Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 20:39

Teatro e giovani: passione, inclusione, professione

Teatro e giovani: passione, inclusione, professione

Novoli - Da Domenica 30 Ottobre a Domenica 6 Novembre il “Teatro del Buratto” di Milano, in collaborazione con la residenza teatrale di Novoli delle compagnie “Factory” e “Principio Attivo Teatro”, all’interno della nuova stagione 2016-17 del Teatro Comunale di Novoli, propone gli spettacoli finali realizzati dagli allievi  del Corso Biennale di Formazione Professionale, promosso e gestito dal “Teatro del Buratto in Salento/Centro di Produzione” e finanziato dal Dipartimento della Gioventù/Presidenza del Consiglio dei Ministri,  nell’ambito dell’avviso “Giovani per il Sociale”.

Il progetto ha avuto avvio con la collaborazione del Comune di Melissano e dei comuni dell’Ambito di Zona di Gallipoli: Gallipoli, Alezio, Alliste, Melissano, Racale, Sannicola, Taviano, Tuglie; nelle fasi conclusive ha trovato residenza presso il teatro Comunale di Novoli.

Il programma prevede una serie di appuntamenti con spettacoli rivolti alle famiglie, a giovani e adulti, ma anche specifici momenti riservati ai bambini delle scuole del territorio.

Domenica 30 Ottobre, ore 17.30: “La lavagna fantastica” (età consigliata 5/10 anni) 

Sabato 5 Novembre, ore 21: “Fly Butterfly” (dai 12 anni- tout public )

Domenica 6 Novembre, ore 17.30: “Pierino e il lupo.. in città” (età consigliata 4/8 anni)

Il “Teatro del Buratto” di Milano incontrerà anche il pubblico delle scuole replicando alcuni spettacoli al mattino; sono previste repliche di “La Lavagna Fantastica” (Venerdì 28 Ottobre, ore 10) e “Manomaniah” (Mercoledì 2 Novembre, ore 9 e ore 11). Per altre informazioni e prenotazioni gli Istituti Scolastici possono telefonare al numero 340.3769613.

Gli spettacoli sono una riproposta di storici titoli di repertorio del “Teatro del Buratto” di Milano, affidati ora a una nuova generazione di artisti che, con provenienze diverse (artistiche, teatrali, universitarie) si sono ritrovati nelle suggestioni e opportunità del teatro di figura e del teatro ragazzi. Attorno a queste proposte i giovani allievi under 35 hanno deciso di indirizzare nuove fasi del proprio percorso professionale e di crescita personale, impegnandosi e condividendo con il “Teatro del Buratto” questo lungo periodo di formazione su tecniche, linguaggi e modi del “fare teatro”, come professione, inclusione e soprattutto passione.

La messa in scena di questi spettacoli finali è stata curata dagli stessi “maestri” del “Teatro del Buratto” di Milano (in particolare Nadia Milani, docente di teatro su nero e di figura, oltre al direttore del corso, Franco Spadavecchia),  che si sono alternati con altri colleghi e docenti, per lo più professionisti, anch’essi under 35, consolidando la prospettiva di uno scambio di competenze e di un rinnovamento intergenerazionale in ambito artistico  per lo sviluppo di questi specifici linguaggi del teatro.

La serata di Sabato 5 Novembre sarà aperta da una breve introduzione sul percorso formativo compiuto, che ha visto partire venticinque iscritti; “in itinere” si sono avute, però, alcune uscite (di cui due per maternità) e altre per sopraggiunti impegni di lavoro o per scritture di lungo periodo. Nella stessa serata, perciò, saranno presentati gli allievi diplomandi, ovvero tutti coloro che sono riusciti, con impegno e sacrificio, a giungere al termine del percorso, costituito da 1.300 ore nell’arco di ventidue mesi. Tutti gli allievi si alternano nei diversi spettacoli in calendario: Roberta Carizzolo, Maria Luisa Carrozzo, Kirbj Coppola, Alessia De Blasi, Cristian De Paulis, Laura Giannoccaro, Elisabetta Guerrieri, Simone Maci, Michela Marrazzi, Maria Grazia Marrocco, Manuela Melissano, Valentina Piccolo. 

BIGLIETTI: Costo ingresso 5 € (posto unico). Si consiglia la prenotazione: 340.3769613 - 327.7372824 – 320.0119048

INFO: teatrocomunaledinovoli@gmail.com - www.teatrocomunaledinovoli.com    -    Teatro del Buratto in Salento, tel. 0833581982 -  formazione@teatrodelburatto.it    -    www.teatroegiovani.com - www.teatrodelburatto.it    -    Sede spettacoli: Teatro comunale di Novoli   piazza regina Margherita -  Novoli (Le)

Gli spettacoli:

DOMENICA 30 OTTOBRE   ORE  17,30

“LA LAVAGNA FANTASTICA”

Ideazione: Marialuisa Casatta, Nadia Milani, Elena Veggetti - Sceneggiatura: Elena Veggetti, Renata Coluccini - Regia: Renata Coluccini - rimessa in scena: Nadia Milani e Franco Spadavecchia - In scena: Simone Maci, Roberta Carizzolo, Kirbj Coppola // Michela Marrazzi, Laura Giannoccaro, Valentina Piccolo

Un’aula vuota dopo che è suonata la campanella, la cattedra, i banchi e il buco nero di una lavagna che diviene un quadro perfetto per l’animazione di oggetti e personaggi! Ed ecco che numeri e parole si disegnano, vivono, assumono colore secondo il proprio carattere. Perché, naturalmente, anche loro hanno una personalità! E le parole sbagliate dove vanno a finire? Nel museo degli errori? Ma è proprio vero che le parole sono una cosa seria? E se si potesse giocare con loro e usare gli errori per costruire altre storie? Ci guideranno in quest’avventura due gessetti e un cancelletto, da sempre gli abitanti della lavagna. Dalle filastrocche e dai racconti poetici e geniali di Gianni Rodari, uno spettacolo dove la tecnica dell’animazione su nero e quella d’attore si fondono per dare vita a personaggi e invenzioni fantastiche all’interno di un’aula scolastica senza alunni.

Linguaggio: teatro d’animazione su nero e d’attore; età consigliata: 5 - 10 anni

SABATO 5 NOVEMBRE   ORE 20,30

Presentazione del percorso di formazione con intervento di rappresentanti delle Istituzioni e saluto agli allievi

a seguire

“FLY BUTTERFLY”

Ideazione: Stefano Monti - Drammaturgia: Rocco D’Onghia - Regia: Stefano Monti - elaborazione e progettazione: Stefano Monti, Rocco D’Onghia, Jolanda Cappi, Franco Spadavecchia - Rimessa in scena: Nadia Milani e Franco Spadavecchia - in scena: Kirbj Coppola, Laura Giannoccaro, Simone Maci, Maria Luisa Carrozzo, Michela Marrazzi, Valentina Piccolo - voce recitante: Gianni Mantesi - musica: Mauro Casappa - scene e costumi: Gian Luca Massiotta in collaborazione con Cristina Perversi - disegno luci: Marco Zennaro

Butterfly ha la virtù di possedere un’anima bambina capace d’incantarsi. Entra per la prima volta in un luogo magico, che altro non è se non un teatro e ne rimane affascinata. Qui incontra i Maestri che la accompagneranno lungo un percorso simbolico, lungo la strada che dall’ignoranza oscura conduce alla luce della conoscenza. Tante sono le dure prove che Butterfly dovrà affrontare; lavorerà con ostinazione perché lei è piccola e il mistero della sua arte tanto grande. Trascorrono molti anni senza risultati e Butterfly, stanca, dispera di dare compiutezza al suo sogno; ma proprio la sua stanchezza e il crollo che ne deriva, rappresentano l’ultima prova: la debolezza conduce alla forza, il fallimento alla conoscenza. E’ così che colei che credeva d’essere un piccolo bruco diventa, in fondo, quello che è sempre stata, una splendida farfalla che vola leggera. “Fly Butterfly” è uno spettacolo di teatro su nero, un lavoro sull’immagine che sviluppa un approfondimento delle tecniche di teatro d’animazione giapponese del “Bunraku”. Le metamorfosi fantastiche che si dipanano lungo lo spettacolo evocano suggestioni dove gestualità e musica hanno uno spazio fondamentale e fanno di “Fly Butterfly” un genere di teatro totale.

Genere: teatro su nero, “bunraku”, mimo; età consigliata: dai 12 anni/”tout public”

DOMENICA 6 NOVEMBRE   ORE 17.30

“PIERINO E IL LUPO…..IN CITTÀ”

adattamento del testo e messa in scena: Guido Manuli, Franco Spadavecchia - Rimessa in scena: Nadia Milani e Franco Spadavecchia – musica: Sergej Prokof’ev - consulenza psicopedagogia: Maria Rosa Pantuso - disegni Guido Manuli - in scena Maria Luisa Carrozzo, Alessia De Blasi, Cristian De Paulis, Elisabetta Guerrieri, Maria Grazia Marrocco, Manuela Melissano

E’ la versione moderna della favola originale, calata nel quotidiano e ambientata in una qualunque periferia di una qualunque città. Pierino è un bambino vivace che abita in un condominio col nonno brontolone che tutti i giorni lo accompagna ai giardini vicino a casa. Qui ha fatto amicizia con un gatto randagio dividendo con lui la merenda; da quel giorno si danno appuntamento ai giardini sempre alla stessa ora, l'ora della merenda. Il lupo è un signore cattivo e prepotente che terrorizza il quartiere con piccoli furti e scippi; non gli piacciono i bambini perché sono rumorosi, frignoni e impiccioni e per non farsi riconoscere indossa sempre una maschera da lupo. Al posto dei cacciatori ci sono i poliziotti che alla fine, grazie al coraggio di Pierino, come nella storia originale, catturano il lupo e per riparare alle sue malefatte, al posto di portarlo in prigione, lo obbligano a lavorare, a tenere puliti i giardini dalle lattine e dalle cartacce. La scena è composta da un enorme libro tridimensionale da dove escono i vari personaggi, ovviamente di carta, che si muovono magicamente intorno al grande libro. Ogni volta che si gira pagina, cambia la scena e come per magia appaiono palazzi, strade, alberi, giardini, etc.

Genere:  teatro d’animazione su nero e teatro d’attore;  età consigliata: da 4 a 8 anni

Spettacoli riservati alle scuole con ingresso gratuito (obbligo di prenotazione)

“LA LAVAGNA FANTASTICA” (Venerdì 28 Ottobre, ore 10)

e

“MANOMANIAH” (Mercoledì 2 Novembre, ore 9 e ore 11)

Ideazione e realizzazione: Gianfranco Bella, Jolanda Cappi, Giusy Colucci, Daniela Dazzi, Sergio Mussida, Franco Spadavecchia, in collaborazione con Guido Manuli - Rimessa in scena: Nadia Milani e Franco Spadavecchia - in scena: Roberta Carizzolo, Alessia De Blasi, Cristian De Paulis, Maria Grazia Marrocco, Manuela Melissano

Mani che si toccano, si scoprono, imparano a conoscere la propria forma; mani che entrano in relazione con lo spazio, incontrano altre mani, si cercano, iniziano a esprimersi, a comunicare; mani che s’imbattono in altri oggetti, li toccano, ci giocano, se li contendono arrivando a scontrarsi. Nei loro giochi le mani scoprono il suono e il colore e si divertono creando ritmi e armonici incastri. Divengono via via altro da sé, intrecciandosi per creare a forme sempre nuove che si compongono per poi scomporsi ancora, alternandosi come in un caleidoscopio, su una musica che prende forma dalla rielaborazione dei suoni che le mani stesse sono in grado di produrre. Le mani che, inizialmente nude, si erano divertite a colorarsi, imparano a “vestirsi” e diventano personaggi di un coloratissimo circo che le vede alternarsi sulla scena in un susseguirsi di numeri divertenti e mozzafiato.

Linguaggio: Teatro di figura, su nero e a vista; età consigliata: da 3 a 7 anni.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner