Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 08:36

"Il mio canto libero" al Castello Episcopio di Grottaglie

"Il mio canto libero" al Castello Episcopio di Grottaglie

Taranto - Domenica 29 dicembre 2013 alle 18,presso il Castello Episcopio di Grottaglie, l'associazione di Promozione Sociale Macchià presenta il film/documentario “Il mio canto libero” di Alessia Di Girolamo, ragazza di origine pugliese affetta da una malattia genetica, la acondroplasia, comunemente denominata in gergo nanismo e trasferitasi nelle Marche per motivi di studio e lavoro.

Alessia ha da rivelare una storia rara come la sua forza, una storia di disuguaglianze, gioie, pregiudizi, soddisfazioni, soprusi, amicizie, ingiustizie e amore, una storia dura vissuta in compagnia di una malattia genetica la acondroplasia comunemente denominata in gergo nanismo. La sua intelligenza è vivissima ma le sue capacità motorie, assolutamente favorevoli ad ogni tipo di esigenza, sono purtroppo spesso mortificate dall’ignoranza e svantaggiate da una legislazione a tratti così incredibilmente sprovveduta nei confronti di simili disabilità da rendere necessaria questa sorta di confessione che è una denuncia ma anche e soprattutto un grido di speranza per chi non ha ancora il coraggio e la grinta di giocare e vivere pienamente i propri spazi e il proprio tempo. Ora lei è una giovane e brillante avvocatessa e pittrice e viaggiatrice per diletto.

Prosegue con successo il mini tour del film documentario Il mio canto libero che racconta di una “normale disabilità e, dopo averlo proposto con un evento di sensibilizzazione dedicato agli studenti degli istituti grottagliesi Liceo artistico Vincenzo Calò e l'ITS Don Milani - Pertini di Grottaglie, Macchià ora lo proietta al Castello Episcopio.

“Quando abbiamo visto il film siamo stati da subito affascinati dalla storia di Alessia - dice Annamaria Quaranta presidente dell'associazione Macchià - ma la gioia più forte è stata quell'onda di vitalità che ci ha travolti dopo averla conosciuta personalmente. In perfetta sintonia con la sua sensibilità e disponibilità abbiamo sentito l'esigenza di far conoscere al maggior numero di persone una delle tante realtà della disabilità raccontata in maniera serena e razionale”.
Altrettanto importante sarà la testimonianza di Massimo Quaranta che ci racconterà la storia di sua figlia Serena una bambina “speciale”.

Coerentemente a quello che è uno degli spunti di riflessione che il documentario offre come il rispetto della disabilità all’evento sarà garantito il servizio di interpretariato LIS (Lingua Italiana dei Segni) che, insieme ai sottotitoli, rendono la proiezione accessibile a tutti,
Macchià è lieta di invitare chiunque abbia voglia di conoscere una bellissima storia che, grazie alla consapevolezza che questa sia reale, possa farci rispettare di più la vita degli altri che, solo degli altri non è.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
08 Agosto 2017 - Vernole

Vernole - Al Mediterraneo si fa baldoria in compagnia di "Midsummer Night", il party in notturna in programma mercoledì 9 agosto con start alle ore 23....

08 Agosto 2017 - Racale

Racale - Lo spettacolo di Giuseppe Cacioppo intratterrà il pubblico del Torre Suda Bar in occasione del ventesimo anniversario del noto locale della...

04 Agosto 2017 - Minervino Di Lecce

Minervino Di Lecce - Da Londra, torna in Salento l'originale swing gypsy caratterizzato dal suono dell'arpa. Due serate all'insegna della musica gypsy jazz col...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner