Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 29 giugno 2017 - Ore 02:28

Guardami fotografie di Michele Piccino con testi di Lucia Accoto

Guardami fotografie di Michele Piccino con testi di Lucia Accoto

Lecce - Si intitola “Guardami” la mostra fotografica di Michele Piccinno, di origini salentine, ma dagli inizi degli anni ’70 d’adozione trevigiana, allestita negli spazi del Must, Museo storico Città di Lecce, dal 22 aprile al 12 maggio 2017 con la curatela de Il Raggio Verde in collaborazione con Monica Taveri. Vernissage alla presenza degli autori sabato 22 aprile, ore 18:30 con la presentazione del libro fotografico curato da Bruno Barillari. La mostra potrà essere visitata tutti i giorni, tranne il lunedì, con orario 12-19.

Interverranno al vernissage il Sindaco di Lecce Paolo Perrone, l’assessore alla Cultura Gigi Coclite, Ninì Elia direttore del MUST, Bruno Barillari direttore della collana Libri di fotografia, Monica Taveri che cura la mostra in collaborazione con Il Raggio Verde. Coordina l’incontro la giornalista Antonietta Fulvio.

Venticinque scatti, rigorosamente in bianco e nero, per raccontare un Salento che non c’è più. Forse. La devozione di un’anziana donna raccolta nel silenzio di una stanza che diventa essa stessa manifestazione di fede: la corona del rosario che pende dal letto, il rametto di palma alle pareti adornate di immagini sacre, la scultura della Vergine sotto una campana di vetro, di quelle che non si vedono quasi più. Volti di bambini colti nel momento del gioco, in strada o nel mare sono l’espressione di un’infanzia dimenticata, momenti di vita contadina racchiusa nella semplicità di gesti come attingere acqua da una vasca per dissetarsi e dissetare la propria terra, uomini che imbiancano di calce i muri delle case o intenti a pescare, un rito quotidiano cui non si sottrae neanche il parroco del paese. Sono solo alcune delle suggestioni che suggeriscono le foto di Michele Piccinno e racchiuse nel libro fotografico, curato da Bruno Barillari nella collana “Libri di fotografia” edita da Il Raggio Verde. Un viaggio a ritroso nel tempo che evoca situazioni e momenti di vita autentici, uno sguardo quello del fotografo che si incrocia tra le pagine del libro con le parole cucite, come un prezioso ricamo dalla scrittrice e giornalista Lucia Accoto nel miniromanzo che fa da didascalia alle stesse foto. Un’immersione nell’immagine che diventa suono e racconto di vita. 

Cenni biografici

Nato a Bari il 13 febbraio 1948 da genitori salentini, Michele Piccinno ha vissuto fino all’età di ventiquattro anni ad Alezio (Lecce). Nel 1972 si trasferisce per lavoro a Treviso, dove tuttora vive. L’incontro con la fotografia, affascinato dalla camera oscura e dalla potenza espressiva della pellicola in bianco e nero, lo porta a studiare, da autodidatta, e ad occuparsi di quella che è ancora oggi una sua grande passione.   Partecipa a mostre collettive e concorsi nazionali e internazionali, aggiudicandosi il primo posto al concorso Rai indetto dalla trasmissione “Flash” condotta da Mike Buongiorno e “Il Fotoamatore”, rivista ufficiale della Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche), gli dedica un’intera pagina.

Chiude la sua attività, da lui definita fotoamatoriale, con la mostra personale, nella “Galleria Nuova Fotografia” a Treviso nel 1983 dove evidenzia, grazie ad originali inquadrature e giochi chiaroscurali, lo studio del ritratto e del paesaggio finalizzati alla scoperta dell’umanità non solo come soggetto fotografico ma come sentimento ed emozione. Tra maschere e schermi televisivi rovesciati anticipa il disagio e la solitudine dell’uomo contemporaneo che si aggira tra metaforiche stanze vuote. Nella sovrapposizione di scatti sintetizza il concetto di incomunicabilità utilizzando il media comunicativo per eccellenza.

Gli impegni lavorativi lo allontanano dall’attività fotografica. Nel 2013 riprende a fotografare. Nel mirino della sua reflex finisce tutto ciò che cattura il suo sguardo: architetture urbane, paesaggi, persone passando dal ritratto al minimal anche se predilige la street photografy. Libertà, emozione e ricerca dell’ambiguità e del grottesco così come degli aspetti che rimandano all’autenticità dei sentimenti sono le linee guida dei suoi scatti dove cercare – e ritrovare - anche “scampoli del suo Salento perduto”. 

Attualmente è impegnato nella promozione della fotografia con incontri che tiene a Treviso e nel Salento, dove ritorna spesso e che si ritrova anche nel suo libro monografico Guardami, edito da Il Raggio Verde, accompagnato dal testo che le suggestioni delle sue foto hanno suggerito alla scrittrice e giornalista Lucia Accoto. 

Lucia Accoto, giornalista, autrice - conduttrice di programmi Tv e ghost writer. Dopo moltissimi anni nelle redazioni giornalistiche televisive, oggi scrive per diverse testate online. È passata anche alla carta stampata come direttore responsabile dei periodici “Puglia da Vivere” e “Up! il Magazine”. Ha pubblicato Misteri e delitti nel Salento (Pensa, 2006) e per la casa editrice Il Raggio Verde i libri Mena (2014) e Caro Ulivo ti scrivo (2015).


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
15 Giugno 2017 - Lecce

Lecce - Il vino rosato non è più “donna”, ma piace proprio a tutti.  La notizia arriva da Lecce dove per il quarto anno...

15 Giugno 2017 - Corigliano D'Otranto

Corigliano D'Otranto - È disponibile su youtube il videoclip di “Viva il re!”, primo singolo dell'omonimo album del cantautore salentino Massimo Donno,...

15 Giugno 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Al via sabato 24 giugno la musica della decima edizione del Parco Gondar, che per il primo live della stagione si affida al nuovo tour di Damian...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner