Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 23:27

Teresa Bellanova scrive al Ministro Elsa Fornero

Teresa Bellanova scrive al Ministro  Elsa Fornero

Lecce - L'Onorevole teresa Bellanova scrive Al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero

 Egregio Ministro,

 

Le scrivo per rappresentarLe le forti preoccupazioni, più che mie, di decine di migliaia di famiglie in tutta Italia.

La situazione venutasi a creare, relativa alla copertura della cassa integrazione in deroga in tutte le Regioni, rischia di far sprofondare il nostro Paese a livelli che sono da considerarsi assolutamente indegni di un paese che voglia continuare a considerarsi civile.

Lo dico molto chiaramente, come ho già fatto in Parlamento: non si può accettare che tutte queste persone vengano condannate all'inferno della povertà. In questa vicenda ognuno di noi è chiamato ad assumersi pienamente le proprie responsabilità, come impone quella buona politica che tanto ci affanniamo a portare nelle case delle persone, in giro per le strade, tra i cittadini.

Il quadro generale è già estremamente drammatico: l'Istat ci dice che nel 2011 l'11,1% delle famiglie italiane viveva in condizioni di povertà relativa, il 5,2% in povertà assoluta; nella mia regione, la Puglia, è una famiglia su cinque a combattere contro la povertà. In questa situazione già esplosiva si vanno ad inserire anche i dati nazionali sul ricorso alla cassa integrazione, che ci dicono che negli ultimi quattro anni, quelli della crisi, questo si è quasi quadruplicato. Tutte le previsioni ci dicono che questa tendenza non accennerà a frenare neanche quest'anno. L'Unione Europea, presentando il rapporto 2012 sulla situazione sociale, ha recentemente sentenziato che in Italia c'è “un alto rischio di entrare in uno stato di povertà e poche possibilità di uscirne”.

Di fronte a questa situazione ritengo sia da considerare assolutamente insostenibile il blocco dei pagamenti della Cassa integrazione in deroga, così come non è tollerabile che non si riesca ancora a fornire a queste famiglie alcuna certezza sulla copertura della stessa per il 2013. Come Lei ben sa, in Parlamento abbiamo condotto una battaglia durissima per l’estensione delle risorse, impegnando il Governo ad individuare per l'anno 2013 la necessaria copertura della cassa integrazione, per attenuare le drammatiche conseguenze sull’occupazione e sull’economia delle famiglie provocate dal protrarsi della crisi economica.

Ritengo, quindi, che proprio da quell’impegno occorra ripartire, nell'auspicio che questa battaglia veda saldamente unite tutte le forze in campo, dal Governo alle Regioni, dall'INPS alle parti sociali.

Per tutte le famiglie coinvolte il sostentamento assicurato dagli ammortizzatori sociali, se pur minimo, è assolutamente vitale. Che ognuno, quindi, a qualunque livello istituzionale si assuma le proprie responsabilità fino in fondo, perché oggi, nei confronti di queste famiglie, ritengo non sia consentito più a nessuno, a Roma come ovunque in Europa, nascondersi dietro cinici vincoli di bilancio.

Certa di un Suo concreto interessamento, colgo l’occasione per inviare i miei più cordiali saluti.

 

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "POLITICA"
31 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Decine di occhi indiscreti per monitorare, controllare, sorvegliare. Per guardare senza essere visti. A qualsiasi ora, in qualunque posto. In centro,...

04 Aprile 2017 - Lecce

Lecce - L’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, scrive ai dirigenti TAP e alla ditta affidataria del lavori per richiedere...

31 Marzo 2017 - Lecce

Lecce - La discarica per rifiuti speciali in località Masseria Parachianca non si farà. La parola fine viene posta definitivamente questa...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner