Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 21 agosto 2017 - Ore 06:47

Festival del Cinema Francese ad Acaya

Festival del Cinema Francese ad Acaya

Vernole - Sino a domenica 17 luglio nel Castello di Acaya, piccola frazione del comune salentino di Vernole, prosegue “Vive le cinéma“, primo Festival di cinema francese del Sud Italia organizzato da Apulia Film Commission in collaborazione con Comune di Vernole e Istituto di Culture Mediterranee, ideato e diretto da Alessandro Valenti, Angelo Laudisa e Brizia Minerva. 

Venerdì 15 luglio la giornata si aprirà dalle 10 alle 12 con una Tavola rotonda sulla coproduzione italo-francese coordinata dall'avvocato Leonardo Paulillo, specializzato in proprietà intellettuale, produzioni cinematografiche, diritto d'autore e dello spettacolo. Interverranno gli ideatori del festival Angelo Laudisa, produttore italo francese (Rosebud Entertainment Pictures) e Alessandro Valenti, sceneggiatore e regista, e i produttori Alessandra Acciai (Maliafilm), Francesco Virga (Mir Cinematografica), Gustavo Caputo (Saietta Film), Philippe Aigle (Oceanfilms Distribution), Virginie Lacombe (Marraine Productrice du Marathon), Eric Dupont (Incognito Films), Sophie Deflandre (Studio Orange Cinema), Francesco Melzi d'Eril (Good Films), Luchino Visconti di Modrone (Enormous Film) e Daniele Basilio (Apulia Film Commission). 

Dalle 19 spazio alla Master Class sulla sceneggiatura a cura di Thomas Bidegain. Autore, tra gli altri film, de “Il profeta” e “Un sapore di ruggine e ossa” di Jacques Audiard, “La famiglia Bélier” di Éric Lartigau, Les Cowboys è il suo esordio come regista. Dalle 20.30 al via le proiezioni con il cortometraggio Ave Maria del regista Basil Khalil che ha ricevuto la nomination per gli Oscar 2016. Il corto racconta la storia di un convento, nel mezzo del deserto della Cisgiordania, nel quale le monache vivono la loro routine quotidiana di silenzio e di preghiera, finchè una famiglia di coloni ebrei bussa alla loro porta per chiedere aiuto. A seguire due lungometraggi in concorso Adama di Simon Rouby, che sceglie l’animazione per raccontare la storia di un ragazzino 12 anni che, sulle tracce del fratello scomparso, parte da un remoto villaggio dell’Africa Occidentale e si ritrova a Verdun, in Francia, nel pieno della battaglia, e Je Suis Soldat di Laurent Lariviere, che racconta l’aspra lotta di una giovane donna che per sfuggire alla precarietà si immerge nell’universo del traffico di animali domestici. Dopo mezzanotte (venerdì e sabato) le serate di "Vive le cinéma" si concluderanno con NotteDoc. I due documentari “L’humour a mort (Je suis Charlie)” di Emmanuel e Daniel Leconte e "No land’s song" della regista di origini iraniane Ayat Najafi saranno protagonisti anche alla Festa di Cinema di Reale che si terrà a Specchia, in provincia di Lecce, dal 20 al 23 luglio. Giunta alla tredicesima edizione, la manifestazione dedicata al cinema documentario, sotto la direzione artistica del film-maker Paolo Pisanelli, è una straordinaria occasione di incontro fra pubblico e autori ma soprattutto una festa di sguardi e scambi creativi che promuove le narrazioni del reale. “L’humour a mort (Je suis Charlie)” è un tributo ai giornalisti del giornale satirico francese che sono stati trucidati in redazione nel gennaio 2015. Per realizzare No land’s song il regista Ayat Najafi ha seguito per quasi tre anni la incessante ricerca della sorella di organizzare un concerto pubblico con cantanti solisti a Teheran.

Sabato 16 luglio dalle 19 spazio alla Master Class della regista Marion Vernoux. Dalle 20.30 prenderanno il via le proieizioni con il corto Réplique di Antoine Giorgini. Subito dopo due lungometraggi in concorso Ni le ciel ni la terre opera prima di Clement Cogitore, su un reparto di soldati in Afghanistan, e Valley of love di Guillaume Nicloux con Gérard Depardieu e Isabelle Huppert. In chiusura NotteDoc con No land’s song.

Domenica 17 luglio la prima edizione del festival si concluderà con la premiazione nelle tre categorie (documentario, corto e lungometraggio), con la proiezione di Agnus dei (Les innocentes) di Anne Fontaine e con la festa finale. Il film è ambientato in Polonia nel dicembre 1945. Mathilde Beaulieu, una giovane interna della Croce Rossa incaricata di curare i superstiti francesi prima del loro rimpatrio, viene chiamata in soccorso da una suora polacca. Inizialmente reticente, Mathilde accetta di seguirla in convento, dove trenta benedettine vivono isolate dal mondo. Scopre che molte di loro, stuprate da soldati sovietici, stanno per partorire. Poco poco tra Mathilde, atea e razionalista, e queste suore, s’instaureranno delle relazioni complesse, che saranno affinate dal pericolo, dalla clandestinità delle cure e da nuovi drammi.

Il Castello di Acaya ospita anche la mostra Atlante mediterraneo a cura di Rosalba Branà, Lorenzo Madaro e Brizia Minerva con opere di Giovanni Albanese, Dario Agrimi, Lulzim Alija, Endri Dani, Miki Carone, Claudio Cusatelli, Angelo Filomeno, Raffaele Fiorella, Claudia Giannuli, Iginio Iurilli, Virginia Ryan, Massimo Ruiu e Giuseppe Teofilo. La mostra (che proseguirà sino al 21 agosto - info 3472535235) è promossa dall'Istituto di Culture Mediterranee in collaborazione con la Fondazione Pino Pascali di Polignano a mare e il Museo Castromediano di Lecce.

Il Festival nasce per consolidare i legami creativi con il Sud Italia e segnare il primo passo verso un vero e proprio “patto culturale” tra la Puglia e la Francia, prima industria cinematografica Europea e terza al mondo con quasi 300 film prodotti ogni anno e oltre 200 milioni di spettatori. «Il nostro obiettivo è quello di presentare ogni anno la più recente selezione di film francesi inediti in Italia e di far nascere e migliorare le relazioni tra produzione francese e italiana sviluppando le coproduzioni tra i due Paesi», sottolineano gli organizzatori. «Il festival costituisce un’occasione per costruire una relazione privilegiata con il cinema francese e con la Francia. Tutto il mondo, Stati Uniti inclusi, guardano alla Francia e alla sua industria cinematografica. Cercare dunque un ponte con le produzioni francesi non può che procurare dei vantaggi», proseguono. «Tra gli obiettivi del festival c‘è la volontà di invogliare i produttori francesi a venire in Puglia a realizzare i loro film. Questo comporterebbe occupazione, sviluppo, partecipazione internazionale dato il notevole spessore artistico degli ospiti. “Vive le cinèma” non si esaurirà nei cinque giorni di programmazione. L'idea per il futuro è, infatti, quella di costruire ad Acaya una fattoria delle idee in cui i più importanti produttori e sceneggiatori italiani e francesi possano incontrarsi tra di loro e proporre nuovi progetti».

Il festival è sostenuto dall’Unione Europea, Regione Puglia – Assessorato all’Industria turistica e culturale, Provincia di Lecce, Comune di Vernole, Istituto di Culture Mediterranee, Castello di Acaya, Università del Salento, Puglia Promozione, Ver in Oleis e Apulia Film Commission.

Info vivelecinema-festival.com

Programma

mercoledì 13 luglio

Piazza Vittorio - Vernole

ore 20.30 - inaugurazione e presentazione delle giuria

ore 21 - Fatima di Philippe Faucon

ore 23 - Officina Zoè in concerto

giovedì 14 luglio

Castello - Acaya

ore 19 - Chiara Mastroianni (master class)

ore 20.30 - Maman(s) di di Maimouna Doucuré

ore 21 - Les Cowboys di Thomas Bidegain

ore 22.45 - Le Repas Dominical di Céline Devaux

ore 23.15 - Et Ta Soeur di Marion Vernoux

venerdì 15 luglio

Castello - Acaya

ore 10 - Tavola rotonda sulla coproduzione italo-francese

ore 19 - Thomas Bidegain (Master class)

ore 20.30 - Ave Maria di Basil Khalil

ore 21 - Adama di Simon Rouby 

ore 23 - Je suis un soldat di Laurent Lariviere

ore 00.30 - Je suis Charlie di Daniel e Emmanuel Leconte

sabato 16 luglio

Castello - Acaya

ore 19 - Marion Vernoux  (Master Class)

ore 20.30 - Réplique di Antoine Giorgini

ore 21 - Ni le ciel ni la terre di Clement Cogitore

ore 23 - Valley of love di Guillaume Nicloux

ore 01 - No land’s song di Ayat Najafi

domenica 17 luglio

Castello - Acaya

ore 20.30 - Premiazione

ore 21 - Agnus Dei (Les Innocentes) di Annie Fontaine

ore 23 - Festa di chiusura.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner