Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 08:10

I parlamentari salentini M5stelle: "la regionale 8 scandalo nazionale"

I parlamentari salentini M5stelle: "la regionale 8 scandalo nazionale"

Lecce - I neo-parlamentari salentini del Movimento5Stelle esprimono tutto il loro disappunto in merito alla strada regionale 8, mediante un comunicato che di seguito riportiamo:

I neo-eletti parlamentari per il M5S Maurizio Buccarella, Diego De Lorenzis, Daniela Donno e Barbara Lezzi tornano a cogliere l’indignazione e lo sconcerto di cittadini e comitati, questa volta per l’avvenuta consegna dei lavori con conseguente apertura del cantiere della strada regionale 8.

Una tempistica alquanto sospetta, poiché avviene paradossalmente a pochi giorni dalla definitiva entrata in vigore del nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale -PPTR- che giustamente non avalla la realizzazione di tali infrastrutture sovradimensionate, devastanti per il territorio,  cronologicamente e culturalmente obsolete, e superate dalla diffusa sensibilità ambientale. Un’opera che è in sé un grave "scandalo nazionale".

La Strada Regionale 8, rappresenta l’apoteosi dell’ “affaire” strade inutili, ridondanti e sovradimensionate, che sta sconvolgendo il Salento, devastando le sue economie e svuotando le casse dello Stato e le tasche dei cittadini.

Un modus operandi "sclerotizzato" che ha visto la scandalosa utilizzazione, come quasi scudi umani nel solito vile stratagemma del “ricatto occupazionale”, di forze lavorative vincolate a questi vecchi progetti che sono espressione di un vecchio modello di sviluppo generatore della nostra attuale crisi, e che ha ormai mostrato tutti i suoi limiti, la sua insostenibilità, e la sua profonda mostruosità; non fosse altro perché il perpetuarsi delle logiche sottese di questo falso-sviluppo, prevede la completa cancellazione del territorio, opera inutile dopo opera inutile, la totale cancellazione sotto l’asfalto ed il cemento del prezioso suolo e dei nostri paesaggi.

I neo parlamentari offrono la loro voce al Forum Ambiente e Salute ed il Coordinamento civico per la tutela della salute e del territorio che puntualizzano, in merito alla regionale 8, l’assenza di una VIA legittima, in quanto scaduta e precisano che la normativa regionale (neppure quella nazionale ed europea) permette la proroga automatica, concessa invece oggi dalla giunta: la Regione viola le proprie stesse norme.

La strada viene progettata a quattro corsie, in buona parte con nuovo tracciato, senza pista ciclabile parallela, in difformità dal Codice della strada (legge nazionale) che prevede solo due corsie per le strade di tipologia C.

A questi aspetti si aggiunge l’impatto violento su una zona archeologica e un’abbazia medievale, su crinali rocciosi e su un bacino idrografico dichiarato a rischio dallo stesso Assessore Regionale alle Opere Pubbliche Fabiano Amati, oltre al fatto che non è giustificata da flussi di traffico consistenti.

Nonostante il fascicolo aperto in Procura che potrebbe favorire l’interruzione dei lavori, le associazioni, i comitati, i cittadini, il Forum, il coordinamento ed il M5S invitano ad un’azione politica del Presidente Vendola mirata ad un nuovo orientamento dei fondi già stanziati, tale da coniugare le maestranze edili con la tutela dei lavoratori agricoli, dell’ambiente e paesaggio storico-naturale, all’ insegna di un impiego davvero dignitoso che utilizza soldi pubblici e produce opere utili non deturpanti e belle che sposano sicurezza stradale, scorrevolezza e rispetto vero per l’ambiente. Si chiede a gran voce che si metta in sicurezza l’attuale tracciato già ampio e scorrevole, senza il consumo del suolo richiesto dalle quattro corsie e da due complanari. Di realizzare il percorso ciclabile previsto dalla normativa nazionale, abbinato ad un’azione di rinaturalizzazione e valorizzazione del paesaggio agrario circostante caratterizzato dall’ architettura dei muretti a secco. La strada, con tutte le sue rifiniture, deve essere realizzata nella filosofia della “strada parco” e dell’ “ingegneria naturalistica”.

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner