Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 25 giugno 2018 - Ore 15:32

Ma quale guerra? Chiediamo solo uguali diritti per tutti

Ma quale guerra? Chiediamo solo uguali diritti per tutti

Lecce - Sabato 7 febbraio si è svolto il presidio “Ma quale guerra? Chiediamo solo uguali diritti per tutti”, proposto dall'associazione LeA-Liberamente e Apertamente in collaborazione con altre realtà e movimenti locali, in risposta al convegno di Alleanza Cattolica “Guerra alla famiglia naturale: teoria gender, unioni civili, matrimoni omosessuali”, organizzato presso la parrocchia di San Giovanni Battista a Lecce. Come previsto e prescritto dalla Questura di Lecce, il presidio si è svolto,a partire dalle 18,30, nel parco adiacente la scuola Stomeo Zimbalo in via Carrara, alle spalle del complesso della parrocchia in cui in concomitanza si svolgeva il convegno.

Le persone che hanno preso parte al presidio -più o meno una quarantina, nel momento di massima affluenza- si sono attenute alle disposizioni della Questura. Con dispiacere però è stato riscontrato da parte dei rappresentanti di Alleanza Cattolica Puglia un atteggiamento poco aperto al dialogo e al confronto. La mattina del convegno, infatti, è stata inviata da parte di alcuni degli organizzatori del presidio una richiesta formale di intervento a fine convegno con l'obiettivo di spiegare le ragioni del presidio, richiesta alla quale non è stata data risposta.

Inoltre, nonostante il convegno fosse stato presentato nei comunicati come aperto a tutti, ad alcune persone è stato vietato l'accesso alla sala parrocchiale perché “prive di invito”. É stata inoltre disposta la ripresa video di alcune di esse, probabilmente non regolare, ma sicuramente intimidatoria.

Tra le persone alle quali è stato negato l'accesso, alcune avevano preso parte al presidio, altre hanno preso parte allo stesso dopo che è stato loro impedito di accedere alla sala parrocchiale. In entrambi i casi, riteniamo che un comportamento del genere sia  ai limiti dell' incostituzionalità, in quanto non si può negare la partecipazione ad un evento pubblico; sebbene la prescrizione della Questura prevedesse che il presidio si dovesse svolgere a debita distanza dalla parrocchia San Giovanni Battista e sebbene alcuni ai quali è stato negato l'accesso fossero dei manifestanti, ciò non toglie che questi non potessero esprimere la loro volontà di abbandonare il presidio per partecipare al convegno di Alleanza Cattolica (quindi venendo meno al loro ruolo di manifestanti e non avendo con sé alcun oggetto -cartellone,palloncino, striscione- che potesse disturbare il relatore o distrarre il pubblico presente).

Non avendo avuto modo e possibilità di confronto, ci premureremo di promuovere un confronto pubblico,avendo cura di invitare gli esponenti di Alleanza Cattolica, in cui tutti possano spiegare le proprie ragioni e rivendicazioni.

Le associazioni partecipanti: LeA-Liberamente e Apertamente, Agedo Lecce, Casa delle Donne, Dna Donna, Democrazia Atea.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
20 Aprile 2018 - Lecce

Lecce - Ultima giornata dell’evento “Oltre la paura, arte e cultura della prevenzione” firmata Andos onlus Lecce, oggi 20 aprile alle ...

19 Febbraio 2018 - Lecce

Lecce - Presentata questa mattina a Lecce la conferenza stampa di BTM, una delle principali manifestazioni del Sud Italia che raccoglie intorno a se...

20 Gennaio 2018 - Lecce

Lecce - Il 22 febbraio si accenderanno i riflettori su uno dei gioielli storici culturali leccesi d’eccellenza, l’ex convento degli Agostiniani,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner