Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 18 ottobre 2017 - Ore 22:04

Puglia Green Hour, ultimi appuntamenti: Salento ancora protagonista

Puglia Green Hour, ultimi appuntamenti: Salento ancora protagonista

Salento - Si chiudono gli appuntamenti con “Puglia Green Hour 2015”,  una messa in rete artistica che collega in un ideale itinerario green tutta la Puglia, dall’apertura delle attività avvenuta il 21 giugno scorso lo spettacolo dal vivo sarà protagonista nelle più suggestive location pugliesi (12 tra Parchi nazionali, Riserve naturali e Aree marine protette) per 4 settimane fino al 26 luglio. Attività, spettacoli e laboratori in scena dallo scorso solstizio d’estate in una grande rassegna attuata dal Teatro Pubblico Pugliese in continuità con le azioni realizzate con il PO FESR Puglia 2007/13 affidate dalla Regione Puglia, nell’ambito del Fondo di sviluppo e coesione FSC 2007-2013 – APQ rafforzato “Beni ed attività culturali”.

Ultimo fine settimana per Puglia Green Hour, dunque, il tacco dello stivale festeggia con numerosi appuntamenti. Dopo l’appuntamento di ieri nella Masseria Monte Sant’Elia con il “Sogno shakespeariano” di Onirica si riprende per concludere con spettacoli che vanno dal Gargano al Salento. Si riparte domani, sabato 25 luglio, previsti quattro appuntamenti in diverse location: alle ore 20:00 nella Masseria Monte Sant’Elia la Compagnia Berardi-Casolari presenta al pubblico “Io provo a volare - omaggio a Domenico Modugno” diretto da  Gabriella Casolari di Gianfranco Berardi con Gianfranco Berardi, Davide Berardi, Bruno Galeone. Una drammaturgia originale che, a partire da cenni biografici di Domenico Modugno e dalle suggestioni delle sue canzoni, racconta la vita di uno dei tanti giovani cresciuti in provincia, pronti, sull'onda del mito, ad affrontare ogni peripezia per realizzare il sogno di diventare artisti. Così fra racconto, musica e danza, si rivivono episodi della sua vita.

Alle ore 20:30 nella Masseria Torrenova, Parco Naturale Regionale di Porto Selvaggio e Paludi del Capitano (infoline: 349.3788738 - 347.9527701 - www.avanguardie.net - info@avanguardie.net)  andrà in scena, de Les Productions du Vendredi / Donpasta, “United Food of Salento”, spettacolo di musica dal vivo, immagini e cucina dal vivo di e con Don Pasta. ‘United Food of’ è un progetto che unisce una ricerca sui saperi antichi del cibo e l’uso delle nuove tecnologie media. Lo spettacolo riguarda il particolare rapporto di don Pasta con la cucina salentina.

Nella Masseria Marina, San Pietro in Bevagna all’interno delle Riserve Naturali del Litorale Tarantino Orientale ( infoline: 393.0198960 – www.litoraletarantino.it) si prosegue con gli appuntamenti, alle ore 21:00, Cà luogo d’arte presenta “L’inevitabile sfida di Don Chisciotte e Sancho Panza” di Marina Allegri con Alberto Branca, Massimiliano Grazioli con la regia di Maurizio Bercini. E’ un invito a ‘rimettersi in cammino’ per aiutare  l’impossibile affinché il possibile si apra la strada. E’ un momento di riflessione per ri-considerare il proprio stile di vita, il proprio pensiero sul mondo, il proprio sguardo sulle modalità d’esistere ispirandosi ad un classico il ‘Don Chisciotte’ di Cervantes. E’ ancora possibile un ‘eroismo di strada’? Si può ancora narrare per strada di draghi, maghi e donzelle? Con questo spirito si invita il pubblico ad incontrare ‘il cavaliere dalla triste figura’ che arriva col suo fido Sancho Panza a bordo di un ape- car teatro a cercare qualcuno che ascolti le sue gesta. 

All’estremità opposta della regione, stessa ora, 21:00, alle Tremiti, Isola San Nicola nel Parco Nazionale del Gargano e Area Marina Protetta Isole Tremiti (infoline: 366.4154844 - www.parcogargano.gov.it - info@parcogargano.it) andrà in scena “Tonino a testa in giù” con Stefano Nunzi – contrabbasso, di e con MICHELE DE VIRGILIO. Tonino a testa in giù nasce come spettacolo teatrale ispirato a un evento di cronaca che sconvolse l’ Italia alcuni anni fa: il crollo di via Giotto, nel quale persero la vita sessantasette persone. Ho scritto questo monologo per raccontare la tragica realtà di quest’ultimo decennio in Italia, per ricordare le vittime dell’ Esquilino di Roma, di Barletta, della Casa dello Studente all’Aquila. 

Tonino è un sopravvissuto e guarda il mondo a testa in giù… “quando guardo il mondo al contrario la gente non è più attaccata alla terra, si muove nel cielo… pare che volano”… Con il potere della sua fantasia, Tonino riesce a dar vita ad una carrellata di personaggi. Così, diventa il telecronista di una partita di calcio senza giocatori, il testimone di un amore impossibile fra una tastiera ed un ascensore, il custode di sogni giovanili, l’amministratore di riunioni condominiali vivaci e colorite, il controllore di regole infrante che portano sempre ad una contropartita dal sapore amaro. Giorno di chiusura, domenica 26 luglio, ore 20:00, si parte da Vivaio nella Riserva Naturale Regionale Bosco delle Pianelle (www.riservaboscopianelle.it infoline: 080.4400950 - 320.7137976 - info@riservaboscopianelle.it) il Teatroscalo presenta “La gatta cenerentola” di Giambattista Basile con Marianna De Pinto per la regia di Michele Bia

"La Gatta Cenerentola" così è intitolata la sesta favola (giornata prima) del Pentamerone di Giambattista Basile. Si tratta della favola di Cenerentola nella sua prima versione napoletana scritta, alla quale attinsero poi Perrault e gli altri favolisti successivi di Basile. Cenerentola è la "serva" che diventa regina non tanto come aspirazione singola a sposare il re. Essa è il popolo stesso che in lei si identifica come rappresentante legittimo del potere. Nella favola di Cenerentola insomma, è la stessa storia di tutta la gente, le sue frustrazioni, le sue aspirazioni, il suo desiderio di trasformazione, la sua religione naturale repressa dal potere ufficiale, gli aspetti di un matriarcato che ha subito la violenza del patriarcato e la conseguente negatività dello stesso matriarcato dopo tale scontro. 

Stesso giorno stessa ora al Centro Canali, Viganacastrisi nel Parco Naturale Regionale Costa Otranto, S.M. di Leuca, bosco di Tricase (www.parcootrantoleuca.it infoline 26 luglio: 331.9557335)Gruppo Mòtumus porta in scena “Arlecchino”, diretto da Maurizio Ciccolella con Giulio Barca, Antonio Giannuzzi, Rita Greco, Francesca Zurlo, Stefano Adriano Marzano, Mino Leone, Antonella Todisco, Adriano D'Agnello, Andrea Agagiù, Sara Ercolani  Arlecchino è uno dei più divertenti e conosciuti esempi di servo umile che vince rispetto alla "conoscenza" e al potere di chi conta. Il tragicomico sta proprio in questa sua vittoria, che avviene spesso suo malgrado. Arlecchino è maschera in ogni senso. La sua figura è così potente che pur essendo l'ultimo degli ultimi non può fare a meno di essere il vero protagonista, anche se la storia dello spettacolo s'incentra su altre vicende in cui s'intrecciano amori, omicidi, matrimoni d'interesse e passione. In Arlecchino è forte anche il tema del doppio e del travestimento, che sono funzione e suggello dei continui equivoci reificati sulla scena.

In chiusura alle 21:30 in Piazza del Porto, Torre San Giovanni nel Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento (infoline: 349.9112272 - www.parconaturalediugento.it)andrà in scena “Morsi d'amore”, una produzione AlephTheatre, di e con Giusy Frallonardo accompagnata in scena da Raffaele Cassano, Veronica Calati, Luigia Bressan con le coreografie di Veronica Calati e la regia di Enrico Romita.  Favola in versi per un mondo di cartapesta. In una campagna pugliese dell'800 nonostante il duro lavoro i due contadini Elvira e Raffaele cedono all'amore nonostante la difficoltà di dichiararsi. Elvira è la più bella della masseria e attira le attenzioni del figlio del padrone, che accortosi della passione che la lega a Raffaele, con l'aiuto del padr da spedire il giovane a combattere al fianco dei piemontesi. Una storia d'amore, raccontata intorno al fuoco dell'ambiente rurale pugliese, si snoda con i ritmi della taranta, attraverso il racconto della fiaba tradizionale. I personaggi prendono vita attraverso gli elementi di scena in cartapesta, sulle note della musica dal vivo, con i musicisti in formazione di banda bassa. Per la prima volta insieme Parchi nazionali, naturali e Riserve regionali e naturali, Aree protette, 35 compagnie teatrali e musicali in 12 luoghi tra giugno e luglio in un percorso verde in cui artisti e natura si passeranno il testimone fatto parole, poetiche e suoni. Fondamentale la risposta dal punto di vista dell’ideazione e organizzazione di Parchi  e Riserve che integreranno Green Hour con calendari di proposte di spettacolo, arte e turismo collaterali. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. Tutte le info su www.teatropubblicopugliese/pugliagreenhour.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...

08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner