Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 00:38

Welfare Aziendale per il benessere delle lavoratrici e dei lavoratori

Welfare Aziendale per il benessere delle lavoratrici e dei lavoratori

Casarano - Lunedì 18 febbraio alle ore 12.30 la Consigliera Regionale di Parità SERENELLA MOLENDINI e l’Assessora Regionale al Welfare ELENA GENTILE saranno in visita istituzionale nell’azienda  Call & Call di Casarano.

La proprietà dell’azienda, dott. Umberto Costamagna, ha infatti aderito al Progetto Regionale della Consigliera Regionale e Nazionale di Italia Lavoro “Impresa Conciliante/ La.Fem.Me” . L’obiettivo principale del progetto è sostenere la sfida che una maggiore qualità del lavoro e quindi una maggiore produttività passa anche attraverso un clima migliore in azienda e nei luoghi di lavoro in genere, conseguenza anche di un’attenzione alle problematiche di genere e  alle tematiche della conciliazione. Ciò è possibile attraverso la riprogettazione degli orari, dei servizi per la famiglia, per l’infanzia e per gli anziani, puntando a un nuovo Welfare Aziendale e a una nuova e più flessibile organizzazione del lavoro.

Il Progetto, dopo una fase di formazione a Sindacati ed Imprese avvenuta tra giugno ed ottobre 2012, è entrato nella seconda fase sperimentale sull’intero territorio nazionale con l’individuazione condivisa tra Italia Lavoro, la Consigliera Regionale e l’Assessora al Welfare di dieci sperimentazioni in realtà imprenditoriali pugliesi, tra cui Call & Call di Casarano, nelle quali promuovere sistemi di Welfare e misure di conciliazione grazie alla consulenza di esperti nazionali di organizzazione e welfare aziendale che hanno operato in questi anni con importanti gruppi imprenditoriali, da Luxottica, ad Elettrolux ecc.  

 “Abbiamo trovato nell’Azienda Call&Call di Casarano un terreno fertile per la sperimentazione e Imprenditori consapevoli delle sfide del futuro, dice l’assessora al Welfare Elena Gentile, e dopo l’incontro di venerdì scorso dell’Imprenditore Costamagna, del management e delle RSU aziendali con i Consulenti e la Consigliera Regionale di parità, ho voluto testimoniare, con la mia presenza, l’attenzione della Regione Puglia ad un’azienda che ha un forte obiettivo di crescita in questo territorio così martoriato dalla cassa integrazione e disoccupazione. 

Aggiunge la Consigliera Regionale Serenella Molendini che “C&C è un network di contact center con 2700 risorse su tutto il territorio nazionale, di cui l’85% è a tempo indeterminato. Il personale dipendente ha un’età media di circa 36 anni e per il 77% è composto da donne. La sede di Casarano che conta ad oggi 311 dipendenti con il 73% di presenza femminile rappresenta il terreno ideale per avviare un intervento sperimentale sul regime degli orari e sugli strumenti di flessibilità organizzativa.

L’obiettivo della sperimentazione è quello di supportare Call&Call Casarano in un percorso di integrazione ottimale tra le proprie esigenze di flessibilità produttiva e la necessità di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro espresse dai dipendenti, attraverso:

a) una gestione più efficace degli strumenti di flessibilità disponibili

b) la sistematizzazione del regime degli orari e dei turni di lavoro

c) la promozione di modelli partecipativi e più orientati a un ascolto sistematico delle esigenze del personale dipendente.”

Ma poiché il ruolo delle Istituzioni Politiche deve essere quello di facilitatori di politiche family friendly“, la Consigliera e l’Assessora Elena Gentile presenteranno anche due importanti bandi: la possibilità di accedere a risorse FESR per l’attivazione di un centro per l’infanzia aziendale e il recentissimo bando per l’accesso ai buoni servizio per la conciliazione di mamme e papà lavoratrici e lavoratori. 

Gli Imprenditori dovrebbero essere stimolati a investire nelle politiche di Pari Opportunità e nelle Politiche familiari e frendly person, non per beneficenza, né per vago idealismo, ma nel loro “ ben inteso interesse”. Nel prossimo futuro solo le Organizzazioni che attueranno politiche di non discriminazione, di valorizzazione dei talenti e politiche familiari potranno attrarre lavoratrici/lavoratori più motivati, manager più capaci, e registrare un minor assenteismo, maggiore produttività e dunque più benessere.

 

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner