Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 22 novembre 2017 - Ore 14:07

Sei-Ugl: soddisfazione per l'azione penale intrapresa dopo l'inchiesta Tecnova

Sei-Ugl: soddisfazione per l'azione penale intrapresa dopo l'inchiesta Tecnova

Lecce - Con la presente la scrivente Sei-UGL, nella persona del Segretario Regionale, Dottoressa Veronica Merico, esprime massima soddisfazione nell’ aver appreso la notizia apparsa sui giornali relativa all’esercizio dell’azione penale  per il reato di riduzione in schiavitù e associazione a delinquere nei confronti dei vertici delle aziende coinvolte nell’inchiesta tecnova.  L’intricata faccenda del fotovoltaico che ha smascherato le solite società matrioska, ha fatto molto scalpore sul nostro territorio, dove per la prima volta sono emersi dei capi d’accusa pesantissimi. Il salento, in effetti, da sempre territorio d’accoglienza, si è trovato coinvolto in una brutta pagina della sua storia, dove i capi d’accusa sono  infamanti, e dove le connivenze tra la malavita locale e gli interessi “più alti” non sono  nemmeno tanto velati.

Fa specie, tuttavia che in prima istanza il capo d’accusa della riduzione in schiavitù sia caduto, messo in discussione dal fatto che non ci sia stata coercizione nell’obbligare i lavoratori a sottostare a determinate  condizioni, in quanto la clandestinità e il bisogno sono armi molto più sottili, psicologicamente minanti dell’equilibrio umano. Ciò ha fatto sì che in qualche modo i diritti e la dignità violata di questi lavoratori passasse in secondo piano, cosa che non è successa con altre situazioni altrettanto raccapriccianti verificatesi successivamente.

La scrivente FEDERAZIONE SINDACALE, rende noto che attraverso i suoi legali, a cui  esprime la massima fiducia e a cui vanno i ringraziamenti per la  costanza nel portare avanti una battaglia di queste dimensioni, in particolare all’avv.to Giuseppe Milli, che  rappresenta i nostri lavoratori nei vari gradi di giudizio del penale, si costituirà parte civile nell’eventuale processo penale .

Tanto anche nell’attesa di conoscere l’esito delle centinaia di giudizi instaurati dai lavoratori dinnanzi al Giudice del Lavoro presso il Tribunale dei Brindisi, per il riconoscimento delle residue competenze ancora dovute dalle società coinvolte nella catena degli appalti (UTE – OHL PROENER ).

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner