Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 19:39

"Codacci-Pisanelli, un uomo del Salento nel Mondo" al Patria Palace

"Codacci-Pisanelli, un uomo del Salento nel Mondo" al Patria Palace

Lecce - Venerdì 27 marzo, alle ore 20, nei saloni del Patria Palace Hotel di Lecce, per iniziativa del Lions Club di Lecce "Giuseppe Codacci-Pisanelli", in occasione dell’anniversario della fondazione dell’Università del Salento, che ha appena compiuto i suoi primi 60 anni, si terrà un meeting presieduto dalla prof. Anna Colaci sul tema "Giuseppe Codacci – Pisanelli, un uomo del Salento nel Mondo". Interverranno sul tema il professor Wojtek Pankiewicz, che è stato assistente universitario ed amico di Giuseppe Codacci-Pisanelli, e la figlia Biancaneve Codacci–Pisanelli. Il Magnifico Rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara interverrà per i saluti. Alla conferenza parteciperà anche Giovanni Ostuni, governatore del distretto Lions 108AB. La mostra fotografica sarà a cura di Daria Vernaleone.

Wojtek Pankiewicz, primo vice presidente del Club, ha dichiarato: "Avrò la gioia e l'onore di raccontare l’illustre statista salentino, un grande uomo che tanto ha dato al Salento, uno dei Padri della Costituzione italiana. Egli nacque il 28 marzo 1913 e si spense il 2 febbraio 1988. Tre volte ministro, fu uno dei fondatori dell’Università di Lecce, della quale fu il primo rettore e restò in carica  per venti anni consecutivi. Insigne giurista, fu eletto a 33 anni, quale esterno per la Democrazia Cristiana, nella circoscrizione Lecce-Brindisi-Taranto, deputato all’Assemblea Costituente, nella quale fu designato quale membro della Commissione dei 75, incaricata di redigere il progetto di Costituzione".

Pankiewicz ha proseguito: "Ho avuto la fortuna di essere suo assistente universitario ed amico nell’Università di Lecce per diversi anni, ereditandone poi la cattedra di Diritto Pubblico. Il suo pensiero è quanto mai vivo ed attuale. Era molto viva in lui l’idea politico-territoriale di Regione Salento. Fu geniale nell’intuire che anziché agire, come fecero i politici dell’epoca,  di Taranto e Brindisi, chiedendo e ottenendo una grande industria  come l’Italsider e la Montecatini, che hanno devastato e inquinato il territorio, era preferibile investire in cultura , chiedendo e ottenendo così l’Università a Lecce. E con la cultura ne hanno tratto grande giovamento il nostro turismo e la nostra economia. E ne hanno tratto giovamento, soprattutto, le donne salentine, alla cui emancipazione Codacci-Pisanelli ha dato un grosso contributo, in quanto negli anni ’50, ’60 e ’70 la maggior parte delle famiglie delle province di Lecce, Brindisi e Taranto non mandava le ragazze a studiare fuori. Migliaia di  donne hanno potuto così studiare e laurearsi presso l’Università di Lecce".


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner