Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 23 ottobre 2017 - Ore 17:31

Grande successo per "Roséxpo" il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Grande successo per "Roséxpo" il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Lecce - Il vino rosato non è più “donna”, ma piace proprio a tutti.  La notizia arriva da Lecce dove per il quarto anno consecutivo si è celebrato Roséxpo il salone internazionale dei vini rosati. Secondo un’indagine condotta da Nomisma Wine Monitor comprano rosè le donne per il 73% e gli uomini per il 67%. Una passione che si sta unificando ma che ancora oggi non raggiunge gli standard della cugina Francia dove la Provenza resta il maggior attrattore per i winelovers. 

E in Italia che succede? Chi compra rosè? I numeri sono arrivati dalla banca dati di Tannico uno dei leader italiani nella vendita on-line. Un osservatorio privilegiato che conta su più di 1 milione e 700 mila utenti per un volume di 1 milione di bottiglie vendute con 50mila clienti registrati. «Grazie a Tannico Intelligence – ha detto Marco Magnocavallo, founder di Tannico, - è stato possibile stigmatizzare un andamento e targhettizzarlo. Una vendita, quella dei rosati, che inizia a liberarsi dalla naturale stagionalità e che registra un picco di vendite per i vini di Provenza (20%) ai quali seguono proprio quelli della Puglia (17%); subito dopo la Sicilia (14%), l’Abruzzo (11%), la Sardegna e l’Alto Adige (9%), la Lombardia e la Toscana all’8% e fanalino di coda la Campania con il 4%». I rosati, sempre dallo studio dei dati di Tannico, sono il vino delle fasce più adulte. Lo acquistato poco i giovani utenti dello shopping on line; mentre è più presente nel carrello virtuale di chi ha più di 55 anni. 

E nei ristoranti perché non sfonda? La risposta è arrivata da uno dei ristoratori più noti della Capitale, Enrico Pierri de Il San Lorenzo, dove accanto a piatti a base di grandi materie prime di mare un rosato sarebbe la scelta più appropriata. «I nostri produttori – ha detto Pierri -devono ispirarsi al modello Provenza: fare grandi vini e poi saperli comunicare, ricostruendo l’emozione del gusto».  

Ma da cosa dipende l’acquisto di una bottiglia? Non è certamente l’ennesima Doc o Docg che, come ha detto il senatore Dario Stefàno, andrebbero rivisitate, ma a spiegarlo è stato il professor Vincenzo Russo dello Iulm di Milano che sulle emozioni che provoca un vino ha fondato la sua ricerca universitaria. «La decisione di acquisto di una marca di vino in enoteca, al supermercato, al ristorante o sul web – ha detto Russo - è guidata spesso da “scorciatoie”, ovvero da esperienze pregresse o da meccanismi di facilitazione della decisione come la marca, il prezzo, l’etichetta, o la bottiglia». 

Roséxpo, oltre alle riflessioni sui canali di marketing e di promozione, è stata festa del vino rosè. Più di 190 etichette provenienti da diversi paesi. Sono state 91 le aziende vitivinicole italiane che hanno partecipato alla due giorni di intensi banchi d’assaggio e ben 49 le aziende straniere che dall’Australia alla Moldavia hanno portato la loro identità e la loro storia. Preziosa anche quest’anno la collaborazione con il Concours mondiale de Bruxelles, m anche la collaborazione avviata con brand importanti della distribuzione che sono stati intermediari con i vini del mondo, da Vino&Design a Velier, da Gaja a Les Caves des Pirenes, da Food & Beverage a Vranken Pommery Italia «proprio per dare un carattere di internazionalità a una manifestazione che non vuole fermarsi nei confini provinciali – ha detto Ilaria Donateo, presidente dell'associazione di produttori di Negramaro deGusto Salento che organizza Roséxpo – ma che al contrario vuole stimolare il continuo confronto sia nei banchi d’assaggio sia nei seminari di degustazione che costituiscono un momento privilegiato di approfondimento».

Chiuso, intanto, il bilancio della quarta edizione di Roséxpo, già si delinea il progetto per il 2018. «Vogliamo confrontarci sempre più con l’estero – conclude Ilaria Donateo – e già da subito avvieremo dei contatti per portare a Lecce giornalisti stranieri».

Quindi, appuntamento dal 15 al 17 giugno 2018 a Lecce con Roséxpo 2018 il Salone internazionale dei vini rosati.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
22 Ottobre 2017 - Nardò

Nardò - Nuovi imperdibili appuntamenti con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 27 ottobre il gruppo si...

08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner