Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 14:33

Roberto Ottaviano e Alexander Hawkins in concerto

Roberto Ottaviano e Alexander Hawkins in concerto

Lecce - Martedì 27 gennaio (ore 20.45 - ingresso 10 euro, info e prenotazioni 3249817045) la Fondazione Palmieri di Lecce (nell'ex Chiesa di San Sebastiano) ospita il concerto di presentazione di "Forgotten matches. The worlds of Steve Lacy" di Roberto Ottaviano, prodotto da Dodicilune e distribuito da IRD. Il compositore e sassofonista barese sarà affiancato, per l'occasione, dal pianista inglese Alexander Hawkins. Nel pomeriggio (dalle 15 alle 18) i due musicisti terranno, inoltre, una masterclass di strumento (sassofono e pianoforte) e musica d'insieme (numero limitato di posti, seminario e concerto 25 euro).

Forgotten matches è un doppio cd (uno in quartetto, l'altro in duo) e ben 23 brani per ricordare, nel decennale della scomparsa, il musicista statunitense Steve Lacy. Un tributo che Roberto Ottaviano affronta da una prospettiva nuova, lavorando in studio con alcuni dei musicisti che hanno collaborato con lui in questi anni. Un omaggio a quel suono che ha caratterizzato ogni stile e moda anziché rimanerne invischiato, attualissimo già negli anni 50, che rappresenta oggi il livello più alto di virtuosismo per timbro, idee melodiche, groove ritmico ed estensione. "Più cerco di distaccarmi dal suo potere musicale, artistico, e più mi rendo conto di quanto Lacy sia davvero un gigante ancora misconosciuto", sottolinea Ottaviano nelle note di copertina. "Tutte le volte che da musicista, da pensatore, da esteta e da ricercatore, mi pongo dei quesiti esplorando in direzioni diverse, inevitabilmente trovo nella sua produzione e nel suo ‘modus operandi’, le risposte che cerco".

Nel suo ricordo Ottaviano è affiancato dal trombonista Glenn Ferris, dal contrabbassista Giovanni Maier e dal batterista Cristiano Calcagnile nel primo disco e dal pianista Alexander Hawkins nel secondo. "Oggi più studio il repertorio di Lacy, più mi cimento con la trascrizione delle sue composizioni - ne ha scritte più di 500 tra cui circa 200 songs, più ascolto le decine di registrazioni inedite, più mi concentro sul suo linguaggio e cerco di collegare i fili delle sue ispirazioni e delle sue sonografìe, e più mi sento piccolo, minuscolo", precisa.

Roberto Ottaviano è nato a Bari nel 1957. Studia il sassofono con Federico Mondelci e Steve Lacy, composizione ed arrangiamento con Bill Russo e George Russell. Dal 1979 svolge una intensa attività concertistica e discografica in tutta Europa, collaborando con alcuni fra i più importanti musicisti americani ed europei come Mal Waldron, Giorgio Gaslini, Reggie Workman, Andrew Cyrille, Albert Mangelsdorff, Keith Tippett, Ray Anderson, Enrico Rava, Ran Blake, Steve Swallow, Henri Texier, Misha Mengelberg, Franz Koglmann, Han Bennink, Barre Phillips, Pierre Favre, Kenny Wheeler, Mark Dresser, Paul Bley, Graham Haynes, Irene Schweizer, Myra Melford, Tony Oxley, Ralph Alessi, Marc Ducret. Attualmente dirige il proprio quartetto "Pinturas" ed il quartetto “Roba” con Glenn Ferris, Jean Jacques Avenel e John Betsch. Fa parte del quintetto "Canto General" con il batterista sud africano Louis Moholo e del Karl Berger All Stars con tra gli altri Mark Helias e Bob Stewart. Come leader e come freelance ha modo di fare tournée in varie parti del mondo comparendo in alcuni fra i più importanti festival in Germania, Austria, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Francia, Spagna, Portogallo, oltre che in India, Messico, Stati Uniti, Brasile, Israele ed in alcuni stati africani come Marocco, Senegal e Cameroun. Incide per Red, Splasc(h), Soul Note, Dodicilune, Hat Art, Intakt, ECM, DIW ed Ogun. Come didatta ha tenuto clinic e seminari a Woodstock (U.S.A), al conservatorio di Città del Messico, alla Music Hochshule di Vienna, al conservatorio di Groningen, nei seminari invernali In.Jam di Siena Jazz, a Urbino, Roccella Jonica, Cagliari, Firenze, Roma, Siracusa. Dal 1989 è titolare della cattedra di Musica Jazz presso il conservatorio Nicola Piccinni di Bari. Ha scritto musiche per alcune coreografie di C. Carlson, J. Pardo e per la Teri Weikel Company, oltre che per alcuni lungometraggi dei registi R. Depardon e Tamahori.

L’etichetta salentina Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010/2013). Dispone di un catalogo di oltre 150 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 400 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). www.dodiciluneshop.it

Dodicilune - Edizioni Discografiche & Musicali

Via Ferecide Siro 1/E - Lecce

Tel: 0832.091231

Mail: info@dodiciluneshop.it - press@dodicilune.it.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner