Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 01:29

Gianluca Petrella alle Officine Cantelmo con "Exp and Tricks"

Gianluca Petrella alle Officine Cantelmo con "Exp and Tricks"

Lecce - Continuano i concerti del festival del Festival del Cinema Europeo. Dopo il grande successo degli appuntamenti musicali dello scorso anno, quest’anno il Festival regala ai suoi spettatori una traversata musicale da sogno con Gianluca Petrella alla riscoperta delle sonorità del cinema fin dalle origini.

Il palco delle Officine Cantelmo, a partire dalle 23, diventerà il luogo del “Viaggio musicale nei cortometraggi dei primi anni del Cinema”, una produzione originale nata in collaborazione con Ater Modena e Cineteca di Bologna.

Il jazz e il cinema non si nutrono soltanto di una serie infinita di punti in comune, di vicinanze incredibili e tracce storiografiche che scorrono quasi parallele. Mentre i fratelli Lumière sperimentavano i primi lungometraggi, a New Orleans, punto focale di una più vasta zona del basso Mississippi, nasceva un genere musicale che avrebbe rivoluzionato il ‘900. Partendo da qui, jazz e cinema hanno percorso strade comuni, che spesso si sono sovrapposte (basti pensare alle prime pellicole sonore) e influenzate, reciprocamente, in maniera incisiva.

“Exp and Tricks” nasce proprio da un viaggio fatto indietro nel tempo. Da buon amante del cinema, compreso quello delle origini, Gianluca Petrella è andato a ricercare le radici di questo rapporto, per svilupparlo in maniera sperimentale, libera e onirica. Il progetto per Petrella è risultato da subito una sfida non facile, nonché un grande stimolo per creare qualcosa di nuovo e originale.
La scelta personale, ricaduta su corti come Un Chien andalou, Le Spectre rouge, The Rounders, ma anche su pellicole sconosciute, porta alla luce un mondo filmico sommerso e all’avanguardia. Sono presenti anche i primi rallenty o i primi giochi di colorazione che hanno ispirato Petrella nella costruzione di un impianto sonoro potente e raffinato.

La musica, improvvisata da Petrella al trombone accanto a Rhodes con un'importante strumentazione elettronica, si basa su una struttura ben precisa e non svolge il ruolo di vera e propria colonna sonora. Essa accompagna e descrive le varie fasi dei film ma, soprattutto, ma segue una linea propria e si accosta alle sequenze filmiche in maniera del tutto compenetrante e dalle conseguenze quasi ipnotiche.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner