Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 20 novembre 2017 - Ore 18:13

Fitta serie di appuntamenti con Dama - Danze e musiche dal Salento

Fitta serie di appuntamenti con Dama - Danze e musiche dal Salento

Lecce - L'articolata programmazione del progetto Dama - Danze e musiche dal Salento - a cura dell’associazione Tarantarte - prosegue dal 27 dicembre al 5 gennaio con una fitta serie di appuntamenti. Domenica 27 si parte alle Officine Cantelmo (ore 20.30 - ingresso gratuito) con una festa per i 40 anni del Canzoniere Grecanico Salentino. Dopo la presentazione del documentario “La festa, la farina e la forca” di Sergio Spina – con la partecipazione di Giovanni Pellegrino (operatore culturale), Antonio Chiga (sindaco di Zollino) e Vincenzo Santoro – e, in anteprima, del nuovo videoclip del brano “Taranta” firmato dal regista Gabriele Surdo, spazio al concerto del gruppo guidato da Mauro Durante. Fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante, il Canzoniere Grecanico Salentino è il più importante gruppo di musica popolare salentina, il primo ad essersi formato in Puglia. L’affascinante dicotomia tra tradizione e modernità caratterizza la musica del CGS: il gruppo è composto dai principali protagonisti dell’attuale scena pugliese, che reinterpretano in chiave moderna le tradizioni che ruotano attorno alla celebre pizzica tarantata rituale, che aveva il potere di curare attraverso la musica, la trance e la danza il morso della leggendaria Taranta. Gli spettacoli del CGS sono un’esplosione di energia, passione, ritmo e magia, che trascinano in un viaggio dal passato al presente sul battito del tamburello, cuore pulsante della tradizione salentina. La band è composta da Mauro Durante (voce, percussioni, violino), Alessia Tondo (voce), Silvia Perrone (danza), Giulio Bianco (zampogna, armonica, flauti e fiati popolari, basso),  Massimiliano Morabito (organetto), Emanuele Licci (voce, chitarra, bouzouki), Giancarlo Paglialunga (voce, tamburieddhu. L’ultimo lavoro discografico “Quaranta” - prodotto da Ponderosa Music & Art e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record 2015 - è entrato nelle prestigiose classifiche World Music Chart Europe e Transglobal World Music Chart.

Dal 28 al 30 dicembre (dalle 17 alle 19) al Castello Carlo V spazio al Laboratorio sul tamburello a cornice con Giovanni Amati. Giovedì 30 sempre al Castello (dalle 19 alle 21) ultima lezione del corso di Pizzica pizzica  e danze popolari del sud Italia con Laura De Ronzo. Dal 1 al 5 gennaio nelle sale dell'Ex Convervatorio Sant'Anna si terrà invece la residenza "Danzare la terra", cinque giorni di danza, musica, incontri con esperti con la direzione artistica di Maristella Martella e Tarantarte. La residenza proporrà il Laboratorio di pizzica pizzica e danze popolari del sud Italia (1 gennaio 16/18, 2 e 3 gennaio 10/13) e Taranta Atelier, laboratorio di danza teatrale sugli aspetti simbolici, iconografici, letterari e rituali del Tarantismo e della Pizzica salentina (2 e 3 gennaio 14.30/17.30, 4 e 5 gennaio 10/13 e 14.30/17.30). Ogni giorno dalle 18.30 alle 20.30 la residenza ospiterà alcuni incontri di approfonimento. Venerdì 1 spazio a Le forme della tradizione musicale del Salento: un itinerario di ascolti commentati di materiali musicali "originali" - a cura di Vincenzo Santoro - tratti dalle ricerche storiche condotte negli anni 50-60 del secolo scorso (Lomax Carpitella, De Martino Carpitella, Montinaro ecc), che delineano un mondo musicale molto diverso da quello che oggi è prevalentemente conosciuto. Sabato 2 appuntamento con Le fonti storiche del tarantismo a cura di Vincenzo Santoro. Un focus che prevede la presentazione della riedizione del De Tarantula di Giorgio Baglivi a cura di Manuel De Carli e un seminario su Giovanni Battista della Porta e la tarantola a cura di Donato Verardi. Domenica 3 spazio a Il Tarantismo dal rito al palco, presentazione e proiezione di alcuni video storici sul tarantismo sempre a cura di Vincenzo Santoro. Da “Meloterapia del tarantismo” di Diego Carpitella alla parte pugliese dello spettacolo “Sentite Buona Gente”, forse il primo caso di “spettacolarizzazione” del tarantismo e di passaggio “dal rito al palco”, che si svolse a Milano nel 1967 e vide protagonista l’orchestrina terapeutica di Luigi Stifani e Salvatora Marzo. A seguire per le vie del centro storico rivive La strina, rappresentazione itinerante per le strade di Lecce del rituale del canto natalizio più diffuso della tradizione popolare salentina. Lunedì 4 incontro con il musicista e compositore Massimiliano Morabito su "Il ballo di tradizione orale nella Puglia centro-meridionale". La residenza si concluderà martedì 5 gennaio dalle 20 alla Fondazione Palmieri con Sradicamento che coinvolgerà Enza Pagliara & il Coro della Regina Paza,  gli allievi della residenza e la Compagnia Tarantarte (Maristella Martella, Silvia De Ronzo, Laura De Ronzo, Manuela Rorro, Antonella Boccadamo), Salenduo (Massimiliano De Marco, voce e chitarra e Luca Buccarella, voce e organetto).

Dama - Danze e musiche del Salento è un progetto dell’associazione Tarantarte, in collaborazione con Coolclub, con il sostegno del Comune di Lecce e con il patrocinio di Istituto Diego Carpitella e Puglia Sounds, finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” dal Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per la realizzazione di un archivio multimediale e di un laboratorio permanente sulle musiche e sulle danze popolari salentine che saranno ospitati in alcune sale del Castello Carlo V di Lecce. L'obiettivo del progetto – che durerà circa due anni e sarà coordinato da Antonio Santoro - sarà, dunque, la valorizzazione di una parte del piano terra del Castello (provvisoriamente nelle sale di Palazzo Turrisi) per la gestione di servizi con finalità educative, didattiche, sociali e di attrazione turistica. Sono previste quattro linee di azione: la costituzione di un archivio multimediale della musica salentina, diretto da Vincenzo Santoro, con un'attenzione particolare al vasto movimento di folk-revival che ha caratterizzato il territorio pugliese negli ultimi anni; la realizzazione di un vasto programma di attività seminariali e di fruizione pubblica dei contenuti; la realizzazione di una scuola di danza, diretta da Maristella Martella, con seminari, corsi e master-class sulla danza dalle sue forme coreutiche tradizionali salentine fino alle più recenti esperienze di rielaborazione in chiave contemporanea; lo sviluppo di percorsi formativi sull'imprenditorialità giovanile in ambito culturale e sociale.

La compagnia Tarantarte nasce nel 2009 a Bologna dall’incontro di danzatrici di diversa formazione. È diretta da Maristella Martella che con la sua danza teatrale incrocia passato e presente, classico e contemporaneo, elementi popolari del sud Italia con elementi del mondo mediterraneo, propone una ricerca teatrale ed espressiva sul Tarantismo salentino e la magia misteriosa della trance. La compagnia negli anni ha realizzato le proprie performance in luoghi non convenzionali, antichi e a volte abbandonati, come vecchie masserie, ajare, chiostri, anfiteatri, teatri greci e romani, siti archeologici, attivando un’interazione tra luogo, performance e pubblico.

Programma

domenica 27 dicembre – 20.30

Officine Cantelmo

CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

Una festa per celebrare i 40 anni dello storico gruppo salentino. Dopo la presentazione del documentario “La festa, la farina e la forca” di Sergio Spina – con la partecipazione di Giovanni Pellegrino (operatore culturale), Antonio Chiga (sindaco di Zollino), Mauro Durante (musicista) e Vincenzo Santoro – e, in anteprima, del nuovo videoclip del brano “Taranta” firmato dal regista Gabriele Surdo, spazio al concerto del gruppo guidato da Mauro Durante.

da lunedì 28 a mercoledì 30 dicembre – ore 17/19

Castello Carlo V

IL TAMBURO A CORNICE SALENTINO

Laboratorio a cura di Giovanni Amati sulle tecniche esecutive del più importante strumento tradizionale della musica popolare salentina

mercoledì 30 dicembre – ore 18/20

Castello Carlo V

PIZZICA PIZZICA E DANZE POPOLARI DEL SUD ITALIA

Ultima lezione del laboratorio di Laura De Ronzo rivolto a tutti coloro che vogliono avvicinarsi all’affascinante e variegato mondo delle danze popolari del sud Italia pur non avendo precedenti studi musicali o di danza.

da venerdì 1 a martedì 5 gennaio 

Ex Conservatorio Sant’Anna

DANZARE LA TERRA

Residenza artistica e didattica

Cinque giorni di danza, musica, incontri, laboratori con la direzione artistica di Maristella Martella e Tarantarte

venerdì 1 Gennaio

15/18 – Accoglienza e iscrizioni

16/18 – Laboratorio di Pizzica pizzica e danze popolari del sud Italia

18.30/20.30 – Le forme della tradizione musicale del Salento a cura di Vincenzo Santoro

Un itinerario di ascolti commentati di materiali musicali “originali” tratti dalle ricerche storiche condotte negli anni 50-60 del secolo scorso (Lomax Carpitella, De Martino Carpitella, Montinaro ecc), che delineano un mondo musicale molto diverso da quello che oggi è prevalentemente conosciuto.

sabato 2 Gennaio

10/13 – Laboratorio di pizzica pizzica e danze popolari del sud Italia

14.30/17.30 – Taranta Atelier – laboratorio coreografico

18.30/20.30 – Le fonti storiche del tarantismo a cura di Vincenzo Santoro

Un focus con la presentazione della riedizione del “De Tarantula” di Giorgio Baglivi a cura di Manuel De Carli, e un seminario su “Giovanni Battista della Porta e la tarantola” a cura di Donato Verardi.

domenica 3 Gennaio

10/13 – Laboratorio di Pizzica pizzica e danze popolari del sud Italia

14.30/17.30 – Taranta Atelier – laboratorio coreografico

18.30/20.30 – Il Tarantismo dal rito al palco a cura di Vincenzo Santoro.

Presentazione e proiezione di alcuni video storici sul tarantismo: da “Meloterapia del tarantismo” di Diego Carpitella alla parte pugliese dello spettacolo “Sentite Buona Gente”, forse il primo caso di “spettacolarizzazione” del tarantismo e di passaggio “dal rito al palco”, che si svolse a Milano nel 1967 e vide protagonista l’orchestrina terapeutica di Luigi Stifani e Salvatora Marzo.

dalle 20.30 – La strina

Rappresentazione itinerante per le strade della città del rituale del canto natalizio più diffuso della tradizione popolare salentina.

lunedì 4 Gennaio 

10/13 – Taranta Atelier – laboratorio coreografico

11/13 – Tour nel centro storico a cura di Velo Service

14.30/17.30 – Taranta Atelier – laboratorio coreografico

18.30/20.30 – Il ballo di tradizione orale nella Puglia centro-meridionale a cura di Massimiliano Morabito

martedì 5 Gennaio

10/13 – 14.30/17.30 – Taranta Atelier – laboratorio coreografico

dalle 20 (Fondazione Palmieri) –  Sradicamento – Festa finale

Incontro con Enza Pagliara & il Coro della Regina Paza, performance con gli allievi della Residenza e la Compagnia Tarantarte (Maristella Martella, Silvia De Ronzo, Laura De Ronzo, Manuela Rorro, Antonella Boccadamo), musica dal vivo con Salenduo (Massimiliano De Marco, voce e chitarra e Luca Buccarella, voce e organetto)

Ingresso incontri e concerti gratuito

Per i laboratori è richiesta la prenotazione

Dama - Danze e musiche del Salento

info@damasalento.it

tel. 3492561471 - 3295896245

www.damasalento.it - www.tarantarte.it.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner