Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 00:54

Due anni con le carte da gioco "Salentine"

Due anni con le carte da gioco "Salentine"

Salento - Domenica 21 dicembre, "Le Salentine", le carte da gioco realizzate da Kurumuny e B22 compiono due anni. Il mazzo di carte che racconta la simbologia del Salento, stampato da Modiano in edizione limitata, interamente disegnato a mano, è frutto di una ricerca antropologica sugli usi e i costumi del territorio salentino. 

La brochure, che accompagna ogni mazzo, costituisce una vera e propria chiave di lettura della simbologia riprodotta che offre cenni su tradizioni, riti, miti, usi, costumi e riferimenti architettonici. Diventando così uno strumento immediato per la conoscenza del territorio salentino. Il sito internet dedicato – www.cartesalentine.it – è una piattofarma di approfondimento del progetto che permette di essere costantemente aggiornati sulle diverse iniziative, a sostegno e completamento, realizzate e in corso.

Dopo il lancio dell’iniziativa che mira alla realizzazione di un censimento delle puteche salentine, quelle di un tempo, vive nella memoria di chi le ha vissute, e quelle ancora attive, che pur nel mutare dei modi e degli usi hanno conservato la propria originaria natura di puteca, per il 2015 il proposito è di proseguire il progetto e realizzare un’antologia di canti ‘da osteria’,  ripercorrendo gli archivi sonori della memoria.

La puteca e la piazza, sono gli unici due luoghi dove davvero sia stato possibile concedere la lieta babele delle lingue e la libertà di linguaggio che le istituzioni (chiesa, scuola, tribunale…) non avrebbero mai tollerato, se non appunto come momento evasivo e carnevalesco. Quello che sulle piazze è fiera, imbonimento, gioco di prestigio e d’azzardo, nelle mura calde delle puteche diventa canto, chiacchiera, confessione e poi ancora canto motto, invettiva, gioco di carte. Molto spesso era proprio la puteca a fare da ricettacolo a gruppi formali o informali di “portatori” di espressività popolari e diventava “naturalmente” il luogo ideale per la loro espansività. Le puteche, nei nostri paesi, sono perciò “l’altra voce” quella più popolaresca del canto di tradizione orale. Il luogo in cui si dava libero sfogo al canto alla stisa (a distesa, fatto di sole voci), alle grandi romanze e ai canti epico-narrativi. 

Chiunque volesse  contribuire al progetto e mettere a disposizione le proprie conoscenze e memorie personali può farlo compilando il format sul sito http://www.cartesalentine.it/puteche/

Le carte salentine sono disponibili in libreria con il Calendiario 2015 in omaggio.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner