Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 20 novembre 2017 - Ore 08:19

Aumentano le aperture di partite Iva in provincia di Lecce

Aumentano le aperture di partite Iva in provincia di Lecce

Lecce - Aumentano le aperture di partite Iva in provincia di Lecce. Segno dei tempi che cambiano, perché, per poter trovare un’occupazione, non sembrano esserci alternative a quella di mettersi in proprio. La conferma arriva da un’indagine condotta dall’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce, che ha elaborato gli ultimi dati del Dipartimento delle Finanze. Nello studio rientrano le ditte individuali, le società di persone, le società di capitali e le altre forme giuridiche, nonché i liberi professionisti, come avvocati, medici, ingegneri, architetti.

Nel corso del 2015, sono state aperte 8.157 posizioni fiscali (contro le 8.044 dell’anno prima). Si registra una variazione di 113 unità in più, pari ad un tasso dell’1,4 per cento. Positivo anche il confronto con il 2013, quando si aprirono 7.378 partite Iva. L’incremento, in questo caso, è di 779 unità, pari al 10,6 per cento. «I dati elaborati – spiega Davide Stasi, direttore dell’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce – ci consentono di comprendere come l’apertura di nuove partite Iva rappresenti, oggi, una specie di valvola di sfogo in carenza di valide alternative lavorative. C’è, dunque, la volontà di non arrendersi. Sono tanti, infatti, i lavoratori e le lavoratrici che, a fronte dell’impossibilità di collocarsi o ricollocarsi come dipendenti, scelgono di aprire un’attività in proprio. E non è un caso che, parallelamente, calano le diverse forme di lavoro a termine, le collaborazioni a progetto e quelle occasionali».

Va inoltre considerato che, tanto a livello nazionale che regionale, «l’auto-imprenditorialità gode di svariati incentivi ed è sicuramente un fatto positivo. Tuttavia – sottolinea Stasi – occorre evitare che le nuove realtà si trasformino in esperienze effimere, destinate a durare per brevissimo tempo. Il supporto non può arrestarsi alla mera fase di start-up, ma deve continuare negli anni, con strumenti idonei a garantire lo sviluppo, la crescita e l’autosufficienza delle nuove imprese». Allargando l’analisi alle altre province pugliesi, solo Brindisi cresce di più di Lecce, con una performance del 21,9 per cento dal 2013 (in quell’anno furono aperte 3.290 partite Iva, l’anno dopo 3.400 e nel 2015 ben 4.011).

Gli altri territori, invece, registrano valori negativi. Nella provincia di Bari, infatti, sono state accese 10.248 posizioni fiscali contro le 11.306 dell’anno precedente. La flessione è di 1.058 unità, pari al 9,4 per cento. Il capoluogo regionale rappresenta il 28,4 per cento del totale delle nuove partite Iva. Dopo Lecce, che corrisponde al 22,6 per cento della «torta» pugliese, seguono Foggia che rappresenta il 16,7 per cento (6.033 partite Iva aperte nel 2015); Taranto il 12,2 per cento (4.387 nuove posizioni fiscali); Brindisi l’11,1 per cento e Barletta-Andria-Trani l’8,9 per cento (3.210 partite Iva).

Il calo generalizzato in Puglia (-2,4 per cento) è dovuto all’adesione al regime fiscale cosiddetto “di vantaggio”. Occorre ricordare che, inizialmente, la scadenza per entrare nei “minimi” (con aliquota Irpef al 5 per cento) era fissata al 31 dicembre 2014, ma solo successivamente fu prorogata a tutto il 2015 e questa circostanza, probabilmente, ha indotto molti soggetti ad accelerare l’apertura della partita Iva nel 2014. Di conseguenza nell’ultimo anno si è registrato un numero inferiore di aperture.

Suddivisione per natura giuridica e sesso 

Più in dettaglio, 27.149 partite Iva sono state aperte da professionisti o da titolari di ditte individuali, 1.298 da società di persone, 7.393 da società di capitali, 189 per altre forme giuridiche e 17 da stranieri. Per un totale di 36.046 posizioni fiscali, di cui 16.512 da uomini, 10.637 da donne e le restanti 8.897 da società.

Suddivisione per classi d’età

Restringendo il campo alle persone fisiche, sono stati 12.014 i giovani under 35 che hanno aperto la partita Iva durante l’anno scorso; 8.860 le persone dai 36 ai 50 anni; 4.251 dai 51 ai 65 anni e 2.024 gli over 65enni. Il confronto con l’anno precedente mostra riduzioni di aperture da parte delle classi più giovani, mentre crescono quelle delle classi più anziane.

Suddivisione per settori

Ecco, in ultimo, l’analisi per settori: 8.039 in agricoltura, silvicoltura e pesca; 7 per l’estrazione di minerali da cave e miniere; 1.596 nelle attività manifatturiere; 54 per la fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; 43 per la fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione rifiuti e risanamento; 2.762 nelle costruzioni; 8.940 nel commercio all’ingrosso e al dettaglio; 633 per il trasporto e magazzinaggio; 2.825 per le attività dei servizi di alloggio e di ristorazione; 794 per i servizi di informazione e comunicazione; 490 per le attività finanziarie ed assicurative; 397 per le attività immobiliari; 3.599 per le attività professionali, scientifiche e tecniche; 1.069 per il noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese; 8 nella pubblica amministrazione e difesa; 294 nell’istruzione; 1.941 nella sanità e nell’assistenza sociale; 967 per le attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento; 2 nelle attività di famiglie e convivenze e 1.586 in altri servizi.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner