Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 07:07

Capone e Bellanova: "Un segnale positivo la presenza di Kyenge nel Salento"

Capone e Bellanova: "Un segnale positivo la presenza di Kyenge nel Salento"

Lecce -  “L’attenzione fa bene al governo”, così i parlamentari pd Salvatore Capone e Teresa Bellanova nell’accogliere Cécile Kyenge, che domani, domenica 21 luglio, sarà nel Salento per un viaggio nel mondo dell’immigrazione e dell’accoglienza.

“L’immediatezza con cui la Ministra ha risposto all’invito dell’intero territorio”, proseguono Capone e Bellanova  che accompagneranno la Kyenge lungo la giornata fitta di appuntamenti, “è un segnale forte e particolarmente significativo.

Il Salento è una terra che dell’accoglienza ai migranti ha fatto una cifra indiscutibile e indiscussa, ma dove si sono consumati gravi episodi di sfruttamento e di illegalità.

Siamo convinti che la presenza della Ministra nel luogo divenuto purtroppo simbolo di questa illegalità possa essere determinante per voltare pagina rafforzando un cammino verso la normalità, dove ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte con rigore, puntualità, efficienza.

Questa normalità, che in un paese civile dovrebbe costituire il grado zero, si persegue se siamo tutti capaci di voltare pagina: l’immigrazione non è solo una questione di sicurezza, o di accoglienza, o emergenziale. Soprattutto è una questione che la politica deve essere capace di assumere per intero, ricomponendo le politiche di integrazione e quelle di ammissione e spezzando una volta per tutte il nesso perverso immigrazione-insicurezza.

In questa cornice la ricchezza di esperienze-saperi-professionalità maturata nel mondo del volontariato e nel mondo cattolico è preziosa e insostituibile ma politica e istituzioni non possono delegare al volontariato una responsabilità che non riescono ad assumere, per difficoltà o colpevole incapacità, in prima persona.

I nodi della cittadinanza e del rifugio d’asilo, la capacità di guardare alla trasformazione delle nostre città grazie alla presenza di donne e uomini di nazionalità diverse, portatori di saperi e culture, ci obbligano ad un cambio di passo. 

Verso la normalità”.

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner