Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 20 agosto 2017 - Ore 02:26

Petrini, Olmi, Ciotti al Salone Internazionale del Gusto

Petrini, Olmi, Ciotti al Salone Internazionale del Gusto

Italia - Carlo Petrini, Don Luigi Ciotti, Ermanno Olmi: tre amici, tre intellettuali provenienti da mondi diversi ma uniti da una visione comune dell’agricoltura. Cogliendo l’occasione per la presentazione di Volere bene alla terra, il nuovo libro edito da Slow Food Editore che raccoglie le interviste che, nell’arco di dieci anni, Carlo Petrini ha realizzato con grandi personaggi da tutto il mondo, si è svolto oggi pomeriggio un incontro fra il presidente di Slow Food e Don Luigi Ciotti, Presidente di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro la mafia. «Un libro che parla dell’importanza dell’agricoltura familiare oggi minacciata», ha affermato Petrini. «Quanti contadini onesti e appassionati, ad esempio nella Terra dei Fuochi, soffrono la vergogna di essere additati come soggetti inquinanti per colpa di chi ha depauperato l’ecosistema, inquinandolo con la complicità della mafia e l’insipienza di certi politici!».

L’incontro ha poi ripercorso le tappe della vita di Don Ciotti, la sua esperienza prima con il Gruppo Abele, poi con Libera, per restituire alla legalità i terreni confiscati alle mafie e creare un’economia agricola virtuosa che, dopo un inizio non semplice, ha dato vita a prodotti d’eccellenza realizzati da diverse cooperative del Sud Italia. Un percorso ancora lungo, come ha tenuto a sottolineare Don Ciotti, poiché le mafie prosperano e sono molto attive anche a livello europeo. Inoltre, le ricchezze sono troppo concentrate nelle mani di pochi: «Le cifre sono impressionanti: 500 multinazionali detengono il 52% del Pil del pianeta, le prime tre controllano il 91% della ricerca genetica e il 53% dei semi, le prime sei controllano il 76% dei pesticidi. Per citare Papa Francesco: “C’è un’economia che uccide”».

In conclusione Petrini ha letto una lettera aperta sull’Expo, scritta in collaborazione con Ermanno Olmi e Don Ciotti. Un’esigenza nata dalla preoccupazione che l’esposizione universale sia solamente l’occasione per parlare e promuovere il cibo come merce, senza affrontare concretamente questo argomento e le sue innumerevoli implicazioni. «Non si può rimanere passivi di fronte all’avvelenamento delle fonti di cibo provocato dalle spregiudicate economie globali che, per un falso concetto di modernità, giustificano ogni stoltezza» scrivono i tre. «Oggi la fame che perseguita grandi parti di mondo, determina migrazioni epocali, bibliche. Il Mediterraneo ogni giorno è tomba di una disperata umanità che cerca di superare i confini visibili e invisibili che la privano del cibo quotidiano. (…) A partire da queste dissonanze ormai intollerabili, nasce il nostro bisogno di lanciare un appello affinché l’Expo non si riduca a un’esposizione senz’anima, dove si enunciano vasti programmi e nobili intenzioni, mentre si tace sulla povertà e le ingiustizie che opprimono la vita di milioni di persone». Un dibattito collettivo non più moralmente rinviabile, un modo di mettere a dimora un seme che possa crescere rigoglioso: il seme del buon senso e della dignità di ogni abitante della terra. L’Expo dovrebbe così diventare occasione per tutti gli uomini di buona volontà, per condividere il proprio cibo, con la coscienza che è anche e sempre quello degli altri: «C’è un destino comune che ci attende e uniti acquisteremo coscienza di popolo, di un’unica umanità».


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner