Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 18 novembre 2017 - Ore 22:27

Dal 10 al 13 agosto torna La Festa della Municeddha

Dal 10 al 13 agosto torna La Festa della Municeddha

Cannole - Dal 10 al 13 agosto ritorna uno degli eventi più attesi dell’estate salentina. Da 32 anni una Festa diventata tradizione! A Cannole La Festa della Municeddha, protagonista il territorio e la sua gente! Organizzata dalla Pro Loco Cerceto di Cannole, la FESTA DELLA MUNICEDDHA, da 32 anni, si distingue per importanza e visibilità. Nata nell’intento di far rivivere le antiche tradizioni locali quali la raccolta e il consumo della lumaca o meglio della municeddha, la manifestazione si caratterizza in qualità di sagra alla quale si aggiungono le peculiarità tipiche di una vera e propria festa popolare. La scelta della Pro Loco di configurare l’evento come festa è motivata dal legame stretto nei secoli tra Cannole e la lumaca, chiamata in forma dialettale municeddha. L’importanza che la lumaca riveste per il paese è suggerita dallo stesso appellativo attribuito ai cittadini di Cannole: cuzzari, che corrisponde a raccoglitori di cozze, un chiaro riferimento alla pratica del cogliere lumache per i campi.

LA FORZA DELLA TRADIZIONE - La forza della Festa della Municeddha, risiede, di conseguenza, nell’offerta non di un prodotto qualsiasi, ma di quello che più identifica Cannole e che porta con sé l’intero patrimonio culturale del paese. La Pro Loco di Cannole ha dato una forte visibilità al paese poiché ha saputo onorare la municeddha con una grande Festa che rappresenta un classico appuntamento dell’agosto salentino, per alcuni versi, il più suggestivo. Un’occasione unica per respirare l’aria di una vera e propria festa popolare, che propone una cucina tipica al ritmo di musica e folklore, ma anche di storia e cultura.

Durante la Festa le municeddhe possono essere gustate in tre preparazioni differenti: al sugo, soffritte  e arrostite.  Nel corso delle quattro serate previste dalla sagra, possono essere degustati, inoltre, piatti tipici della tradizione salentina accompagnati dal vino rosato Vecchia Torre di Leverano. Presenti da varie edizioni gli sponsor Dreher, con fiumi di freschissima birra, e Averna , il famoso amaro siciliano che con Don Salvatore in tour porterà, a Cannole come nelle più note kermesse culinarie, il personaggio ispirato al fondatore della marca ed interpretato, nella nuova campagna di comunicazione, dall’attore hollywoodiano Andy Garcia. Presso lo stand di Don Salvatore, sarà possibile divertirsi con giochi a tema, scattare foto ricordo e, naturalmente, degustare Amaro Averna.

MUSICA E GIOVANI BAND - La Festa è anche tanto divertimento raccontato al meglio dall’attenzione

particolare che in questa edizione 2016 è stata riservata alla colonna sonora che regalerà vere emozioni per

questi giorni indimenticabili. Sui due palchi allestiti si alterneranno ben 10 gruppi ai quali si aggiungerà una

eclettica street band itinerante, la Stella Band Serenade. I gruppi, formati da valenti musicisti, spazieranno dalla musica folk alla musica popolare salentina , dal beat anni ’60 allo ska e al funk.

Il palco area stands dal 10 al 13 agosto, vedrà, in sequenza, la presenza dei Tàkorassia, dei Folkalore, degli Sciacuddhuzzi e dei Terre a Sud.

Il palco centrale vedrà esordire il 10 agosto per la prima volta a Cannole, I Paipers, con il loro look, lo slang

e con la forza travolgente del beat italiano anni ’60 per una serata tutta da ballare. L’ 11 agosto sarà la volta

degli Alla Bua, nati dalle esperienze più tradizionali della cultura musicale salentina. Il 12 agosto un

graditissimo ritorno. Dopo la loro reunion, tornano a suonare nel paese che li ha visti nascere i Mama Ska.

A seguire, la serata del 12 si concluderà con I Scianari, gruppo di musica popolare salentina. 

L’ultima sera vedrà sulla scena uno dei gruppi più quotati del panorama musicale salentino e non solo: i Bundamove, band nata grazie all’amore per il funk e per la black music di giovani musicisti, tutti di grande spessore. 

A chiusura della kermesse, la scena finale sarà un omaggio della Festa della Municeddha ad un gruppo

storico di Cannole che festeggerà 40 anni di ininterrotto successo: il Gruppo Folk 2000. 

Un finale che si preannuncia spettacolare e ricco di sorprese.

LE ALTRE INIZIATIVE TRA PREMI E CONCORSI – Novità assoluta per la Festa sarà un’interazione diretta con

la gente. Un concorso per la foto più significativa che verrà scattata durante la Festa e che verrà postata sui

social oltre ad un concorso per poesia e pittura che quest’anno avrà per tema “La tradizione in movimento. Il tuo paese, la tua Festa” .

Una giuria di critici sceglierà le opere più interessanti e queste saranno premiate  durante una  Festa di Fine Estate, evento  a cura della Pro Loco che esalterà la valenza culturale che la Festa della Municeddha da sempre porta con sé.

L’utima novità è rappresentata quest’anno dalla vendita dei sacchettini portafortuna con le municeddhe

provenienti da un allevamento di lumache di Cannole. Le lumache, da regalare o da comprare per sé,

consentiranno ,una volta preparate secondo l’antica ricetta cannolese, di rivivere anche a casa i profumi e i

sapori della nostra tradizione.

Questa è la Festa della Municeddha 2016. Una manifestazione diventata, anno dopo anno, sempre più un punto di riferimento grazie ad una crescita esponenziale che oggi la colloca tra le sagre più rinomate del territorio italiano sia per l’organizzazione che per la qualità e la bontà dei prodotti.

Da sempre il forte legame identitario di Cannole con la sua Festa della Municeddha, che rimane l’unica

sagra delle lumache dell’intero Sud Italia, riempie di orgoglio tutti i cittadini che hanno visto il paese

cambiare il proprio status e collocarsi tra le mete turistiche più ambite del Salento.

Per concludere possiamo fare nostra la citazione di Marcel Roland, scrittore e naturalista francese:

“La carne di chiocciola è cibo per il popolo, perché solo il popolo sa creare attorno ad essa una festa tutta sua”.

Noi aggiungiamo: una Festa unica e imperdibile.

Gruppi musicali FESTA DELLA MUNICEDDHA 2016

                                                                  AREA VILLA

Ogni sera, per il divertimento di tutti, spettacolo musicale itinerante del gruppo

Stella Band Serenade

                                                              PALCO AREA STANDS

10 agosto : Takoràssia             Genere : Musica popolare salentina

                                                                        Consuelo Alfieri - voce, organetto, fisarmonica, tamburello

                                                                 Ilaria Calò - voce, cajòn

                                                                 Stefano Campa - flauto traverso, ottavino

                                                                 Barnaba Friolo - tamburello, tamborra

                                                                 Luca Giannoccolo - chitarra

                                                                 Joele Micelli - violino, voce

Il timbro che caratterizza i Takoràssia è dato dalla presenza di due voci femminili che rendono le

interpretazioni dei brani con profondità e originalità.

Gli strumenti si amalgamano rincorrendosi e rispondendosi in un alternarsi di suoni sapientemente

incastonati fra di essi. Le percussioni scuotono e scandiscono il tempo vorticoso delle pizziche e

accompagnano e sostengono gli stornelli, le tamburriate e le ballate.

Ciò che esce da questa ensemble è una musica tradizionale ma fresca, frizzante e mai scontata nel

massimo rispetto per la tradizione ma consapevole del tempo in cui si trova.

11 agosto: Folkalore                     Genere : Folk

                                                                      Alessandro Trovè - Voce e tamburi

                                                                      Antonio Mariano - Chitarra e voce

                                                                      Roberto Corciulo - Fisarmonica e voce

                                                                      Alessandro Madaro - Batteria

                                                                      Filippo Corciulo – Basso

L’estro dei Folkalore è un dato incontrastato. Il loro modo di interpretare il folk salentino da vita un concerto dinamico e divertente tutto da cantare e ballare.

In quasi due ore di spettacolo i Folkalore intrecceranno i classici del grande Bruno Petrachi agli inediti raccolti nel loro primo album “SOUVENIR”.

12 agosto: Sciacuddhuzzi                 Genere: Etno-popolare

                                                                        Giuseppe Attanasi - chitarra e voce

                                                                        Cesare Vincenti - chitarra e voce

                                                                        Flavio Baldassarre - mandolino

                                                                        Filippo Giordano - violino

                                                                        Roberto Spongano - basso

                                                                        Mattia Manco- fisarmonica

                                                                        Tamara Fonseca - voce

                                                                        Alessandro Spongano - armonica a bocca e voce

                                                                        Giuseppe Mangione - tamburello e voce

                                                                        Sergio Amato - tamburello e voce

                                                                        Antonio Toto - tamburello e voce

                                                                        Mauro Gigante - tamburello

Il gruppo etnico Sciacuddhuzzi è una ensemble di strumenti acustici di estrazione prevalentemente popolare. Specializzato in un repertorio il cui reperimento è il frutto di stravaganti ed appassionanti indagini di carattere etnomusicologico da parte del fondatore del gruppo, Francesco Attanasi, musicologo, polistrumentista e compositore originario di Soleto (LE).

Con gli Sciacuddhuzzi, primo gruppo di pizzica salentina che nasce fuori dal Salento, prende corpo il progetto di Francesco: esportare la musica e la tradizione salentina nell’Italia settentrionale.

Dopo la prematura scomparsa di Francesco, è il fratello Giuseppe a raccogliere il testimone e a far rivivere il progetto Sciacuddhuzzi insieme ad altri musicisti con cui Francesco aveva collaborato.

Il gruppo si esibisce sempre più spesso anche nelle piazze, nei teatri, e nei festival di musica popolare (8 partecipazioni al Festival La Notte della Taranta dal 2006 al 2015).

Nell’estate del 2011, gli Sciacuddhuzzi pubblicano il loro primo CD, dal titolo “Pizzica Melodica” (3000 copie vendute), contenente i principali arrangiamenti ele composizioni di musica popolare che Francesco Attanasi aveva scritto fino al 2005, ed alcuni brani frutto di ricercate contaminazioni (maturate durante il percorso conoscitivo-creativo dei vari concerti) con altre tradizioni musicali popolari e generi più innovativi (rock e jazz), sempre restando nel solco della scrittura musicale di Francesco.

Il loro repertorio è composto da:

Trascrizioni storiche tratte da documenti originali (XVII-XIX sec.) relativi alla iatromusica tarantellistica utilizzata nella cura meloterapeutica del tarantismo;

Tarantelle, Pizzica-tarantata, Pizzica-pizzica (de core), Pizzica d’amore, Pizzica melodica;

Ballate popolari, Serenate salentine; Stornelli in musica; Danze tradizionali;

Musiche e serenate in Terra d’Otranto; Canti di tradizione grecanica; Etnoreggae.

13 agosto: Terre a Sud                              Genere: Musica della tradizione popolare del Sud

                                                                                 contaminata da sonorità etno/rock.

                                                                                 Tommy Miglietta – Batteria e tamburello

                                                                                 Peppe Giannuzzi – Violino elettrico

                                                                                 Enrico Conte - Fisarmonica

                                                                                 Gianvito Carlino – Voce, tamburello e violino

                                                                                 Mattia Cavaiola - Chitarra elettrica

                                                                                 Pino Vergine - Basso elettrico

Terre a Sud è un nuovo progetto di musica della tradizione popolare del sud Italia, nato dalla

professionalità e la passione di un gruppo affiatatissimo di musicisti, uniti non solo dall’amore per la musica ma soprattutto da una forte amicizia.

Dopo diverse esperienze maturate in altri gruppi è diventato sempre più forte il desiderio di creare

qualcosa che potesse esprimere al meglio le proprie idee musicali, caratterizzate da una forte

contaminazione di sonorità etniche/balcaniche e rock unite alla più tradizionale pizzica salentina.

                                                            PALCO CENTRALE

10 agosto : I Paipers                                 Genere : Beat italiano anni ’60

                                                                                  Don Lisi – voice

                                                                                  Mr. Penti - guitar, backing vocals

                                                                                  Mr. Christmas - drums, synths, backing vocals

La band prende il nome dallo storico locale di Roma “ Piper Club” pista di lancio per i nuovi talenti

dell’Italia dinamica degli anni ’60. Caterina Caselli, Equipe 94, Rita Pavone fino alla creatura più

nota del famoso locale: “la ragazza del Piper” Patti Pravo.

Il repertorio è il juke-box di quegli anni. Lo spettacolo catapulta direttamente negli anni ’60…musica abbigliamento e linguaggio è tutto sixties!

Dopo un periodo di concerti in giro per l’Italia, diventano ospiti fissi degli Smaila’s Puglia.

Successivamente approdano all’estero con un tour a Londra nei più prestigiosi club londinesi.

A febbraio 2015 accompagnano musicalmente Nino Frassica in due eventi teatrali. A ottobre

2015 dopo l’uscita di due singoli, “Speedy Gonzales” e “Guarda come dondolo” accompagnano

Red Canzian in tour.

Subito dopo tornano a Londra per un concerto al Cafe 1001, storico locale su Brick Lane. Da

quest’esperienza nasce il videoclip “Io ho in mente te”.

A dicembre 2015 esce il videoclip “Senza Luce” girato interamente a Milano.

Hanno all’attivo centinaia di concerti in giro per l’Italia merito anche dell'incontestabile originalità

del progetto che li pone tra le band più ricercate nell'intero sud Italia.

11 agosto: Alla Bua                                Genere: musica popolare in particolare salentina come

                                                                                  la pizzica.

                                                                               Tiziana Valentini, voce

                                                                               Umberto Panico, suonatore di armonica a bocca                                                                                  

                                                                               tricasino

                                                                               Gigi Toma, secondo tamburello e voce

                                                                               Bruno Spennato, voce

                                                                               Lamberto Probo, suonatore di tamburello e voce

Gli Alla Bua nascono dalle esperienze più tradizionali della cultura musicale salentina. Si sono

formati tra le ronde della storica festa di San Rocco a Torrepaduli, nelle notti itineranti del

canto a Santu Lazzaru, nelle tipiche feste nelle curti fatte di vino, voci spiegate e incessabili

tamburelli.

Qui si sono uniti i componenti, ragazzi provenienti da vari paesi del Salento (da Casarano a

Collepasso, da Cavallino fino alla grika Sternatia), con la comune coscienza di sentire propria

l’eredità della musica popolare, appresa direttamente nelle proprie case, con la grande

passione di suonarla, di tramandarla e di divulgarla.

Alla Bua è una locuzione raccolta presso anziani del sud Salento, che la utilizzavano come

ritornello per accompagnare i canti di lavoro o d’amore. Il significato ce lo dà, sembrerebbe,

l’antica lingua grica (veramente antica, trattandosi di basso salento, e non della zona detta oggi

Grecìa, circoscritta entro una decina di comuni, e ben distante da Alliste, luogo di questa

scoperta): Alla Bua starebbe per medicina alternativa, altra cura.

E’ in questo concetto che si concretizzano lo spirito e il suono del gruppo. La cura: nel passato,

quella contro il morso velenoso della leggendaria taranta, quella di una società stremata dalle

difficoltà e dalla povertà; oggi, similmente, contro la frenesia e la piattezza della società

moderna, una cura a suon di pizzica pizzica, danza forte, calda e liberatoria.

12 agosto : Mama Ska                                                      Genere: Ska, Rocksteady, Reggae

                                                                                                         Roberto Lezzi - Voce;

                                                                                                         Alessandro Rubichi - Tastiere;

                                                                                                         Gianluca Rubichi - Batteria;

                                                                                                         Fabrizio Palombella - Basso;

                                                                                                         Giancarlo del Vitto - Chitarra;

                                                                                                         Salvatore Pasca - Sax;

                                                                                                         Andrea Doremi - Trombone.

Mama-Ska fanno il loro debutto nel 1998. La prima formazione, più piccola dell’ attuale, è

composta da sei elementi che però trasmettono già dal loro esordio qualcosa di originale ed

innovativo al pubblico, che via via diventa sempre più numeroso durante i loro live.

Lo stile musicale che la band propone è più una rivisitazione in chiave personale che un

omologazione dello ska e del reggae, anche perché sulla scia di gruppi storici del panorama

alternativo degli anni 90 (come FRATELLI DI SOLEDAD,CASINO’ ROYALE ecc…) i Mama-Ska iniziano

a concepire la bellezza e la poliedricità dei ritmi in levare e la versatilità che proprio essi possono

avere. Già dai primi concerti si nota che qualcosa nel Salento si muove davvero!

Nell’estate del 1999 i Mama-Ska vincono "ONDEROCK FESTIVAL" che per loro sarà una svolta e

permetterà di proporsi in diverse piazze e manifestazioni coinvolgendo sempre più un numero

maggiore di curiosi e riuscendo a portare il loro “ROCKSTEADY BEAT” veramente dappertutto.

Molti definiscono il gruppo una vera e propria “MACCHINA DA PALCO”, e forse proprio la loro

instancabile voglia di suonare dal vivo,è una delle cause del ritardo di una produzione discografica.

Produzione che arriva solo nel 2002 con l’uscita di HOT MAMA CAFE’ per l’etichetta indipendente

DRIM;10 tracce che esplorano il mondo musicale del gruppo, che nel frattempo colleziona live in

giro per l’ Italia e affianca molti nomi della scena musicale (fra i più noti NUOVE TRIBU’ ZULU,

RADICI NEL CEMENTO, SUD SOUND SYSTEM, BISCA ecc…).

L’ attività concertistica del gruppo, va avanti sino all’estate del 2008 anno in cui i fondatori della

band decidono di sospendere per un po’ il progetto alla ricerca di nuove idee e contaminazioni. In

questi anni infatti i singoli musicisti danno vita a svariate realtà musicali, spaziando e cimentandosi

in generi completamente diversi dal jazz alla musica etnica.

La voglia di rimettere in moto quella “macchina da palco”, e la richiesta da parte dei fans è

talmente tanta che a distanza di anni i Mama-Ska si rimettono in gioco.

12 agosto, a seguire:   Li Scianari                                 Genere: musica popolare salentina

                                                                                                     Antonio Ottino: Chitarra e voce

                                                                                                     Marco Rubichi: Fisarmonica

                                                                                                     Ramona Visconti: Danza e voce

                                                                                                     Ilaria Costantino: Tamburello e voce

                                                                                                     Silvia Coppola: Violino

                                                                                                     Luca Maggio : Tamburello

                                                                                                     Marco Nuzzo: Tamburello e voce

Li Scianari sono un gruppo di musica popolare salentina, nato a Cannole (LE) nel 2006 e operante

nel Salento e su gran parte del territorio nazionale. Le notevoli esperienze musicali dei singoli

componenti, associata alla passione indomita per la pizzica e le musiche di tradizione, fanno dei

Scianari uno dei gruppi più apprezzati e coinvolgenti delle maggiori manifestazioni salentine.

Con la forza interpretativa dei brani storici rivisitati e quella propositiva di brani inediti, i Scianari si

sono adoperati, sin dall'inizio, a mettere la tradizione in movimento, senza mai interrompere

quel filo caldo della continuità, che lega il presente con la sua storia e le sue radici.

Tradizione in movimento è un programma che mette in atto l'obiettivo di raccontare il Salento nel

presente, con le radici profonde del passato. In tal modo la tradizione non è più vista come un 

"monumento storico", che dopo un tempo di recupero e di restauro lo si preserva e custodisce, bensì come una forza che ancora vive e si muove nel sottosuolo del tempo, riportando alla luce nuovi interrogativi e nuove risposte agli incessanti morsi della taranta.

Il nome del gruppo deriva da un'espressione dialettale, scianaru, che evoca lo stato umorale e

volubile di una persona interiormente irrisolta. Questa incapacità a darsi una direzione stabile può

essere paragonata a quella di tante donne, che, nel passato, stramazzavano al suolo per il fatto di

sentirsi irrisolte sia a livello sociale che affettivo; per questo cercavano la possibilità di un riscatto,

attraverso il rito terapeutico della taranta.

Luciscere è l’ultimo lavoro discografico de I Scianari. 12 brani intrisi di energia pura, mescolando

brani della tradizione con brani inediti.

13 agosto : Bundamove                                      Genere : Funk

                                                                                               Emanuele "Manufunk" Pagliara - chitarra

                                                                                             Marco "DonSkal" Calabrese - tastiere

                                                                                             Antonio "Dema" De Marianis - batteria

                                                                                             Michele “Mike” Minerva - basso

                                                                                             Sandro “Sax” Nocco - sassofono

                                                                                             Gabriele “Trumpet” Blandini – tromba

I BUNDAMOVE nascono in Salento nel dicembre 2009 grazie all’amore per il funk e per la black

music. I musicisti, tutti di grande spessore, vantano collaborazioni con Roy Paci & Aretuska, Manu

Chao, Boomdabash, Anansi, Steela. I sei salentini si fanno strada suonando in giro per l’Italia,

conquistando pubblico e critica.

La prima produzione discografica “Da Funk Machine” (Goodfellas, 2011) è anticipata da

"Roadhouse Blues”.

Nel 2012 “Smooth Criminal” attira l’attenzione di Vincenzo Mollica che cita la band come una delle

rivelazioni dell’anno nella rubrica del TG1 “DoReCiakGulp”.

Nel 2013 i Bundamove entrano in studio per registrare il primo album di inediti “Connection”, che

uscirà l’anno seguente per Fiorirari/ Universal e sarà ricco di collaborazioni d’eccezione, come Sud

Sound System, Emma Marrone, Après La Classe, Nitto dei Linea 77, Mr T-Bone, Roberto Angelini,

Cico: la band rivoluziona il proprio sound, sperimentando la “connessione” tra antica passione per

il funk e universo musicale, dal reggae al pop, passando per hip hop e crossover.

Dal primo singolo “Sexy Voodoo Party” feat. Cico prende spunto un tour di 60 date tra cui le

aperture degli show di leggende della musica internazionale come Manu Chao e Ska-P, fino al

Sziget Festival di Budapest, punto di riferimento della scena live europea.

Nel mezzo del tour, la band trova il tempo di registrare il remake di “Filu de Jentu”, in

collaborazione con l’autore del pezzo Nandu Popu dei Sud Sound System.

A maggio 2014 esce “Stimoli” feat. Cico & Karlino seguito a luglio da “Ce Me Passa” feat. Sud

Sound System & Après La Classe pezzo simbolo di un’estate che ha visto i Bundamove calcare i

palchi di importanti festival nazionali (Ariano Folk, Gusto Dopa) ed aprire i concerti di Shaggy e dei

Negramaro allo Stadio Via del Mare di Lecce.

Nel 2015 la band lancia il video di “Connex” feat. Cico in rotazione su Rock Tv Pass e HipHop Tv

Pass, mentre iniziano i preparativi per il nuovo album. Il singolo che anticipa la nuova produzione

discografica dei Bundamove, “Rollover”, è uscito il 24 giugno 2016.

Per finire, la Festa della Municeddha omaggerà per i 40 anni di attività il Gruppo Folk 2000 che eseguirà il concerto di chiusura della manifestazione 2016.

Gruppo Folk 2000                   

Salvatore Rubichi – voce

Ramona Visconti – voce e danza

 Maurilio Gigante – basso e voce

Daniele Stefàno  - chitarra

Cristian Calò   -  fisarmonica

Paolo Colazzo  -  batteria

Marco Rubichi - tamburelli

Giorgio Nocita – tamburelli

Il Gruppo Folk 2000 nasce a Cannole nel 1976. L’esigenza artistica e culturale è quella di portare all’attenzione del pubblico quelle musiche, quella cultura, quelle tradizioni, che andavano e vanno scomparendo. La sua espressione musicale dialettale, infatti, è la testimonianza del ritorno alle origini, il racconto in chiave moderna della storia culturale di un’intera provincia, dei suoi problemi, della sua tradizione.

Alcune delle più note canzoni del Gruppo Folk 2000, raccolte in più di 22 album, trasformano in chiave folkloristico-musicale una realtà radicata nelle genti del Sud.

Spettacolo e partecipazione del pubblico sono i cardini dei concerti del gruppo.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner