Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 23 ottobre 2017 - Ore 08:05

Festa te lu Mieru: 41^ edizione dal 2 al 4 settembre

Festa te lu Mieru: 41^ edizione dal 2 al 4 settembre

Carpignano Salentino - Si è tenuta questa mattina a Palazzo Adorno la conferenza stampa di presentazione della 41ma “Festa te lu mieru”, cui hanno preso parte il componente dello staff del direttivo della Provincia di Lecce, Antonio Del Vino, il sindaco di Carpignano, Paolo Fiorillo, la presidente dell’associazione “Festa te lu mieru”, Stefania Bolognese, Adriano Bolognese e Angelo Rammazzo, atleti handbike.

«Quanto entusiasmo e quanta voglia di partecipazione abbiamo raccolto tra i nostri compaesani! – ha affermato Stefania Bolognese, presidente dell’associazione culturale “Festa te lu mieru” –. Attraverso i laboratori “Giochi di piazza, giochi di comunità”, abbiamo coinvolto concretamente i carpignanesi, recuperando quello spirito di partecipazione popolare che è l’anima primordiale di questa Festa. Secondo obiettivo della nostra associazione, oltre ad aver fatto rinascere la festa, è far crescere tutta la comunità e tutto il territorio di Carpignano, responsabilizzando i giovani nel compito di portare avanti il messaggio di rinnovamento e sviluppo presente e futuro: ognuno deve fare la propria parte e capire che solo stando uniti, ognuno con le proprie competenze e ambizioni, si può dare impulso a una rinascita di Carpignano e quindi anche alla sua Festa.

Altra grande novità della Festa te lu mieru 2016 è che è la prima manifestazione, dopo quella della Notte della Taranta, con una particolare attenzione all’eliminazione delle barriere architettoniche: avremo un parcheggio per disabili in Largo San Pasquale, da cui accedere rapidamente al Largo Madonna delle Grazie e quindi nel cuore della Festa. Ci fa perciò molto piacere poter collaborare con l’atleta Adriano Bolognese, protagonista del tour in handbike “Salento coast to coast” e un sentito ringraziamento va anche alle amministrazioni comunali che stanno supportando questa importante attività di sensibilizzazione.

La scelta di rendere davvero aperta a tutti la Festa è scaturita dalla sensibilità dell’architetto Giovanni Conte, che ha ideato anche “La Via di Mezzo”, il progetto di valorizzazione culturale del centro storico di Carpignano e che vuole essere il luogo dell’incontro della comunità e di tutti i partecipanti alla Festa. Proprio la via di mezzo ospiterà tutte le attività artistico-culturali, la cui programmazione è a cura dell’associazione “Imagotredici”.

Per quanto riguarda il programma musicale, abbiamo deciso di tornare a fare ascoltare non solo la pizzica, ma la musica popolare salentina più in generale. E poi c’è un progetto musicale di cui andiamo particolarmente fieri, perché è il simbolo della nostra rinascita e del passaggio del testimone culturale ai giovani: sono le “Ombre salentine”, un gruppo di musica popolare salentina composto da ragazzi carpignanesi dagli 11 ai 17 anni, che esordirà proprio con la Festa te lu mieru 2016: vogliamo dare loro l’opportunità di credere in se stessi.

Infine, c’è il grande ritorno del Palo della cuccagna: La Festa te lu mieru ha invitato i Comuni della Grecìa Salentina a gareggiare con una propria squadra. E Carpignano parteciperà con più squadre. 

Il vino della manifestazione è fornito dalla ditta Merico, che ha i suoi vitigni nelle campagne del feudo di Carpignano (contrada Tre Lamie). Avremo quindi un grande ritorno del vino dei carpignanesi per questa grande rinascita».

«Dobbiamo dire grazie alla passione e all’entusiasmo degli organizzatori della manifestazione, che si porta davvero bene i suoi 40 anni di vita – ha commentato Antonio Del Vino –. A volte le associazioni sopperiscono alle carenze delle amministrazioni comunali, ma è dalla collaborazione che nascono i veri successi»

«Quella di quest’anno è un’edizione importante – ha aggiunto Paolo Fiorillo –perché segna la ripresa di una storia che ha contrassegnato in maniera evidente un pezzo di vita del Salento, oltre che di Carpignano. Quando si dice che la Festa te lu mieru è la madre di tutte le sagre non è un caso: ringrazio l’associazione “Festa te lu mieru”, che ha avuto il merito di riportare in auge la Festa, ma anche tutto il territorio, che ci ha creduto. E la ringrazio anche perché, nonostante siate stati oberati di lavoro, siete riusciti a creare anche i parcheggi destinati ai disabili. Il tour di Adriano Bolognese dimostra che quando una condizione di disabilità è portata avanti con grinta, i risultati sono evidenti: le istituzioni e le associazioni sportive e di volontariato hanno collaborato attivamente per questa causa e tutte le amministrazioni garantiranno visibilità e assistenza ad Adriano».

«Rischio la vita tutti i giorni pedalando in handbike per le strade salentine, ma non posso restare chiuso a casa – ha raccontato Adriano Bolognese –. Il mio percorso lungo 170 km, attraverserà il Salento dall’Adriatico allo Ionio: l’handbike è uno sport di sacrificio, non è adatto a tutti, se non vieni da un passato da sportivo, è difficile avere una preparazione atletica adeguata. Ma dopo essere finito su una sedia a rotelle, passare all'handbike è stata un rivincita per me. Purtroppo, le barriere architettoniche ci sono: non siamo liberi di spostarci per come vogliamo noi».

«Lo sport fa tantissimo e per me lo sport è davvero tutto – ha concluso Angelo Rammazzo, atleta mesagnese handbike, istruttore di nuoto – ma bisogna anche avere la possibilità di praticarlo: per noi ci vuole qualcosa in più, ovvero è necessario abbattere le barriere architettoniche, per questo ho abbracciato all’istante l’iniziativa di Adriano». 

La “Festa te lu mieru” ha aderito a “La Puglia per la ricostruzione”, devolvendo parte del ricavato della festa al progetto regionale.

Info sul parcheggio.

Parcheggio disabili: Largo San Pasquale

Parcheggio: zona 167.

PROGRAMMA MUSICALE

N.B. Tutti gli appuntamenti musicali serali avranno inizio sempre sulla pedana di Largo Madonna delle Grazie, che ospiterà i primi due gruppi della serata, mentre il terzo gruppo di ogni serata si esibirà intorno alle 23 sul palco di piazza Duca d’Aosta.

Venerdì 2 settembre 

Ombre Salentine (pedana 4x4)

Folkalore             (pedana 4x4)

Officina Zoè (palco piazza Duca d’Aosta)

Sabato 3 settembre 

Kuntèo (pedana 4x4)

Criamu (pedana 4x4)

Enzo Petrachi e Salento All Stars  (palco piazza Duca d’Aosta)

Domenica 4 settembre

P40 & Donna Lucia (pedana 4x4)

Ombre Salentine  (pedana 4x4)

Giancarlo Paglialunga presenta Arneo Tambourine Project, un festa del Salento. Insieme a lui suoneranno Rachele Andrioli, Rocco Nigro, Davide Giorgino, Giulio Francone, Emanuele Liquori, Massimiliano Morabito, Edo Zimba Mighali e Carlo Canaglia de Pascali (palco piazza Duca d’Aosta).

PROGRAMMA ARTISTICO

Il programma artistico culturale della 3 giorni è stato organizzato in collaborazione con l’associazione culturale Imagotredici (http://www.imagotredici.it/)

Visite guidate

N.B. Per tutta la durata della 3 giorni, l’associazione culturale “Nea Carpignana” organizza visite guidate della durata di 1 ora nella cripta bizantina, nel frantoio ipogeo e per le strade del centro storico. Le visite mattutine non hanno bisogno di prenotazione, mentre per quelle pomeridiane (dalle 18 alle 21, ultima ora di prenotazione) occorre chiamare il numero dell’associazione 339-4402579, oppure chiedere informazioni allo stand informazioni in piazza Duca d’Aosta. Le visite accolgono 25 persone al massimo per ogni giro. Per informazioni, si può visitare anche la pagina Facebook (https://www.facebook.com/carpiniana.criptabizantina/?fref=ts) e il sito http://www.criptabizantina.com/.

Venerdì 2 settembre 

- Estemporanea di pittura e arti grafiche "La maschera di Dioniso" 

- Rappresentazione allegorica delle Baccanti durante la fase di pigiatura dell'uva all'interno di una grande tinozza

Sabato 3 settembre

Estemporanea di pittura col vino su un grande lenzuolo a cura di alcuni ragazzi dell’Accademia di Belle Arti di Lecce

Street coffee - arte di strada a cura di Claudio Mutazzi

Performance art a cura di Veronica Amato

Domenica 4 settembre

Performance teatrale a cura di  "Conmpagnia Liquilab" - Progetto DAL RACCONTO LA BELLEZZA - Il mosaico di Otranto. Direzione artistica: Ippolito Chiarello.

Artisti: Donatella Reverchon - Laura De Ronzo - Luca Valiani

Premiazione dei primi tre classificati dell'estemporanea di pittura e arti grafiche dal titolo "la maschera di Dioniso" avvenuta il 2 settembre. 

In tutti e tre i giorni: 

estemporanea di scultura su pietra e sapone

installazioni artistiche a tema

mostre d'arte dal titolo "Stato di ebbrezza" (omaggio a Dioniso)

mercatino dell'artigianato artistico.

Sempre il 4 settembre, alle ore 18: Torna a grande richiesta il Palo della Cuccagna: appuntamento in piazza Duca d’Aosta per vedere disputare tra loro le 12 squadre rappresentanti gli altrettanti Comuni dell’Unione della Grecìa Salentina (Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martano, Martignano, Melpignano, Sogliano Cavour, Soleto, Sternatia e Zollino) sul grande palo che domina la Festa, di fronte al palco grande.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
22 Ottobre 2017 - Nardò

Nardò - Nuovi imperdibili appuntamenti con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 27 ottobre il gruppo si...

08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner