Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Lunedì, 20 novembre 2017 - Ore 20:18

Presepe vivente a Kalòs, l’archeodromo del Salento

Presepe vivente a Kalòs, l’archeodromo del Salento

Caprarica di Lecce - Arrivano le festività e con esse uno degli appuntamenti imperdibili per chi ama le tradizioni, il fascino dei luoghi, le emozioni natalizie. Al via, infatti, la III edizione dell’evento “Il presepe vivente”, allestito a Kalòs, l’archeodromo del Salento, il più grande parco di archeologia sperimentale d’Italia che sorge a Caprarica di Lecce. L’Associazione di volontariato “Kalòs” e Meridies scarl, con il patrocinio della Provincia di Lecce,  hanno organizzato e ricostruito un presepe vivente unico, sia per la bellezza del paesaggio, sia per la cura delle ricostruzioni, frutto del lavoro del gruppo dei ricercatori e degli studiosi di Kalòs. 

L’inaugurazione è fissata per il 25 dicembre, alle ore 17.30. Il Presepe potrà essere visitato nei giorni 25-26-27-28 dicembre e 1-4-6 gennaio, dalle ore 17.30 alle 20.30. L’evento è ambientato all’interno della sezione naturalistica e della civiltà contadina del parco Kalòs, che sorge sul pendio della Serra, in un’area un tempo conosciuta come “Sierri di Tiberio, Ottavio e Costantino”, ad indicare la presenza di un insediamento romano. Alessandro Quarta, archeologo e ideatore dell’iniziativa, spiega: “Si tratta dell’apertura di una nuova area del parco Kalòs, con la ricostruzione di ambientazioni della società contadina e pastorale. La visita al presepe non è quella completa dell’archeodromo con le sue imponenti ricostruzioni, meta privilegiata anno dopo anno di migliaia di scolaresche e di turisti, ma è ugualmente un suggestivo viaggio nella Betlemme che ha dato i natali a Gesù, viaggio senza confronti in uno scenario naturalistico unico e tutto da vivere”. 

L’organizzazione si avvale, inoltre, della maestria ventennale di Giovanni Quarta, artista del settore e inventore di presepi dal fascino inimitabile.  I visitatori faranno un vero tuffo nel passato, tra botteghe artigiane che ripropongono antichi mestieri (conzalimmure, bottaio, fabbro, cestaio, conzatraini, scarparu), la ricostruzione della sezione romana con la corte di Erode, il tempio sacro e i centurioni, la grotta della natività, la sezione contadina e pastorale sul declivio della collina, il tutto con lo sfondo suggestivo dell’archeodromo. Una grande stella cometa, posta sul punto più alto della Serra di Galugnano, a 110 metri sul livello del mare, guiderà i visitatori, facendoli immergere in una realtà emozionante ed incantevole che rievoca dal vivo la magia della Natività. A contribuire al clima festoso, ci saranno pittule, piscialette (pane al forno con pomodoro), panini con pezzetti di cavallo, piatti della tradizione e canti natalizi.

Per informazioni: 0832 659821 - 3929007965 – 3407859589.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner