Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 22 agosto 2017 - Ore 03:51

H 24 FabriKa presenta la mostra "Le Fil Rouge"

H 24 FabriKa  presenta la mostra "Le Fil Rouge"

Lecce - “Le Fil Rouge”, evento che vede la sua apertura sabato 15 febbraio alle ore 20.30 per concludersi sabato 22 febbraio, è un progetto nato dal sodalizio umano e professionale tra l’artista Luigi Cannone e il critico d’arte Rosanna Gesualdo, entrambi impegnati sul fronte della promozione della “cultura anti-mercato”. H 24 FabriKa ci racconta il progetto attraverso le parole dell’ideatrice Rosanna Gesualdo : “Con “Le Fil Rouge” intendiamo affiancare, partendo proprio qui da Lecce le tante iniziative che in Italia tentano di opporsi al crimine della violenza contro le donne. Un unico termine: Femminicidio! Cori di denuncia inabissati nel vuoto del silenzio se guardiamo ai dati e ai delitti che continuano a segnare il ritmo terribile dell’ignoranza. Il Femminicidio è un delitto di “genere” e sta a indicare che le vittime sono tali in quanto donne. Donne la cui colpa è di essersi sottratte al ruolo imposto dalla tradizione, al controllo del proprio compagno, del proprio padre e dell’egemonia patriarcale in genere. La loro scelta di autodeterminazione le ha punite con l’ingiuria, con l’abbandono e con la morte morale e fisica. Solo perché “Donne e non Madonne”! L’obbiettivo, quello di “Le Fil Rouge” come dei tanti altri progetti, resta quello di farsi veicolo della “cultura dell’emergenza” un coro che stando al bollettino delle vittime è ancora dolorosamente inascoltato.

Una luce “Caravaggesca” pervade le tele dell’artista Luigi Cannone nella sua ricerca “Io:singolare femminile”. Opere intrise di domande la cui risposta è ovvia: “Uccise perché donne, in quanto donne”. Destinate al macello, in primis da se stesse, abbandonate al loro destino da chi, accanto, nega persino l’ascolto accusandole il più delle volte di aver seguito il proprio cuore più che il consiglio amico. E di azzurro intriso di rosso, il pittore scava all’interno di se stesso come un cronista, per comprendere prima, per dar vita poi, con voce e colore al dolore dell’altro incontrato sui sentieri dell’etica. La luce nelle opere di Luigi Cannone ha una duplice funzione: costruttiva e simbolica. Toni caldi di una luce spesso radente, emergono da un buio che non indaga lo spazio circostante ma permea i corpi conferendoli sacralità mentre tutto attorno resta indagato e inconoscibile, dipinge così l’artista Cannone, la ferocia a cui non si può dar nome, senso e ragione. Perché la violenza è sguardo infame che bracca e perseguita innanzi a cui ogni ragione soccombe. L’abbraccio dell’uomo e artista è assoluto, silenzioso come una preghiera la cui invocazione è riassunta in un: “Mai più”. Immagini crude le sue, non disgiunte da una tenerezza assoluta, forte nel rimarcare ancora una volta quel: “Mai più”. Ad accompagnare quest’urlo, l’azione performativa “Ippazia” di Domenico Arces e Lucia Macrì che hanno voluto raccontare l’onere e la forza con cui una donna: “Ippazia” matematica e filosofa a cavallo tra il IV e V secolo umiliò il mondo maschile con la sua cultura. E per la sua cultura il clero ne ordinò la morte per lapidazione. La performance intende sottolineare che la storia quando si parla di donne spesso dimentica le sue martiri e che ancora la “cultura” ostacola, infligge e perseguita. Ad aprire la serata sarà la voce di Santo Francesco Maria Muci che leggerà alcuni brani tratti da “La ballata del carcere di Reading” di Oscar Wilde. Dunque il 15 febbraio, prima tappa di “Le Fil Rouge” con la presentazione e il lancio di “Le Fil Rouge Ensemble” che vedrà il coinvolgimento corale dei tanti artisti di cuore e coscienza presenti sul territorio, con maggiore attenzione allo sguardo dell’uomo, perché come la curatrice ci spiega, il suo intento è dar voce a tutti gli uomini che aborriscono la violenza attuata dai loro simili, forse loro troveranno un giorno le parole che dette dalle donne restano ancora dolorosamente inascoltate”.


PERIODO IN CUI SI SVOLGE L’EVENTO: dal 15- 02-2014 al 22-02-2014
LUOGO: h24 fabrìKa
TITOLO DELL’EVENTO: “Le Fil Rouge”- project
INDIRIZZO COMPLETO: Vico dietro spedale dei pellegrini 29/a (piazzetta Santa Chiara) 
RECAPITI TELEFONICI: 3887855764 - 3393919557
RECAPITI MAIL:  h24fabrika@gmail.com 
SITO WEB: Fb h24 fabrìKa
VERNISSAGE: 15 febbraio ore 20:30
CURATORI: Rosanna Gesualdo
ARTISTI: Luigi Cannone, Domenico Arces, Lucia Macrì, Santo Francesco Maria Muci
Ingresso gratuito.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner