Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 05:58

Giannetto: "Dare certezze delle risorse per la cig è un imperativo"

Giannetto: "Dare certezze delle risorse per la cig è un imperativo"

Lecce - Balzo in avanti della cassa integrazione a febbraio. Rispetto al primo mese dell’anno, le richieste di questo ammortizzatore sociale da parte delle aziende salentine sono aumentate del 238,5%: il monte ore complessivo è passato da 156.913 a 531.199.

Nel dettaglio, secondo lo studio effettuato dalla Uil sui dati Inps, la richiesta di cig ordinaria è passata da 155.533 ore a 294.359 (+89,3%); la cig straordinaria, da zero a 16.017 ore; la cig in deroga, da 1.380 a 220.823.

 La febbre è ancora troppo alta – commenta il segretario generale della Uil di Lecce Salvatore Giannetto - la condizione del nostro territorio, dal punto di vista economico, ma non solo, è sempre più precaria. I dati sulle richieste di ore di cassa integrazione rispecchiano perfettamente la situazione del nostro sistema produttivo. Crescita nulla, imprese in difficoltà, impatto sulla quantità e qualità del lavoro immediata. Ad una costante crescita del numero di disoccupati, del calo degli occupati, si affianca il fortissimo utilizzo del principale ammortizzatore sociale: la cassa integrazione.

 L’aumento della cassa ordinaria – prosegue Giannetto - indica, pur in presenza di meno giornate lavorate a febbraio, che altre aziende si affacciano sul bacino delle difficoltà e della crisi. Infatti, se confrontiamo le richieste di cig nel primo bimestre 2013 con quelle 2012, balza all’occhio un altro dato preoccupante: +10,6 %. Complessivamente, nei primi due mesi dell'anno le ore autorizzate sono state 688.112 a fronte delle 621.913 dei primi due mesi del 2012.

 Insomma – osserva ancora il segretario Uil Lecce – i dati raccolti ci dicono che lo stato di crisi continua ad aggravarsi, ma nel frattempo il mondo politico, a livello nazionale e regionale, continua inspiegabilmente a giocare al rinvio, senza garantire alcuna stabilità di governo. Nel Salento come in tutta la Puglia, la situazione è ormai al limite del collasso: se non riprende l’economia, l’emorragia di posti di lavoro, anche se temporaneamente protetti dalla cassa integrazione, sarà inevitabile.

Nell’immediato – sostiene Giannetto - occorre sostenere finanziariamente lo strumento che in questi anni ha evitato che si trovasse nella disoccupazione senza ritorno un grande numero di lavoratrici e lavoratori. Dare certezze delle risorse per la cassa in deroga oggi, più che mai, è un imperativo che anche un Governo “provvisorio” dovrà garantire. Resta tuttavia  intatto e prioritario – conclude - il tema della costruzione di politiche attive, formazione e non solo, per gli oltre 7 mila lavoratori salentini in cassa integrazione, per consentire loro un rapido rientro nel sistema produttivo.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner