Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 22 giugno 2018 - Ore 05:07

La Festa te la Virdicula e de lu mieru te Schinzanu

La Festa te la Virdicula e de lu mieru te Schinzanu

Squinzano - Il 21 ottobre 1618 Maria Manca raccoglieva olive in un suo podere quando una giovane donna le porse un garofano rosso con l’impegno di offrirlo, il giorno successivo, a suo Figlio presso l’immagine del SS. Crocifisso della Pietà a Galatone. Maria vide piegarsi gli ulivi al passaggio della giovane donne e il garofano rimase tra le sue mani. Il giorno seguente partì in pellegrinaggio alla volta di Galatone, giunta davanti al Crocifisso offrì il fiore e ottenne la liberazione dalle sue sofferenze. Il disegno del garofano rimase impresso nella sua mano. 

In ricordo di questo evento miracoloso a Squinzano si festeggia la Festa della Madonna del Garofano. Festa che, grazie all’impegno dell’associazione 21 Ottobre 1618 – Opera Maria Manca Onlus, della Pro Loco di Squinzano e di tanti cittadini, rappresenta ancora oggi un solido legame con il passato del nostro paese. 

All’interno dei festeggiamenti del 21 ottobre 2016 si colloca La Festa te la Virdicula e de lu mieru te Schinzanu organizzata dalla Pro Loco di Squinzano, in collaborazione con le Cantine De Ventura e B2 Musica e Spettacolo e la partecipazione delle parrocchie di Squinzano e della Pro Loco di Casalabate Marina di Trepuzzi. Festeggeremo insieme con i due elementi caratteristici della storia di Squinzano, le Virdicule (Ortiche) e lu Mieru (Vino). Durante la serata potrete assaggiare del buon vino e specialità culinarie a base di Virdicula. Animerà la serata il gruppo Cattive Strade, omaggio ai cantautori.

Vi spettiamo a Squinzano, presso il piazzale delle Cantine De Ventura, via Maria Manca, il 21 ottobre ’16, ore 19.

Racconta la leggenda che Ferdinando I di Borbone, in uno dei suoi viaggi a Lecce, percorrendo la via Appia, in prossimità della masseria di Moretto, fu assalito da una impellente esigenza corporale. Essendo il centro abitato ancora un po’ distante decise di fermare la carrozza e appartarsi dietro ad un muretto. Purtroppo per il sovrano dietro quel muretto c’erano solo piante d’ortica con cui pulirsi.

Furibondo e dolorante, saputo dal suo cocchiere che si trovavano a Squinzano, il re esclamò: “Ohimmè, Schinzanu scansalu”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
20 Aprile 2018 - Lecce

Lecce - Ultima giornata dell’evento “Oltre la paura, arte e cultura della prevenzione” firmata Andos onlus Lecce, oggi 20 aprile alle ...

19 Febbraio 2018 - Lecce

Lecce - Presentata questa mattina a Lecce la conferenza stampa di BTM, una delle principali manifestazioni del Sud Italia che raccoglie intorno a se...

20 Gennaio 2018 - Lecce

Lecce - Il 22 febbraio si accenderanno i riflettori su uno dei gioielli storici culturali leccesi d’eccellenza, l’ex convento degli Agostiniani,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner