Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 23 giugno 2018 - Ore 06:17

La costituzione italina in dialetto salentino

La costituzione italina in dialetto salentino

Squinzano - “L’Italia ete na Repubblica demucratica fundata subbra la fatìa”, leggendo “La Costituzione Italiana in dialetto salentino” di Vincenzo Serratì, si ha l’impressione di sentirsi raccontare dai nonni, in riva al mare, in una serata di Luglio, gli  articoli, uno dopo l’altro,

Il dialetto salentino diventa il veicolo divulgativo della nostra Carta Costituzionale. Questo almeno è l’obiettivo a cui l’autore anela nel suo volume pubblicato da Congedo Editore ed inserito nella collana “Biblioteca di Cultura Pugliese”. 

Il libro è diviso in sezioni che aiutano il lettore ad avviarsi ad una lettura consapevole. Pascal Pezzuto, nella sua brillante prefazione, comprende la rivoluzione copernicana del libro stesso, ad essa fa seguito il contributo linguistico sulle origini del dialetto salentino della docente di lettere Maria Diletta Martucci. La fonologia è tratta da “L’idioma della mia gente” di Italo Passante, un contributo postumo ad un cittadino squinzanese eccellente. Il libro si sofferma, in seguito, sui segni convenzionali indicativi della fonetica desunti dal “Vocabolario dei dialetti salentini” di Gerhard Rohlfs. L’autore riserva un’ulteriore sezione alla morfologia, alla quale fa seguito il contributo tecnico-scientifico dell’Avv. Raffaele Marzo dal titolo “La Costituzione Italiana: origini, storia e rinnovate sollecitazioni”. Le note linguistiche a piè di pagina offrono al lettore una puntuale corrispondenza tra il dialetto squinzanese, utilizzato, dall’Autore per “tradurre” la Costituzione Italiana, e i dialetti salentini in un ventaglio che parte da Leuca ed arriva a Taranto. Tutti questi contributi, indubbiamente, regalano un indiscusso prestigio alla pubblicazione, contribuendo a rendere più agevole la lettura del testo.

Sfogliando le pagine del libro si constaterà che il dialetto renderà familiare ed intima la lettura, i termini  recupereranno antichi echi sopiti e riaffiorerà il senso di Patria ormai dimenticato. L’Autore annulla il distacco e la freddezza della legge,  rende tutto più malleabile così com’è  la lingua dialettale. 

L’opera, originale ed unica nel suo genere in Italia, sarà presentata domenica 19 luglio alle ore 20,30 nell’Oratorio Giovanile “San Nicola” ex Nassa a Casalabate, all’interno della rassegna “Quattro Chiacchiere in Punta di Penna… Estate”. L’evento è organizzato dalla Pro Loco di Squinzano in collaborazione con la Pro Loco di Casalabate – Marina di Trepuzzi, l’Oratorio Giovanile “San Nicola”, la Città di Squinzano e l’Assessorato al Turismo. Il programma della serata prevede, dopo i saluti dell’Assessore al Turismo dott. Claudio Taurino, del Presidente della Pro Loco di Squinzano Mino Pierri, del Presidente della Pro Loco di Casalabate – Marina di Trepuzzi Ilio Spalluto, gli interventi del prof. Carlo Ciardo, docente di Diritto Pubblico all’Università del Salento e dell’autore del libro Vincenzo Serratì, moderatore della serata sarà il dott. Raffaele Marzo.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
20 Aprile 2018 - Lecce

Lecce - Ultima giornata dell’evento “Oltre la paura, arte e cultura della prevenzione” firmata Andos onlus Lecce, oggi 20 aprile alle ...

19 Febbraio 2018 - Lecce

Lecce - Presentata questa mattina a Lecce la conferenza stampa di BTM, una delle principali manifestazioni del Sud Italia che raccoglie intorno a se...

20 Gennaio 2018 - Lecce

Lecce - Il 22 febbraio si accenderanno i riflettori su uno dei gioielli storici culturali leccesi d’eccellenza, l’ex convento degli Agostiniani,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner