentare il numero
delle corse e sostituite le fatiscenti vecchie "LITTURINE" con dei piccoli treni veloci e molto manovrabili.Si dimentica
spesso che turismo significs ricchezza per tutta la regione e non solo per i Salentini.Dovrebbe incrementarsi anche
l'agricoltura e le aziende alimentari per rendere il salento più appetitoso sia dal punto di vista bucolico che dal
punto di vista alimentare con tutti quei piatti tipici che ci rendono cosi competitivi.
E' giustissimo aumentare le corse aeree ,marittime e quelle interne, ne va della nostra tenuta come prova di
attrazione per il salento.


Banner
Banner
Banner