Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 04:32

La storia dei Messapi con Kalòs e Party Rock Salento

La storia dei Messapi con Kalòs e Party Rock Salento

Caprarica di Lecce - Salento non è solo la terra  del barocco, di  spiagge, sole e mare, ma anche un enorme, eccezionale deposito di storia, non bisogna dimenticare infatti che è stato crocevia delle più grandi civiltà ed ha un grande patrimonio da scoprire. Particolare importanza nella storia della nostra terra è rivestita dai Messapi… Ma chi erano questi Messapi? Ne parlava perfino Erodoto, ma quanti conoscono la loro origine, il loro stile di vita? Questo popolo  abitò nel Salento 2600 anni fa e sviluppò una civiltà progredita e raffinata, che non si è ancora  in grado di decifrare. Bisognerebbe imparare a riconoscere e a sfruttare la ricchezza che la storia ci ha lasciato, riscoprire le nostre origini per valorizzare al meglio il nostro territorio. 

Tanti gli studiosi e le associazioni che, fortunatamente, cercano di riportare alla luce il nostro passato; tra tutti spiccano le attività svolte in tal senso da Kalòs, l’Archeodromo del Salento, il più grande museo a cielo d’Italia situato a Caprarica di Lecce. L’Archeodromo è stato presente, nella persona del Dott. Alessandro Quarta (ideatore e fondatore dello stesso), alla Conferenza d’Ateneo in occasione del sessantesimo anniversario dell’Università del Salento per dare  testimonianza dell’importante patto stretto con il territorio ed è stato riconosciuto e lodato come grande attrattore culturale.

Il Dott. Quarta ha compreso bene l’importanza della nostra storia e si muove per diffonderne la conoscenza non solo agli appassionati del settore. Dalla volontà di una maggiore divulgazione è nata la collaborazione tra Kalòs e Party Rock Salento, gruppo di giovani artisti locali che con la loro ironia mettono in luce tanti aspetti della nostra società. L’Archeodromo ed il gruppo, diretto dal talentuoso regista Giampaolo Morelli, coadiuvato per l’occasione dal videomaker e direttore della fotografia Marco Schifa, hanno lavorato insieme e nei prossimi giorni verrà diffusa attraverso i più importanti social una serie di video che daranno visibilità, in chiave ironica, ai Messapi.

 “Per un attimo si mette da parte il rigore della ricerca scientifica – spiega il dott. Quarta - La scelta dei social e dell’ironia è proprio dettata dalla voglia di voler avvicinare, anche e soprattutto, i giovani ad un tema importante e non semplice, facendo leva sulla loro capacità di immaginazione, di sogno e di ironia per riportare alla luce non solo la storia  ma anche gli antichi culti e leggende”.  E chi meglio di Party Rock Salento e Giampaolo Morelli possono ammaliare il mondo dei giovani e raccontargli il proprio passato? I loro video spopolano nel web, amati perché con la loro ironia apparentemente semplice fanno un’analisi della società, esaltando la bellezza e la realtà culturale, sociale e gergale del nostro Salento. Il successo dei loro cortometraggi è decretato da centinaia di migliaia di visualizzazione e  sarà proprio il gruppo di giovani comici a ridar vita ai Messapi. 

“Quando il dott. Quarta mi contattò – spiega Giampaolo Morelli - chiedendomi un’idea su come promuovere attraverso l’ironia e la comicità il suo meraviglioso archeodromo, non ho avuto dubbi, sull’intuizione sopraggiuntami immediatamente di portare indietro nel tempo a 2600 anni fa la nostra saga che sta spopolando su facebook, quella dei Leccesi: falsi e cortesi, dimostrando in chiave sarcastica come anche i nostri antenati, i Messapi, fossero affetti da un’innata “falsacortesia”, strutturando così de tre mini episodi di “Leccesi falsi e cortesi nella storia”. Tra l’altro mi ha fatto particolarmente piacere vedere come un giovane imprenditore fosse così vicino e attento alla potenza della rete e alla volontà di investire in una forma di comunicazione sicuramente alternativa e nuova rispetto ai canoni tradizionali di promozione per strutture particolarmente cariche di simbolismo storico culturale come il suo archeodromo.”

Sarà l’inizio di un progetto volto alla sensibilizzazione verso il nostro territorio. All’interno dell’Archeodromo, infatti, non sono solo i Messapi a ritrovar il giusto lustro; il parco è una vera macchina del tempo che permette di ripercorrere diverse epoche, dalla preistoria al medioevo; un percorso guidato nel tempo per capire come l’uomo sia arrivato ad essere quello che è. 

Per quanti vogliano effettuare un affascinante viaggio nella storia, Kalòs aprirà i battenti dal 7 Aprile 2015 con le sue nuove suggestive ricostruzioni che arricchiscono uno scenario che già era straordinario. In primavera, inoltre, sarà inaugurata la nuova sezione sulla civiltà contadina.  Particolare attenzione sarà rivolta alle scolaresche che potranno effettuare visite guidate, laboratori didattici e riproposizioni degli antichi giochi olimpici. Un parco tutto da vivere che oramai è una realtà consolidata ed invidiata del nostro Salento.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner