Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 21:42

"Io ci provo" in scena al Teatro Paisiello

"Io ci provo" in scena al Teatro Paisiello

Lecce - Martedì 6 ottobre (ore 21 - ingresso 10 euro) al Teatro Paisiello di Lecce andrà in scena “Happy Birthday Barbablù”, lo spettacolo realizzato dalla compagnia “Io Ci Provo”, che prende il nome dall’omonimo laboratorio/percorso teatrale guidato dalla regista Paola Leone all’interno della sezione maschile della Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce. 

Non è la prima volta che la compagnia calca il palco dello storico teatro del capoluogo salentino. E non sarà l’ultima. Il debutto risale ad un anno fa, sempre il 6 ottobre, quando in concomitanza con la visita della giuria per la candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019, la compagnia “Io Ci Provo” è uscita dalle mura dell’istituto penitenziario. E proprio in quell’occasione l’amministrazione comunale si è impegnata ufficialmente a sostenere il progetto, aprendo le porte del Teatro Paisiello alla compagnia, ogni anno. Un atto di riconoscimento importante, per un progetto che sta rivoluzionando a poco poco attraverso il suo compiersi lo sguardo sul carcere e sui suoi abitanti. Quest’anno lo spettacolo è inserito all’interno della programmazione di Lecce2015 - Capitale Italiana della Cultura, a suggellare il legame con il Comune di Lecce che mira a farlo diventare un appuntamento stabile. Per presentare lo spettacolo sabato 3 ottobre alle 11 si terrà una conferenza stampa presso la Casa Circondariale di Borgo San Nicola a Lecce alla quale parteciperanno Paolo Perrone (Sindaco di Lecce), Luigi Coclite (assessore al Turismo, marketing territoriale, spettacolo ed eventi del Comune di Lecce), Rita Russo (direttrice della Casa Circondariale “Borgo San Nicola”), Riccardo Secci (comandante Polizia Penitenziaria Casa Circondariale “Borgo San Nicola”), Fabio Zacheo (Coordinatore Area Trattamentale), Silvia Maria Dominioni (Presidente Magistratura di Sorveglianza).

Il laboratorio "Io ci provo" prende il via nel 2011, con l’intento di sperimentare un teatro politico che si racconta e ci racconta la società attuale, promuovendo il teatro come forma artistica e culturale capace di realizzare la sua vocazione storica di luogo di costruzione e formazione di una cittadinanza attiva, capace di includere, promuovere e valorizzare le differenze. Un esperimento riuscito, un esempio di buona pratica che lascia una traccia da seguire per costruire il cambiamento che permette di vedere la possibilità dell’impossibile. Un lavoro dal basso, quotidiano, che quest’anno ha rafforzato ancor più il ponte dentro-fuori, attraverso diversi percorsi di sensibilizzazione, in primis quello attivato nelle scuole superiori di Lecce. Circa 100 studentesse e studenti hanno partecipato ai laboratori di “Io Ci Provo”, entrando in contatto con un’altra faccia del carcere, quella possibile, quella che mira a superare barriere e pregiudizi verso una piena inclusione sociale. Il primo studio di “Happy Birthday Barbablù” è andato in scena lo scorso giugno all’interno del carcere, con 5 date (una serale) con oltre 500 persone che sono entrate in carcere per assistere alle repliche. Saranno undici gli attori/detenuti che, grazie all’articolo 21 della Legge n° 354 del 1975 (Ordinamento Penitenziario), avranno la possibilità di uscire dal carcere per svolgere un’attività lavorativa retribuita regolarmente, un contratto da attore reale, a dimostrazione che il lavoro culturale deve essere riconosciuto e retribuito al pari di altri lavori, dimostrando così che nella cultura si può ancora investire. Un breve estratto dello spettacolo sarà inoltre presentato sabato 7 novembre sul palco del Teatro Politeama Greco di Lecce durante la quarta edizione di TedxLecce.

Nello spettacolo un uomo, giovane, bello, spregiudicato e cattivo, viene raccontato dagli occhi e dai ricordi dei suoi “amici”, dei suoi genitori, delle sue mogli, nel giorno del suo compleanno. Barbablù, il più temibile delle fiabe, si confessa e ci racconta cosa significa volere bene al Dio sbagliato, come ci si sente quando si capisce che quel Dio sbagliato è ormai la propria voce, il tuo stesso sangue, la tua stessa vita. C’è possibilità di salvarsi? Chi mi può salvare? E chi mi può veramente condannare? Proviamo a raccontare quello che vediamo e che fa parte della nostra esistenza senza giudizio, soltanto prendendo atto che pure questo può accadere quando si viene catapultati nella vita. Non cerchiamo la risposta ma ascoltiamo le domande. 

Lo spettacolo andrà in scena alle ore 21.00. I biglietti sono disponibili presso l’info point del Castello Carlo V di Lecce (giovedì 1 ottobre dalle 18.30 alle 20.30 e sabato 3 ottobre dalle 16 alle 21). L’ingresso è di 10 euro: una quota di sostegno che non rappresenta solo il costo dello spettacolo, ma il supporto al lavoro annuale dell’associazione “Io Ci Provo”, ad un progetto culturale che rappresenta un atto politico necessario, in termini di legalità, inclusione sociale, valorizzazione umana e culturale. 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner