Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 26 aprile 2018 - Ore 03:48

Le Notti Bianche del postino di Andrey Konchalovsky al Cineporto di lecce

Le Notti Bianche del postino di Andrey Konchalovsky al Cineporto di lecce

Lecce - Sarà il film russo “Le notti bianche del postino” di Andrey Konchalovsky a inaugurare, martedì 25 ottobre al Cineporto di Lecce, la rassegna cinematografica autunnale “Riflessi di terre lontane”, organizzata e finanziata da Apulia Film Commission e curata da Spaziocineforum. a introdurre la pellicola sarà il critico cinematografico Massimo Causo.

Il primo film in programma (Leone d’Argento alla biennale di Venezia ‘71, ma inedito sul nostro territorio) esprime in modo trasparente le finalità per cui è stata ideata e realizzata questa rassegna: definire – nel panorama della cinematografia indipendente contemporanea - la possibilità di conoscenze antropologiche (tradizionalmente legate al documentario scientifico) anche nella filmografia di finzione.

L’universo antropico filmico, che fa da sfondo all’invenzione narrativa e ne determina l’andamento, contiene sempre - dissimulata ma essenziale - la “verità” degli elementi messi in scena (ambienti naturali, territori abitati, credenze e tradizioni sociali) che, unitamente al racconto, esprimono anche la cultura antropica in cui questo si svolge.

Nella geografia contemporanea - globalizzata nella produzione e nello scambio, ma tragicamente ghettizzata dalle ideologie e dai muri - il cinema può consentire, partendo da questo assunto, la presa di coscienza antropologica dell’“Altro”, disvelando una possibile utopia della riconciliazione, contro le distopie dell’antagonismo.

Alcuni titoli della rassegna sceneggiano storie in cui l’ambiente naturale diventa protagonista primario (“Le notti bianche del postino” di A. Konchalovskiy, “The gulls” di E. Manžheeva, “Vulcano” di J. Bustamante o ancora “Corn Island” di G. Ovashvili); altri privilegiano le tradizioni etnografiche che generano violenza nei legami familiari (“La Sposa Bambina” di K. Al-salami) e in quelli etnici (“Amore, furti e altri guai” di M. Alayan, Tangerines di Z. Urushadze).

Le proiezioni della rassegna “Riflessi di terre lontane” sono a ingresso libero e si terrano ogni martedì, dal 25 ottobre al 20 dicembre 2016 alle 20 al Cineporto di Lecce (via Vecchia Frigole 36).


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
20 Aprile 2018 - Lecce

Lecce - Ultima giornata dell’evento “Oltre la paura, arte e cultura della prevenzione” firmata Andos onlus Lecce, oggi 20 aprile alle ...

19 Febbraio 2018 - Lecce

Lecce - Presentata questa mattina a Lecce la conferenza stampa di BTM, una delle principali manifestazioni del Sud Italia che raccoglie intorno a se...

20 Gennaio 2018 - Lecce

Lecce - Il 22 febbraio si accenderanno i riflettori su uno dei gioielli storici culturali leccesi d’eccellenza, l’ex convento degli Agostiniani,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner