Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 23 gennaio 2018 - Ore 04:46

Il tango che arriva dall'est

Il tango che arriva dall'est

Lecce - Questa mattina, l'Assessore agli spettacoli ed eventi, Luigi Coclite, ha presentato l'iniziativa "Inverno Portegno".

Una manifestazione giunta alla sua seconda edizione che registra l'apertura a paesi emergenti dal punto di vista musicale come la Polonia, che negli ultimi anni sta confermando lo sviluppo del movimento di tangheri nell'est europa.

L'edizione 2014 di "Autunno Portegno", pone l'accento sulla multiculturalità del Tango Rioplatense, intesa nella duplice accezione di elemento primario da cui il Tango trae origine e carattere, e di elemento fecondatore di culture musicali e tradizioni popolari autoctone. Generato dall'incontro e la contaminazione di più culture, il Tango non è soltanto espressione artistica di origine popolare universalmente riconosciuta ed amata. Ma ha storicamente costituito, nell'ambito dei nuovi assetti sociali conseguenti ai flussi migratori verso l'America Latina del XX secolo, il più significativo esempio di "ponte culturale" capace di scavalcare barriere sociali e linguistiche e di creare nuove comunità. 


Tra i vari esempi di contaminazione ve n'è uno, singolarissimo e meno noto, costituito dal Tango Yiddish. Quando giunse in Europa il Tango suscitò grande clamore. Nei teatri e nei caffè delle maggiori città si esibivano, accanto agli artisti sudamericani, anche grandi artisti locali, in grado di recepire il messaggio portegno e adattarlo allo spirito delle proprie tradizioni. Particolarmente attivi furono i musicisti ebrei dell'Est, che fecondarono col tango la tradizione Klezmer e dettero vita ad un filone musicale di altissima qualità il Tango Yiddish. Si trattasse di traduzioni in lingua, varianti o creazioni originali, il Tango Yiddish reca il marchio inconfondibile del suo popolo. 

E' all'incontro e fusione tra questi due generi (tango argentino e klezmer dell'europa dell'est) che Autunno Portegno dedica la sua seconda edizione dal titolo "L'altra metà del tango", esempio singolarissimo e straordinario di commistione tra cultura portegna e cultura yiddish. 
Altro motivo della scelta è rappresentato dal fatto che negli anni di massima popolarità che il Tango raggiunse in Europa, 1920/1930, un giovane tenore di origine italiane si impose ulteriormente all'attenzione di un vasto pubblico internazionale anche per i tanghi a sua firma ed interpretazione: Tito Schipa. 

"Grazie a questo evento – spiega Sondra Pranzo, presidente di Salentango, l'associazione che ha organizzato questa manifestazione - rileggiamo una pagina della storia meno nota che incrocia il percorso artistico di una grande figura come quella di Tito Schipa. Molti non sanno, infatti, che il tenore leccese era amatissimo in Argentina, dove spesso viaggiava e si esibiva, e ha composto tanghi memorabili e inciso con le maggiori orchestre dell'epoca". 

Matteo Bottazzo


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
20 Gennaio 2018 - Lecce

Lecce - Il 22 febbraio si accenderanno i riflettori su uno dei gioielli storici culturali leccesi d’eccellenza, l’ex convento degli Agostiniani,...

28 Dicembre 2017 - Lecce

Lecce - Gran galà e cenone di fine anno a Corte Licastro di Lecce in occasione della notte di San Silvestro. Il party esclusivo avrà inizio...

18 Dicembre 2017 - Novoli

Novoli - Sarà l'Area 51 di Novoli (Strada Provinciale Novoli-Veglie) ad ospitare il nuovo concerto della cover band di Luciano Ligabue “Figli di...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner