Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 02:48

Salvemini: "Processo BOC: il commento che manca alla sentenza"

Salvemini: "Processo BOC: il commento che manca alla sentenza"

Lecce - "Alla luce delle condotte descitte per ciascuno degli imputati, evidente è la legitimmazione dell'Ente territoriale all'esercizio dell'azione civile in sede penale, in quanto dai comportamenti costituenti reato sono derivati all'Amministrazione Comunale, oltre i danni patrimoniali rappresentati dalle somme indebitamente erogate, anche rilevanti danni morali (...)

In forza della condotta tenuta dagli imputati, la Giunta Comunale dell'epoca fu indotta in errore circa l'approvazione della Deliberazione con cui fu emanato il Regolamento per la ripartizione degli incentivi per la progettazione di interventi di finanza innovativa anche in virtù della flasa dichiarazione resa dal Dirigente. 

La palese illegittimità di tali provvedimenti discende dall'assenza di qualunque giustificazione normativa all'adozione degli stessi (...)
Voglia l'on. Tribunale affermare la penale responsabilità degli imputati e per i reati loro rispettivamente ascritti e condannarli alla pena di giustizia.
Voglia altresì condannare gli imputati, in solido tra loro, al risarcimento del danno arrecato alla parte civile del Comune di Lecce e che in questa sede si determina nella somma complessiva di € 1.439.073. di cui 1.109.073 per danno patrimoniale (erogazione di incentivi non dovuti e oneri contributivi e fiscali indebitamente assolti dal Comune); e € 330.000 per danno morale ovvero nella diversa somma che si riterrà di giustizia".

Queste sono state le parole con le quali il Comune di Lecce ha rappresentato le proprie motivazioni nel processo BOC mediante la costituzione di parte civile. 
S'è affiancato alla pubblica accusa per chiedere che gli imputati venissero riconosciuti penalmente responsabili dei rati ascritti e qundi condannati; ha chiesto e ottenuto il risarcimento del danno patrimoniale arrecato e ristoro di quello morale; ha ribadito la palese illeggitimità dei provvedimenti assunti sottolineando la falsa dichiarazione resa dal dirigente.
La sentenza ha accolto in parte le richieste dell'Amministrazione scontando di 349.000 euro la somma chiesta agli imputati.
Eppure all'indomani della stessa i commenti dei componenti della maggioranza non sono improntati alla soddisfazione per il riconoscimento del danno subito dalla collettività;  ma al rammarico per una sentenza "che è stata una sorpresa", alla incondizionata fiducia "nella buona fede del dirigente condannato", al risalto delle "doti professional e al senso istituzionale" dello stesso. 
Tutti immemori, tra l'altro, che sul provvedimento s'era già espressa con parole severissime la Corte dei Conti di Bari: "una decisione scellerata compiuta in dispregio delle legge e delle regole di buona amministrazione, con evidente danno per le finanze comunali".
Un clamoroso strabismo: da una parte si considerano gli imputati colpevoli di reati pesanti; dall'altro se ne tessono lodi e virtù.
Delle due l'una: o a Palazzo Carafa ignorano qual'è è stata la posizione tenuta nel processo dal Comune di Lecce per difendere l'interesse pubblico; o queste dichiarazioni lasciano intendere che la costituzione parte civile è stato approvata dalla Giunta Perrone come atto dovuto e non fortemente voluto.
Non si spiega altrimenti perchè ad oggi nessuno degli amministratori in carica di fronte alla sentenza di condanna che risarcisce la Città del danno subito abbia pronunciato una frase totalmente coerente con la propria posizione processuale: Giustizia è fatta.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner