Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 02:02

Gli studenti riaprono un museo. Il caso di Lecce ad UnoMattina

Gli studenti riaprono un museo. Il caso di Lecce ad UnoMattina

Lecce - La puntata di ieri di UnoMattina ha dedicato il servizio di apertura alle 6.50 al particolarissimo caso degli studenti leccesi che qualche giorno fa hanno riaperto dopo oltre 40 anni di polvere ed oblio un particolarissimo e ricco Museo di Scienze Naturali creato dallo scienziato salentino Cosimo De Giorgi alla fine dell’800. Lo staff leccese ha interagito con i conduttori della trasmissione su Rai 1, Elisa Isoardi e Duilio Giammaria, attraverso un collegamento via skype e con il supporto di fotografie evocative dell’evento.

Parliamo degli studenti 15enni della classe 2^B dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce i quali hanno avuto questa bella idea di riaprire il prestigioso museo che “abita” nella loro scuola da oltre un secolo rincarando la componente emotiva e suggestiva con la geniale idea di spegnere tutte le luci del museo e permettere ai partecipanti di visitarlo totalmente a lume di candela e con l’ausilio di piccole torce, le quali hanno aiutato a focalizzare lo sguardo (e la meraviglia) sulle migliaia di reperti presenti nella collezione. Lo spegnimento delle luci è stato anche un atto simbolico legato ad un grande progetto della classe che sarà portato avanti per tutti e cinque gli anni di scuola, dal titolo “EdiSons – figli di una energia migliore”, basato sul risparmio energetico e sull’incentivazione dell’uso di energia sostenibile. Questo è lo stesso gruppo di studenti che a febbraio scorso, quando erano al primo anno, hanno partecipato alla campagna nazionale “M’illumino di meno” realizzando una gigantesca scritta “Lecce” con migliaia di fiaccole accese nella centralissima piazza Sant’Oronzo.

teamsm.jpgForti di frequentare una scuola ad indirizzo economico, gli studenti hanno anche fatto pagare un biglietto very low cost ai visitatori e metà dell’incasso ricavato è servito a coprire le spese sostenute per l’allestimento mentre l’altra metà, che rappresenta un vero e proprio utile, sarà investito e utilizzato per pubblicizzare le prossime aperture.

L’importante museo è stato concepito e creato dallo scienziato salentino Cosimo De Giorgi (1842-1922), insigne docente del “Costa”, la cui opera è stata poi ultimata dal suo altrettanto insigne successore, lo scienziato Liborio Salomi. Raccoglie ricchissime collezioni e testimonianze di fauna, flora, minerali, fossili ed ossa provenienti soprattutto dal territorio salentino ma anche con rari esemplari provenienti da ogni continente del pianeta. Per oltre 40 anni è rimasto chiuso fra le spesse mura dell’antico edificio, conservandone l’originale impostazione e arredamento. Varcare oggi la soglia del museo di scienze del Costa offre l’impagabile e affascinante sensazione di andare indietro di 100 anni e mettere piede nel secolo scorso. Ed è proprio questa la forte emozione che hanno provato i fortunati visitatori che sono entrati in questo incanto fermato nel tempo.


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CULTURA E SPETTACOLO"
16 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - Spazio ai giovani autori italiani alla Città del Libro di Campi Salentina. In occasione della XXII edizione della rassegna letteraria...

10 Novembre 2017 - Monteroni Di Lecce

Monteroni Di Lecce - Nuovo imperdibile appuntamento con la cover band di Luciano Ligabue “Figli di Rock 'n' Roll”. Venerdì 17 novembre il gruppo si...

03 Novembre 2017 - Lecce

Lecce - RADICI - Pizzicheria Salentina organizza - per il nono anno consecutivo - l’edizione romana del “San Martino Salentino”. Un evento,...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner