Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 16:39

Con FIAB Cicloamici fai bene ad un bene FAI

Con FIAB Cicloamici fai bene ad un bene FAI

Lecce - Sabato 21 e domenica 22 marzo 2015 tornano le Giornate FAI di Primavera, lo storico appuntamento del Fondo Ambiente Italiano giunto alla 23ª edizione, che apre al pubblico chiese, ville, borghi, palazzi, aree archeologiche, castelli, giardini, testimonianze di archeologia industriale, persino caserme, archivi musicali e scuole militari.  Per l’occasione i Cicloamici di FIAB Lecce accompagneranno i viaggiatori su due ruote ai luoghi d'arte aperti dal FAI sabato 21 nella città di Fasano (in provincia di Brindisi) e domenica 22 a Lecce, Surbo e Cerrate.

Programma Completo

La prima delle due giornate FAI vedrà i Cicloamici in trasferta in quel di Fasano, con la formula treno+bici, per visitare, con la guida degli Apprendisti Ciceroni degli Istituti “L. Da Vinci e G. Salvemini, il Museo della Casa alla Fasanese e Borgo San Marco. Il Museo della Casa alla Fasanese è un' antico nucleo abitativo risalente al XVI secolo inglobato nel tempo all'interno di Palazzo Pezzolla e salvatosi dalla demolizione di fine XVIII; all’ interno è possibile rivivere l'essenza di questa caratteristica abitazione unica nel suo genere, ammirando arredi, gli antichi oggetti ed utensili quotidiani di un tempo.

Dopo la classica sosta ristoratrice (per chi vuole anche in trattoria), pedaleremo per pochi km nelle campagne di Fasano per visitare Borgo San Marco, un borgo fortificato, situato in una piana di ulivi millenari, abitato da sempre: nel XII secolo come insediamento di monaci bizantini, nel '400 come presidio dei Cavalieri di Malta, dal '700 come masseria, oggi come struttura turistica.  Sono previsti anche concerti bandistici e degustazioni di prodotti locali. In attesa del treno del ritorno il percorso ci conduce, attraverso gli oliveti e le “lame” che caratterizzano il territorio fasanaese, al Tempietto di Seppannibale, edificio di culto risalente intorno all’anno 1000  e collegato alla masseria omonima.

POSTI BICI LIMITATI sul treno. Prenotazione obbligatoria ed impegnativa presso il capogita entro la sera giovedì 19 marzo. Il biglietto cumulativo per comitive verrà fatto venerdì sera dal capogita. Costo massimo 7+7 euro, meno se si raggiunge il numero minimo per la riduzione di comitive. Chi non si sarà prenotato potrebbe non trovare posto sul treno per la sua bici.

Ritrovo: ore 9.30 Stazione FS di Lecce , binario 1 

Partenza: ore 10.05;

Rientro: ore 20.00

Percorso: A/R. km 25 circa, mediamente impegnativo per i moderati dislivelli presenti su strade secondarie asfaltate.

Bici consigliate: qualsiasi tipo la cui efficienza e affidabilità deve essere controllata preventivamente.

Quota di iscrizione: 2 € obbligatoria per i non soci a fini assicurativi;

Dotazioni standard: luci efficienti e gilet ad alta visibilità obbligatorie per il ritorno, accessori antiforatura, camere d’aria di ricambio, pompa ed eventuale chiave di smontaggio dell’asse ruota; pranzo al sacco. 

Info & Cicloguida:  Massimo Di Giulio, 328.8828228, massimo_di_giulio@yahoo.it.

Nella seconda giornata (domenica 22) dopo aver visitato in città la Chiesa di Sant’Angelo in piazzetta Sant’Addolorata, e la Chiesa di San Niccolò dei Greci, in piazzetta Chiesa Greca, ci dirigeremo a Surbo per ammirare due esempi del barocco “minore” salentino: la Chiesa di San Giuseppe e Chiesa di San Vito. Poi, seguendo l'itinerario n 2 "La via dei Normanni" della guida APT "Le vie verdi del Salento", pedaleremo alla volta di Cerrate per ammirare la splendida Abbazia che il FAI ha ricevuto in concessione per 30 anni dalla Provincia di Lecce e dove sono in corso lavori di restauro e corsi archeologici.

L'Abbazia di Cerrate uno dei più significativi esempi di romanico in Puglia, è tanto antica che la sua storia affonda nella leggenda: si racconta, infatti, che il Monastero venne fondato dal re Tancredi d'Altavilla, conte di Lecce, a cui apparve l'immagine della Madonna, dopo aver inseguito una cerbiatta in una grotta, durante una battuta di caccia. Edifici di epoche diverse si distribuiscono intorno alla Chiesa: la Casa monastica, un edificio ottocentesco un tempo Casa del massaro e un fabbricato impiegato come stalla.

Ritrovo: ore 9.15 Piazza Sant’ Oronzo  

Partenza: ore 9.30;

Rientro: ore 18:00

Percorso: A/R. km 40 circa, facile su strade secondarie asfaltate.

Bici consigliate: di qualsiasi tipo la cui efficienza e affidabilità deve essere controllata preventivamente.

Quota di iscrizione: 2 € obbligatoria a fini assicurativi (per i non soci);

Dotazioni standard: accessori antiforatura, camere d’aria di ricambio, pompa ed eventuale chiave di smontaggio dell’asse ruota; pranzo al sacco..

Info & Capogita: Luigi Elia email: igiul_it@yahoo.it  tel 3895987526 e Dario Russo email: darioangelo.russo@libero.it  tel 3470636857.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner