Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 13:55

Musica e Pittura a Palazzo Vernazza

Musica e Pittura a Palazzo Vernazza

Lecce - Questa sera, dalle 18.30 alle 20, a Palazzo Vernazza Castromediano di Lecce, è in programma un concerto di Rachele Andrioli e Rocco Nigro per “Lecce Galleria d’arte”, il progetto che per un mese accoglierà mostre, allestimenti, installazioni e altre performance artistiche in sei contenitori culturali pubblici e in alcuni spazi privati della città. L'iniziativa - realizzata dal Comune di Lecce (Assessorato al Turismo, Spettacoli e Marketing territoriale) in occasione di Lecce 2015, Capitale italiana della Cultura - prevede anche degustazioni di Girofle delle Aziende Garofano Vigneti e Cantine nell’ambito della mostra di Marcello Malandugno e Romano Sambati inaugurata nei giorni scorsi a Palazzo Vernazza. Un confronto, oltre che un dialogo, tra due protagonisti della pittura salentina della seconda metà del XX secolo. Da una parte l’attenzione al paesaggio e alla figura femminile di Marcello Malandugno, dall’altra l’introspezione di Romano Sambati tra emergenze sociali e riflessioni filosofiche. Nella ricerca di impreviste ed inimmaginabili sintonie.

Protagonisti della performance musicale – curata dal critico musicale Eraldo Martucci – saranno Rachele Andrioli, voce, Rocco Nigro, fisarmonica, il cui secondo progetto discografico, “Maldimé”, è uscito da pochi mesi per Fonosfere, collana editoriale dell’etichetta salentina Dodicilune e distribuito da IRD. Due giovani autori e interpreti che lavorano a una proposta con tratti innovativi, tra un ben radicato tratto salentino e una dimensione decisamente nuova, tra “world music” e nuove “sensibilità musicali” contemporanee. Il duo, formula mutuata dalla musica colta ma perfettamente attinente anche a quella popolare, muove da esperienza radicata in più di un triennio sul territorio, fino ad arrivare ad un forte successo di pubblico di carattere internazionale. Rachele Andrioli, voce dal timbro inconfondibile, spazia infatti in vari progetti: dal tradizionale al cantautorato, dalla musica delle radici salentine a quelle del mondo, dalla musica francese al jazz per arrivare alle canzoni anni ‘30/50. Rocco Nigro, fisarmonicista e compositore, partendo dalla tradizione del sud Italia ha esplorato i territori musicali del tango, della musica balcanica, klezmer e sefardita, arrivando, nella sua costante ricerca musicale, fino alla musica contemporanea. 

Mostre personali e progetti espositivi corali: la città di Lecce, dunque, dal 14 novembre si è trasformata in una galleria d’arte diffusa, tra spazi pubblici e realtà private che hanno deciso di aderire con loro progetti a questo grande evento che valorizza la creatività artistica del territorio. Tutte le mostre sono visitabili gratuitamente.

Di seguito vi ricordiamo tutte le iniziative in programma: 

- CASTELLO CARLO V / mostre visitabili tutti i giorni dalle 16 alle 19.30 – sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30

Sotterranei 

La materia e la forma

Fernando De Filippi/Rosamaria Francavilla/Marcello Gennari/Giovanni Gravante/Sandro Greco/Corrado Lorenzo/Armando Marrocco/Mario Pellegrino/Antonio Pezzuto/Salvatore Sava/Giovanni Scupola/Salvatore Spedicato/Cosimo Damiano Tondo/Giuseppe Zilli

a cura di Toti Carpentieri

Quattordici presenze ed altrettante installazioni site-specific nella suggestione dei sotterranei del Castello di Carlo V a Lecce, per una riflessione sui protagonisti viventi della scultura salentina della seconda metà del XX secolo, sulla loro capacità di muoversi all’interno della molteplice materialità e delle forme che da essa vengono generate. Rivendicando, per molti di loro, la capacità di aver individuato in anticipo soluzioni poi divenute riconosciute modalità espressive di respiro nazionale ed internazionale. Come ben testimoniano le opere in mostra.

Secondo piano

Fernando De Filippi. Gli anni Settanta

a cura di Lorenzo Madaro

Oltre trenta opere rivelano predilezioni e orientamenti della ricerca di Fernando De Filippi (Lecce, 1940; vive e lavora a Milano) in un decennio molto intenso per la sua indagine e per l’arte italiana, tra sguardi verso Cuba e osservazioni ravvicinate della mitologia sociale e politica di quegli anni.

- MUST – Museo storico della città di Lecce // visitabile dal martedì alla domenica dalle 12 alle 19.

Fotografie dalla collezione della Galleria civica di Modena, un allestimento di circa 90 opere dalla Raccolta della Fotografia della Galleria civica di Modena, a cura di Daniele De Luigi e Marco Pierini, dedicato all'immaginario cinematografico.  Dopo essere stata presentata con grande successo a Palazzo Santa Margherita a Modena, dal 7 febbraio al 7 giugno scorso, la mostra trova oggi una nuova occasione di visibilità. Per l'occasione, inoltre, sarà pubblicato un catalogo, bilingue, prodotto dal Must in collaborazione con la Galleria civica di Modena con testi Daniele De Luigi e Marco Peirini e la riproduzione di tutte le opere esposte.

Palazzo Vernazza Castromediano

ICONICA/ANICONICA // visitabile tutti i giorni dalle 16 alle 19.30 – sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30.

Marcello Malandugno/Romano Sambati

a cura di Toti Carpentieri 

Un confronto, oltre che un dialogo, tra due protagonisti della pittura salentina della seconda metà del XX secolo. Da una parte l’attenzione al paesaggio e alla figura femminile di Marcello Malandugno, dall’altra l’introspezione di Romano Sambati tra emergenze sociali e riflessioni filosofiche. Nella ricerca di impreviste ed inimmaginabili sintonie.

Her // visitabile tutti i giorni dalle 16 alle 19.30 – sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30

a cura di Lorenzo Madaro

Artiste: Loredana Cascione, Valentina D’Andrea, Luisa Elia, Annalisa Macagnino, Anna Maria Massari, Alessia Rollo. 

Esistono delle peculiarità del fare arte al femminile, lontano dagli stereotipi? Questa mostra corale intende riflettere attorno alla dimensione domestica – e quindi privata – del fare arte, tra artiste ormai consolidate nel panorama territoriale, e non solo, e giovani esordienti. In mostra dipinti, sculture, installazioni e fotografie, all’insegna di uno spirito multimediale e plurale. 

Chiesa di San Giovanni di Dio

Raffaele Quida. Senza titolo per SGD, a cura di Lorenzo Madaro // visitabile tutti i giorni dalle 16 alle 19.30 – sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30. Fino al 6 dicembre. 

L’artista si confronta con la dimensione del sacro attraverso il recupero di frammenti di vecchi lampadari, quasi un’archeologia del presente che trasforma la percezione del suggestivo spazio della chiesa.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
23 Novembre 2017 - Copertino

Copertino - La tredicesima edizione del “Campionato Interregionale di Danze Sportive e Artistiche” vedrà tra i protagonisti i numerosi...

16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner