Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 02:00

"Il piacere è tutto mio": Paolo Caiazzo al Teatro Il Ducale

"Il piacere è tutto mio": Paolo Caiazzo al Teatro Il Ducale

Cavallino - È di nuovo tempo di cabaret al Teatro “Il Ducale” di Cavallino. Per la Stagione Teatrale 2015/2016 siglata dall'Amministrazione Comunale, sabato 16 gennaio alle ore 20.30 è di scena il comico napoletano Paolo Caiazzo con il suo spettacolo Il piacere è tutto mio, messo in scena con la direzione artistica di Piero Ciakky. 

Il piacere è tutto mio:

Talvolta dimentichiamo di essere forniti di un cervello in grado di produrre pensieri ed opinioni e tendiamo a fare nostre considerazioni fatte da altri. Tutto sommato è comodo sono già confezionate e pronte per l’uso. Attraverso una tranquilla chiacchierata col pubblico, intervallata da personaggi più o meno probabili, Caiazzo cerca di analizzare gli aspetti tragicomici della nostra esistenza. Fin dai primi mesi di vita siamo aggrediti da agenti esterni che provocano in noi confusione. Poi ti ritrovi adulto e questi attacchi non diminuiscono, anzi….. I Media fanno di tutto per disorientarci, e troppo spesso ci riescono. Ed allora usando un linguaggio semplice ed immediato, come quello che caratterizza il cabaret, tento di stimolare l’antico gusto di ridere di se stessi. Tutto ci crea confusione: le dichiarazioni dei nostri politici, le vicende internazionali, i programmi televisivi, i giornali, perfino i foglietti illustrativi dei medicinali. «Sono un italiano nonostante sono un napoletano – dice Caiazzo  - ed il prodotto della confusione con le mie origini da vita al personaggio di Tonino Cardamone a cui è affidata la parte finale dello spettacolo. Riconosciuto non sano di mente e dalla società in cui vive, Cardamone si diverte, con la saggezza della pazzia, a sottolineare le follie di quella stessa società. Quindi non riesce a capire, per esempio, se l’uranio si è impoverito chi cazzo si sia arricchito? La risata è liberatoria, aiuta ad esorcizzare fobie e manie dei nostri giorni, ma allo stesso tempo le mette in risalto. Forse per avere meno problemi basterebbe non prendersi troppo sul serio».

Ingresso 12 euro, ridotto 10 euro. Orario biglietteria: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 17 alle ore 20. Infotel: 0832.6171208 (durante gli orari di apertura del botteghino) – 331.63935489 (ore 17-20).

Paolo Caiazzo

Nato a San Giorgio a Cremano, la stessa cittadina in provincia di Napoli che diede i natali all’attore Massimo Troisi, Paolo Caiazzo muove i suoi primi passi nel mondo del teatro a vent’anni, quando, nel 1987, inizia a frequentare la Bottega Teatrale del Mezzogiorno al Teatro Cilea. Qui, sotto la direzione di Antonio  e Maurizio Casagrande, intraprende la carriera di “attore brillante”. Grazie all’esperienza con i Casagrande, arrivano i primi riconoscimenti. Al Festival del Teatro Piccolo di Napoli, Caiazzo si aggiudica il premio come miglior attore protagonista e nel 2001 si classifica primo al Festival di comicità nazionale Charlot 2001 di Paestum. Nel frattempo comincia la sua esperienza televisiva e dopo un lungo training nelle televisioni private napoletane e campane, per Caiazzo si aprono le porte della televisione “generalista”. Partecipa a trasmissioni televisive e radiofoniche come Quelli che il calcio (2001-02), Bulldozer, Zelig Off e Colorado Cafè Live. Firma anche una delle “copertine” della trasmissione di approfondimento politico Ballarò. I suoi personaggi più conosciuti sono: il giapponese ‘Ndò (il turista in visita a Napoli e vittima di continui furti della macchina fotografica), Max Playstation (33 enne che impazzisce per il videogioco) e Tonino Cardamone, giovane in pensione. Contemporaneamente, a partire dal 2005, Caiazzo torna in teatro e porta in scena numerose pièce scritte da lui. Nel 2008 riceve dal sindaco di San Giorgio a Cremano Mimmo Giorgiano il premio Massimo Troisi alla Carriera. A partire dal 2010, in occasione del centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, i suoi monologhi si segnalano per l’invito al revisionismo di tale ultimo periodo storico. Nel 2012 esordisce al cinema con il film Impepata di nozze con la regia di Angelo Antonucci.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner