Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 23:25

El Ganzo, miglior film del Salento International Film Festival

El Ganzo, miglior film del Salento International Film Festival

Tricase - Grande successo di pubblico per il SIFF - Salento International Film Festival presso Tricase, Palazzo Gallone, che si è concluso Domenica 13 con la premiazione dei vincitori della Kermesse. Il SIFF, ancora una volta si è confermato un appuntamento imperdibile per chi ama il vero cinema libero. L'intento degli organizzatori è riuscito: far scoprire al pubblico un universo parallelo al cinema di cassetta rappresentato dalla produzione di film indipendenti. Durante il Festival si sono alternati film italiani e provenienti da tutto il mondo, pellicole rare e prime visioni, capaci di raccontare storie appassionate, divertenti, con uno sguardo all'attualità e all'impegno sociale.

Il vincitore per la categoria Lungometraggi è andato a 'El Ganzo', del regista Steve Balderson: un legame breve e intenso tra due viaggiatori solitari: un artista che lotta per una svolta creativa e una misteriosa donna con un passato nascosto e sconosciuto. Nella motivazione si legge: "Per la straordinaria capacità, poeticamente espressa, di prospettare come chiavi, sia per la sopravvivenza che per la vita, il recupero della propria interiorità, l’accettazione della propria individualità, a prescindere dai ruoli sociali. Per il messaggio di speranza, ognuno può reinventare ex novo la propria esistenza confidando nell’ALTRO  sconosciuto  E DIVERSO".

'K2 e i camminatori invisibili', è il vincitore nella categoria Documentari, l'opera Il di Iara Lee, racconta di una tragedia avvenuta su un altro importante tetto del mondo, il K2 e lo fa con una riflessione libera, lontano da stereotipi di genere, nella motivazione si legge: "Per la cifra artistica con cui una documentazione puntuale e sfaccettata ha aperto uno squarcio su una realtà emblematica della colpevole amnesia sottesa ad ogni grande impresa, dei meriti  e del sacrificio di quanti silenziosamente l’hanno resa possibile, al costo del sacrificio, spesso, della vita stessa. Per il monito a non dimenticare  quanto culturalmente , oltre che  naturalisticamente, di puro e generoso esista in quei  Paesi che le guerre hanno reso, nel nostro immaginario, luoghi di incertezza e pericolo."

Per la sezione Cortometraggi italiani, vince KELIME di Federico Mudoni. L'opera dai contenuti di grande attualità, fa i conti con una paura recondita: una cellula terroristica in Italia che aspetta un ordine dall'altro, ma gli anni vissuti in questo Paese non possono non aver lasciato un segno a chi è chiamato a compiere un gesto estremo: "Per la scelta di un linguaggio non verbale, dunque assolutamente internazionale e trasversale, per affrontare un tema di stretta attualità – il terrorismo-  , travalicandolo , per andare all’origine del problema : la lotta eterna tra il popolo dell’AMORE e quello del POTERE, lo scontro tra PAURA e DESIDERIO".

'Tra il Bianco e il Nero' di Socrates Alafouzos, vince la categoria Cortometraggi stranieri: "Per la visionarietà artistica con cui il regista/sceneggiatore ha saputo rendere il buio che scende nell’anima di chiunque venga, vittima inconsapevole e innocente, sprofondato proprio da chi dovrebbe proteggerlo e accettarlo ovvero amarlo. Per  la sintesi con cui i cromatismi e le atmosfere oniriche, colgono strazi e ferite dell’anima inconfessabili".

'The Loyalist' di Minji Kang, è il vincitore  della retrospettiva 'Alle Donne piace Corto': "Per la narrazione filmica potente ma calibrata oltre che raffinata. Il premio per la Migliore Attrice è andato a Hildigunn Eyofinnsdotter per la sua interpretazione in 'Ludo' di Mauro John Capece, mentre Anslem Richardson vince il Premio per Miglior Attore, nel film El Ganzo. 'Fiore Ribelle' del regista indiano Krishan Hooda, il biopic su Osho Rajneesh, ha ottenuto una Menzione Speciale: "Per il contributo alla conoscenza della biografia personale di un uomo che ha rappresentato un riferimento filosofico ben oltre i confini del suo paese e che ci riporta alle antiche radici gnostiche di certa filosofia / spiritualità antica dell’occidente miscelato all’oriente".

Infine, 'La Scultura' di India Czajkowska si aggiudica il Premio Miglior Colonna Sonora: "Per la ricerca di sonorità innovative che commentano le molteplici traiettorie concettuali (l’antitesi tra danaro e lusso e abbondanza di tempo libero e rinuncia, arte e meditazione come strumenti di appagamenti dell’io). Durante la cerimonia di premiazione l’attore Marco Leonardi, che tra gli altri film, interpretò il protagonista di Nuovo Cinema Paradiso, ha ricevuto il “Salento Cinema Actor Award 2015”. Un premio che riconosce  eccellenza artistica e professionale. Al termine del Festival, come ogni anno, inizieranno le edizioni internazionali, dove saranno selezionate le opere migliori dell'edizione 2015. Le città interessate sono: Londra, Zurigo, Mosca, San Pietroburgo, Hong Kong, Shanghai, Pechino, Santiago del Cile, New York, Dubai e Yerevan in Armenia.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
23 Novembre 2017 - Copertino

Copertino - La tredicesima edizione del “Campionato Interregionale di Danze Sportive e Artistiche” vedrà tra i protagonisti i numerosi...

16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner