Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 21 ottobre 2017 - Ore 04:57

Full immersion nel mondo della Tissue Engineering

Full immersion nel mondo della Tissue Engineering

Lecce - Sull’Ingegneria Tissutale e la Medicina Rigenerativa si punta molta a Lecce. Dopo il successo della Summer School del Dhitech, che si è svolta nel luglio scorso presso il Castello Carlo V, si torna a parlare di questi temi di grande attualità. Venerdì 15 maggio a partire dalle ore 9,00 presso la Sala Conferenze del Rettorato dell’Università del Salento, in Piazzetta Tancredi a Lecce, sarà dedicata un’intera giornata agli approcci più innovativi nel campo della rigenerazione dei tessuti, sia del sistema nervoso periferico che centrale, ma anche del tessuto osteocondrale e delle patologie correlate. Si studia, infatti, sia in vitro che in vivo, come promuovere la rigenerazione dei tessuti danneggiati, anche di quelli che spontaneamente non ne sarebbero capaci. Il tutto avviene attraverso l’approfondimento delle interazioni cellulari e l’utilizzo di dispositivi biomedici chiamati scaffold, che vengono progettati per promuovere la rigenerazione, evitando che il danno comprometta irreparabilmente il tessuto. 

Il Dhitech, Distretto Tecnologico High Tech, contando sulla consolidata professionalità maturata negli ultimi dieci anni dal professor Alessandro Sannino dell’Università del Salento e dal suo Staff, e forte della collaborazione preziosa con l’Ospedale San Raffaele di Milano, nell’ambito del progetto RINOVATIS ha formato alcuni giovani imprenditori/innovatori proprio in questo settore multidisciplinare, che vede operare sinergicamente insieme competenze diverse, dall’Ingegneria alla Medicina, dalla Biologia alla Biotecnolgia. Riflettori puntati, dunque, sul Sistema Nervoso Periferico: si parlerà di dispositivi per la rigenerazione del tessuto danneggiato e nuovi paradigmi terapeutici; sul Tessuto Osteocondrale: rigenerazione tissutale e terapia avanzata di traumi e patologie correlate; sul Sistema Nervoso Centrale: dispositivi per il recupero anatomofisiologico della colonna vertebrale e per la diagnosi precoce di malattie degenerative. Ampio spazio sarà dato anche al Translational Medicine Living Lab, visto che dal laboratorio l’innovazione può accelerare a beneficio del paziente.

“La ricerca nel settore dell’Ingegneria dei Tessuti e delle discipline ad essa correlate, si rivela oggi più che mai di grande attualità. Su questo tema il Distretto e i suoi Soci stanno lavorando da tempo, con la ferma convinzione che il lavoro sinergico tra i nostri esperti, l’Università del Salento e l’Ospedale San Raffaele sia prezioso ed in grado di dare ottimi frutti. Abbiamo investito molto sia sulla ricerca, che sulla formazione e siamo orgogliosi di questi giovani borsisti che hanno appena terminato il loro cammino qui al Distretto Tecnologico.”, sottolinea il Presidente del Dhitech Lorenzo Vasanelli. 

“Più che positivo il bilancio del percorso biennale appena portato a termine dagli imprenditori/innovatori selezionati dal Dhitech.”, spiega il responsabile del progetto RINOVATIS, il professor Alessandro Sannino, docente di Biomateriali presso la Facoltà di Ingegneria dell’Ateneo salentino., che sottolinea:“Con la ferma convinzione che questo settore avesse grandi potenzialità, in ormai oltre 10 anni abbiamo rafforzato le preziose collaborazioni con l’Ospedale San Raffaele di Milano, il MIT di Boston ed altri Gruppi internazionali di primo piano nel settore della medicina rigenerativa, e siamo orgogliosi oggi di vederne gli incoraggianti risultati. L’Ospedale San Raffaele, in particolare, ha adesso una presenza stabile sul territorio, che sta addirittura potenziando, incrementando le attività di ricerca e fornendo, inoltre, un enorme contributo alla formazione. I giovani del Dhitech si apprestano a mettere in atto quanto appreso in due intensi anni di lezioni e laboratori, che li hanno visti crescere con una visione a 360° della ricerca e dell’impresa.”. 

RINOVATIS: Il progetto RINOVATIS, incentrato sulla Ingegneria Tissutale, si interessa dello sviluppo di specifici dispositivi che favoriscano e supportino la crescita di diversi tessuti (nervoso, cartilagineo, osseo, ecc.). Esiste un’importante collaborazione tra il Distretto Tecnologico, l’Università del Salento e l’Ospedale San Raffaele di Milano e l’obiettivo è ambizioso: attivare a Lecce un centro d’eccellenza sulla Medicina Traslazionale. Lo scopo è non solo di coordinare una ricerca scientifica di alto livello sull’applicazione in campo biomedico delle tecnologie dei materiali innovativi, ma soprattutto di creare una community di imprese, cliniche ed enti di ricerca presenti nel Sud Italia capaci di sviluppare prodotti innovativi e di grandissima utilità, arrivando fino alla sperimentazione anche clinica. 

Rinovatis opera con l’approccio del Living Lab per creare in Puglia una struttura d’eccellenza nel settore della Tissue Engineering.

IL DHITECH: Il Distretto Tecnologico Pugliese High Tech opera nell'ambito delle attività di ricerca e di formazione sviluppate in progetti a valenza nazionale e comunitaria.

Lo scopo del Distretto è facilitare ed orchestrare lo sviluppo di un Ecosistema di Imprenditorialità Innovativa High-Tech incardinato su tre sistemi socio-tecnici:

Ingegneria Tissutale per la medicina rigenerativa

Nanotecnologie Molecolari per l’ambiente e la salute

 ICT per l’Innovazione nel Disegno di prodotti e servizi ad alto contenuto di conoscenza e sostenibili.

L’ecosistema ha come riferimento il modello Europeo delle “Knowledge and Innovation Communities” il cui approccio allo sviluppo è basato sulla valorizzazione e diffusione della conoscenza. Obiettivo strategico primario del Distretto è stata la creazione degli “Innovatori/Imprenditori”, giovani che, con solide basi scientifico/tecniche, siano in grado ora di promuovere ed attuare percorsi di valorizzazione della conoscenza per innovare il sistema produttivo anche attraverso la nascita di nuova impresa High–Tech. Centrale nella metodologia di azione del Distretto è quella dei Living Labs ambienti in cui ricercatori, imprenditori, esponenti della Pubblica Amministrazione e cittadini cooperino a definire gli obiettivi di ricerca, sperimentarne i ritrovati e diffonderne i risultati, secondo un approccio di open innovation.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...

08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner