Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 15:10

Bellanova e Capone: "Semplificazione, lavoro, equità, giovani"

Bellanova e Capone: "Semplificazione, lavoro, equità, giovani"

Lecce - “Un Decreto che semplifica la vita delle imprese e dei cittadini, che lancia segnali chiari di equità e giustizia sociale e che, ulteriormente arricchito dalla discussione al Senato, rafforza l’azione di Governo per la ripresa economica, l’istruzione e la ricerca,  l’edilizia, l’autoimprenditorialità e l’imprenditoria giovanile, le imprese, i cittadini, le amministrazioni territoriali e i piccoli comuni.
In tandem con le ultime misure approvate dal Parlamento, una tra tutte il Decreto Lavoro, il Decreto del Fare testimonia il lavoro  concreto del Parlamento e del Governo per il sistema-Italia”.

Per Teresa Bellanova e Salvatore Capone, parlamentari Pd per la Puglia, “questi ultimi giorni di lavoro densissimo del Parlamento, prima della chiusura estiva, indicano la volontà della maggior parte delle forze politiche di dare un segnale concreto al paese. “Il Decreto sul lavoro approvato alla Camera mercoledì, il Decreto contro il Femminicidio varato ieri dal Consiglio dei Ministri e il Decreto del Fare che da oggi è legge”, dice Teresa Bellanova, “stanno lì ad indicare proprio questo: l’urgenza di fatti concreti e la determinazione con cui il Premier Letta sta mantenendo fede agli impegni presi.  L’ulteriore limatura del testo al Senato, con la reintroduzione delle misure sul tetto degli stipendi per i manager pubblici, e le ulteriori paletti restrittivi all’azione di Equitalia, come ad esempio la tutela della prima casa, sono la dimostrazione di una capacitò di ascolto delle difficoltà ma anche delle aspettative del paese in materia di equità. Gli 80 articoli del Decreto indicano con chiarezza una road map, e aprono una strada. Sostenere il flusso del credito alle imprese, semplificare la burocrazia, abbreviare la durata dei procedimenti civili, anche attraverso il ripristino della mediazione obbligatoria per un ampio spettro di controversie, garantire un flusso di risorse per le infrastrutture già avviate, ripensare ricerca e università, sostenere interventi nei piccoli comuni. Sono segnali importanti, di cui va colto appieno il significato”.

In particolare è forte la soddisfazione per i due parlamentari circa l’accoglimento, nella “Conversione in legge del decreto-legge 76, con i primi interventi urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonché in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie urgenti”, dei due ordini del giorno relativi al Servizio Civile e alle Cooperative sociali. “Abbiamo chiesto al Governo un impegno concreto per il sostegno del Servizio Civile”, dice Salvatore Capone, “anche alla luce dell’ulteriore stanziamento, deciso in Senato, di oltre undici milioni di euro, che arricchiscono ulteriormente il bando che sarà pubblicato in settembre. Non dimentichiamo, d’altra parte, che il Servizio civile in questi ultimi anni è divenuto un supporto utilissimo per attività di inclusione sociale e sostegno alle marginalità, oltre che per attività culturali, come la gestione delle biblioteche comunali e l’inventariazione di beni culturali materiali e immateriali. E’ quindi nella stessa scia che si colloca anche l’Ordine del giorno con cui si chiede al Governo di valutare l’opportunità di mantenere l’IVA al 4 per cento per le prestazioni erogate dalle cooperative sociali anche oltre il 31 dicembre 2013 e in virtù del fatto che la stessa Unione europea ha in programma una revisione complessiva della normativa del regime IVA. Non dobbiamo dimenticare che la rete delle cooperative sociali è una infrastruttura importantissima, sia dal punto di vista numerico, 12mila coopertiva sociali per oltre 40mila posti di lavoro, sia dal punto di vista dell’assistenza alle fasce svantaggiate e ai minori. Una rete che indebolire, con un aumento vertiginoso dell’Iva, produrrebbe danni enormi”.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner