Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 12:45

Mascarimirì in concerto al Parco Crocefisso

Mascarimirì in concerto al Parco Crocefisso

Muro Leccese - Sabato 26 aprile (ore 22.30 - ingresso gratuito) con un concerto nel Parco Crocefisso di Muro Leccese (Le) prosegue il tour di presentazione di Tam!, nuovo progetto discografico dei salentini Mascarimirì, prodotto da Dilinò e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record.

Nati tra il 1997 e il 1998 come progetto di musica tradizionale salentina, i Mascarimirì sono oggi tra i gruppi più rappresentativi della scena world italiana. Guidati da Claudio Cavallo Giagnotti, musicista di origini Rom, negli anni hanno sperimentato innesti tra suoni tradizionali e sonorità dub sino ad arrivare al punk-dub tarantolato. Si sono esibiti in importanti festival e manifestazioni musicali tra i quali Womex, Fira de Manresa, La Notte della Taranta, Sziget Festival, Medimex, Total Festume e Womad. I Mascarimirì hanno collaborato, tra gli altri, con Joe Zawinul, Buena Vista Social Club, Les Negresses Vertes, Massilia Sound System, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi e molti altri. Sul palco Claudio “Cavallo” Giagnotti (voce, fiati etnici, tamburreddhu, tamburi) è affiancato da Vito Giannone (voce, mandolino elettrico, tres), Alessio Amato (voce, programmazioni, syinth) e Dario Stefanizzi (fiati). Il tour proseguirà poi a Cisternino (1 maggio), in Francia (dal 14 al 17 maggio e il 7, 8 e 13 giugno). Domenica 18 maggio appuntamento sul prestigioso palco dell'Auditorium Parco della musica.

Viaggiare, incontrare, sperimentare sono da sempre tre parole chiave nel lavoro dei Mascarimirì che, dopo Gitanistan (Dilinò, 2011) articolato lavoro sulle comunità rom salentine, tornano a confrontarsi con la loro tradinnovazione. Nel corso degli ultimi mesi il gruppo guidato da Claudio “Cavallo” Giagnotti ha affiancato all'attività live una serie di campagne di ricerca nelle regioni dell'Italia del Sud effettuando numerose registrazioni sul campo in Calabria, Campania, Salento, Gargano, Sicilia e Sardegna. Come in passato i grandi musicologi e antropologi, i Mascarimirì sono tornati nelle terre di tradizione e di festa per capire cosa è cambiato nel corso degli anni.

Un lungo e articolato viaggio che ha toccato numerose tappe sonore: la festa rom-calabrese di Riace, dove nella notte dei SS. Cosma e Damiano i Rom provenienti da tutto il Sud Italia vegliano a ritmo di tarantella calabrese; Carpino, paese famoso nel mondo per la Tarantella del Gargano o, come la chiamano i paesani, tarantella di Carpino, per registrare le grandi figure della tradizione e i giovani che con rispetto portano avanti i canti del Gargano; e ancora le feste campane dedicate alla Madonna nei riti delle Tammurriate, a Tenores in Sardegna con il tradizionale canto e in Sicilia seguendo i ritmi della Tarantella, cercando di confrontare fra loro i suoni di strumenti le cui origini si perdono nel tempo, come lu maranzanu e fiscalettu, e coniugandoli con i groove moderni.

Inoltre i Mascarimirì, per la prima volta, trattano i testi dei nuovi brani in una maniera diversa e “fondamentale” per questo lavoro. “Sentiamo il desiderio di parlare e comunicare attraverso la nostra parola tradizionale”, sottolinea Claudio Cavallo Giagnotti. “Fondamentale per questo nuovo progetto, infatti, è il lavoro che stiamo portando avanti con Giovanni Epifani, il quale, secondo me, è un paroliere salentino autenticamente tradizionale. Sul ritmo del “tamburreddhu” salentino cerchiamo di far arrivare i nostri pensieri su una tradizione che sta perdendo i suoi linguaggi originari”. Tam! è stato anticipato nell’estate 2013 dal brano “Ballu” che parla della confusione che oggi esiste sui termini che identificano la musica Salentina. “Ad esempio”, prosegue Cavallo, “la parola Taranta è una parola inventata, non esiste come termine musicale, mentre la musica da ballo in Salento si chiama Pizzica Pizzica e lo strumento principale usato è un tamburo a cornice che in dialetto salentino si chiama Tamburreddhu”.

I Mascarimirì sono Claudio “Cavallo” Giagnotti (voce, fiati etnici, tamburreddhu, tamburi), Vito Giannone (voce, mandolino elettrico, tres), Alessio Amato (voce, programmazioni, syinth), Dario Stefanizzi (fiati). Ospiti nel cd il cantante salentino Cosimo Giagnotti, il fotografo e voce recitante Fernando Bevilacqua, la cantante Roberta Palumbo e il chitarrista Roberto Menonna, entrambi del Gargano, l’organettista Paolo Paviglianiti e il tamburellista Lorenzo Paviglianiti del gruppo calabrese Mutraka, il suonatore di marranzano Giorgio Maltese della band siciliana I Beddhi e il percussionista salentino Paolo Pacciolla. Dj Click cura invece il remix della Tarantella di Sannicandro.

Tam! è promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record Po Fesr Puglia 2007/2013 Asse IV - Investiamo nel vostro futuro. Info www.mascarimiri.com


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner