Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 22 agosto 2017 - Ore 03:49

Macculi: "Imprecise le notizie inerenti la gestione dell'Istituto Antonacci"

Macculi: "Imprecise le notizie inerenti la gestione dell'Istituto Antonacci"

Lecce - "Alcune notizie riguardanti la gestione e l’utilizzo dello stabile che occupa l’Istituto “Antonacci” di Lecce risultano assai imprecise o comunque ricostruiscono solo parzialmente l’attività dell’Ente, allo scopo di gettare evidente discredito sulla sua gestione.

Innanzitutto parliamo di un atto di donazione e non di comodato. L’immobile è di proprietà dell’Istituto “Antonacci”, riconosciuto ente morale da quasi 100 anni, con Regio Decreto del 17 febbraio 1921, dunque dotato di amministrazione e guida autonoma.

Nessun cambio di destinazione d’uso è stato effettuato: le stanze sono ancora destinate ad alloggio per ciechi. L’Istituto è infatti nato come ente in grado di fornire servizi qualificati per i non vedenti in età scolare, in modo da favorirne fortemente il loro inserimento nel contesto sociale.

L’Antonacci è guidato da un C.d.A. composto dai presidenti dell’unione italiana ciechi di Lecce, Brindisi e Taranto e da un componente dell’unione italiana ciechi. A questo si aggiungono un rappresentante della provincia, uno del Comune, uno della Camera di Commercio e un altro della Diocesi di Lecce.

Nel 2009, al nostro insediamento, la situazione finanziaria dell’Antonacci era difficile, con 1 milione di Euro di debiti. Il C.d.A. ha approvato un piano di risanamento e rilancio dell’Istituto, valorizzare e vendere un suolo di proprietà sito nel comune di Cavallino, ricavare eventuali rendite dal proprio patrimonio, nel rispetto delle previsioni statutarie, privilegiando sempre i non vedenti, e utilizzando solo LE SOLE STANZE CHE ERANO STATE DISMESSE O MAI UTILIZZATE.

Parallelamente è proseguita regolarmente l’attività dell’istituto, che a livello internazionale ha attivato e continua a intrattenere lodevoli relazioni con le istituzioni bielorusse, per ospitare, più volte, decine di bambini non vedenti provenienti dalla repubblica ex sovietica.

Allo stesso modo è stata avviata la gestione del centro diurno, è stato implementato l’uso di testi braille per bambini non vedenti provenienti da oltre i confini regionali, potenziato il centro di ipovisione di concerto con la ASL (uno dei migliori della Puglia), e creata una biblioteca braille. I servizi sono dunque accresciuti nel tempo.

Questo risulta alla Provincia, almeno dall’intensa attività di controllo condotta nell’Antonacci. Ora è necessario che ognuno si attivi per la propria parte, nella direzione di dare il proprio contributo a chè l’attività dell’ente prosegua e si potenzi ulteriormente". A dichiararlo Silvano Macculi, Assessore Provinciale al Bilancio

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner