Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 10:10

Bellanova e Capone: "Un tavolo a Roma per salvare Omfesa"

Bellanova e Capone: "Un tavolo a Roma per salvare Omfesa"

Trepuzzi - Non si rassegnano, Teresa Bellanova e Salvatore Capone, a veder morire Omfesa, cancellata, lo affermano senza mezzi termini, da crisi di liquidità, impegni mancati, tentativi di furberie.

Nel consiglio comunale aperto svoltosi sabato mattina a Trepuzzi, con la partecipazione dei lavoratori, si erano impegnati a portare nuovamente, all’attenzione del Governo, la vicenda, sollecitando un intervento di urgenza. Obiettivo: attivare un tavolo ministeriale finalizzato ad individuare eventuali manifestazioni di interesse, per impedire “che gli ultimi 4 milioni di euro, dei 27 di commesse appaltate da Trenitalia, siano spostati su altri stabilimenti decretando così la morte dell’azienda”.

L’interrogazione ai Ministri dello Sviluppo Economico e del Lavoro, depositata nella mattinata odierna, ripercorre la parabola degli ultimi anni e dà conto, sia pure nel linguaggio sintetico obbligato, dello stato dell’arte, individuando ancora in quella principale commessa arrivata da Trenitalia prima che Omfesa precipitasse “in un vortice di forte crisi”, il possibile argine per impedire l’irreversibile. Ovviamente in presenza di gruppi imprenditoriali interessati a rilevare il ramo d’azienda, e a far ripartire con nuove premesse l’azienda di Trepuzzi, per decenni punto di riferimento locale e nazionale nel settore della manutenzione ferroviaria.

I due parlamentari non risparmiano naturalmente bordate al management che avrebbe portato l’azienda fino a questo punto, e registrano con disappunto un più complessivo silenzio e una più generale situazione di stallo intorno all’azienda: “seppur autorevoli rappresentanti istituzionali abbiano definita la soluzione indicata dal proprietario un piano allucinante e spregiudicato”, sottolineano, “purtroppo però si registra che dal maggio scorso le istituzioni preposte a trovare una soluzione ancora non hanno prodotto nuovi elementi”.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner