Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 22 ottobre 2017 - Ore 01:07

Gli altri utenti stanno guardando:

"Un altro giorno sulla terra": intervista al cantautore Michel

"Un altro giorno sulla terra": intervista al cantautore Michel

Lecce - A poco più di un mese dall'uscita del suo primo singolo "Alza le mani", abbiamo incontrato il bravissimo Michel che in attesa dell'uscita dell' album "Un altro giorno sulla Terra" si è raccontato ai nostri microfoni: 

Quando ti sei avvicinato al mondo della musica?

Da bambino, a circa sei anni. Non saprei dirti il motivo vero e proprio. E’ stata un’esigenza. A sei anni ho chiesto a mia madre di comprarmi la chitarra ma all’inizio pensava fosse un capriccio da bambino. Così gliel’ho ripetuto per un anno intero e alla fine ha acconsentito! E’ cominciato tutto così, poi non ho smesso più.

Quando hai capito invece che sarebbe stata questa la strada da seguire?

Quando a 17 anni ho formato la mia prima band e ho cominciato a respirare l’aria della sala prove ho capito che era quello il mondo che mi rendeva felice. E credo sia in fondo quello l’obiettivo un po’ di tutti: cercare di essere felici. Sebbene di li a poco sarebbe diventato una specie di lavoro lo facevo con immenso piacere. Dedicare ore e ore della mia giornata a comporre, suonare, cantare, non mi pesava per niente (e non mi pesa tutt’ora). Anzi è proprio in quelle ore che riesco a trovare la mia vera dimensione.

Cosa significa per te cantare? 

Significa raccontare delle cose di me che non riuscirei a raccontare in nessun altro modo. Credo sia un modo abbastanza discreto e caratteristico di “raccontarsi”. Perché intanto comunichi solo alle persone che si mettono lì ad ascoltarti, facendo però attenzione alle parole delle tue canzoni. E tutto questo è accompagnato dall’atmosfera che, con le note, hai voluto creare per abbinare ad esse.

Come nasce un tuo brano ed il suo videoclip?

Dunque…per quanto riguarda i brani in realtà l’ispirazione viene da sé e il processo creativo in genere non dura mai più di un quarto d’ora…poi dopo questo quarto d’ora ci si mette in studio per lavorare l’idea “grezza” venuta fuori così, dal nulla, per darle una forma più gradevole. Nelle canzoni come dicevo prima racconto un po’ quello che vivo, le mie esperienze, le riflessioni che faccio su di esse…e cerco di farlo in modo che chiunque ascolti una mia canzone possa dire “ah caspita allora questo non succede solo a me!?”. E’ un modo per entrare in contatto! Nei live questo passaggio è ancora più evidente…si vede negli occhi che ognuno percepisce ciò che stai dicendo/cantando in modo diverso. Alcuni riescono a far proprie subito quelle parole, altri si avvicinano quasi di “soppiatto”...E’ una sensazione abbastanza strana!

I videoclip sono il passaggio successivo a tutto questo. In realtà è molto più semplice che scrivere un brano per quanto mi riguarda, perché si tratta semplicemente di rendere immagine ciò che è già raffigurato nella mia testa. Ma alla fine i brani li ho scritti io quindi so esattamente a cosa ho pensato o a cosa mi riferivo con questa o quella frase. Col video ho scoperto un mondo altrettanto interessante devo dire, anche l’immagine ha il suo lato di poesia che davvero ti prende e ti fa viaggiare con la mente, ti riconduce a cose che hai vissuto, una specie di deja vù che puoi rivivere tutte le volte che vuoi, ti basta rifare play. Mi piace usare l’espressione “completare il messaggio”: il brano e il video sono due aspetti della stessa medaglia. Il video serve a chiarire meglio ciò che volevo dire con quella canzone. 

Il 23 dicembre è uscito "Alza le mani", il primo singolo del tuo primo disco “UN ALTRO GIORNO SULLA TERRA”. Parlaci di questo progetto

Un altro giorno sulla Terra è il mio primo disco da solista, in uscita quest’anno. Si tratta di un percorso musicale di circa un anno, che ho voluto raccogliere in questa “scatola di ricordi” che il disco rappresenta. Il titolo è ben chiarito dalla copertina del disco che (svelo in anteprima) avrà un uomo in riva al mare che guarda il pianeta Terra sospeso nel cielo. E’ la rappresentazione di un uomo che vive questo paradosso di stare sulla Terra ma la guarda da lontano, come a dire che spesso non se ne sente parte.

C'è un artista o un gruppo musicale al quale t'ispiri?

Ce ne sono diversi. E anche abbastanza differenti tra loro. Potrei dirti Foo Fighters, Radiohead e Coldplay. Ma solo per citarne alcuni perché in realtà ascolto tantissima altra roba.

Qual è il brano che più ti rappresenta?

Come un astronauta”, è la traccia numero 5 del disco che presto pubblicherò. Diciamo che dal titolo si dovrebbe già intuire qualcosa ma non voglio togliervi la sorpresa!

Data la grande quantità di talent show, quant'è difficile oggi affermarsi ed avere successo come artista?

Se per affermarsi intendiamo guadagnare tramite la musica è difficilissimo. Ma preferisco pensare che per “affermarsi” intendiamo riuscire ad arrivare alla gente…beh in quel caso è più semplice, a patto che si abbia qualcosa da dire. Le persone sono bombardate da centinaia di produzioni ma alla fine scelgono solo quello davvero li emoziona. E credo che riuscire ad emozionare significhi già affermarsi come artista. Quindi speriamo di riuscirci almeno un po!

Progetti per il futuro?

Ho già cominciato con i live in acustico in diversi locali della provincia. Presto pubblicherò un nuovo videoclip e a breve comincerò anche con i live in elettrico. E poi facciamo uscire sto disco! Basta per il 2014 no? 

BIOGRAFIA:

“MICHEL”, nome d’arte di Michel Cottin, classe 1987.

Suona da quando aveva 7 anni, ha scritto la sua prima canzone a circa 14/15 anni. Michel prima del suo attuale progetto da solista in cui è autore dei testi, voce, chitarra, basso, e synth, ha fatto parte della band Funzione Random, con cui si è esibito in circa 70 live in due anni. Con le loro esibizioni hanno “scaldato” il pubblico, preparando il terreno per quella di numerose star come nei concerti di Motel Connection, La fame di Camilla, Sud Sound System, Ministri.

A gennaio 2012 la svolta. Con il brano “Qui è pieno di trappole” ha partecipato (come cantautore Michel) a “Sanremo social” e da lì è cominciata questa nuova avventura. Il video che accompagna il brano ha scatenato l’inferno su facebook, facendo migliaia di visualizzazioni sul canale YouTube ufficiale e numerosissime condivisioni su Facebook. Inoltre è stato mandato in onda per diverse volte volte come video d’apertura del programma UZONE su Italia 1 e Italia 2.

Il 3 maggio 2012 è uscito il secondo singolo dal titolo “Svegliami”, anch’esso accompagnato da videoclip. Anche questo è stato scelto per essere mandato in onda su Italia 1 e l’8 maggio è stato nominato “video del giorno” all’interno dello stesso programma.

Il 3 ottobre è stato lanciato il singolo dal titolo "E scusami adesso".
il 12.12.12 esce il videoclip che accompagna il brano.

Il 10 aprile 2013 è stato lanciato il singolo dal titolo "Portami via", accompagnato dal videoclip.

Il 23.12.13 esce "Alza le mani", primo singolo (accompagnato dal videoclip) del primo disco UN ALTRO GIORNO SULLA TERRA.

Da gennaio 2012 è sotto contratto con l'etichetta fiorentina “The Palpitation Music & Records” .

I videoclip sono interamente realizzati da Michel (regia, sceneggiatura, montaggio).


CONTATTI: https://www.facebook.com/MichelOfficialPage?fref=ts; https://www.youtube.com/michelmusicchannel.




La Redazione


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Ottobre 2017 - Lecce

Lecce - Di Roberta Apos, nota hair stylist salentina, ne abbiamo sentito parlare a lungo. Nel corso del tempo stile e professionalità l’hanno...

07 Ottobre 2017 - Salento

Salento - Domenica 8 ottobre tornano i live al Gianna Rock Cafè di Veglie (via Fratelli Bandiera), con la band Figli di Rock 'n' Roll. Nel corso della...

08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner